Club 2000m

Club Collezionisti Cime dell'Appennino

facebook

Redazione Club2000m

Redazione Club2000m

Presentazione dell’11^ Serata Sociale del Club 2000m

APPENNINO.TV

Articolo del 20 Novembre 2019

A distanza di 4 mesi dalla nostra ultima intervista siamo di nuovo con il Direttivo del Club 2000m Francesco Mancini in merito a quella che è diventata una delle più grandi manifestazioni di montagna annuali del centro Italia.

Francesco ideatore, organizzatore e coordinatore della 11^ Serata Sociale del Club 2000 raccontaci come è nata l’idea di fare questo grande evento proprio a Sora ?

Come dico sempre le Associazioni di volontariato sono quelle gestite dalle “ grandi persone “.

Quelle che sono capaci di avere capacità aggregative, professionalità, volontà, doti comunicative, cultura, elasticità mentale, ma soprattutto quelle che credono veramente in quello che si vuole realizzare.

A parole molti pensano di averle ma poi, nella nostra realtà, alla prova dei fatti si scontrano con la dura realtà.

Era il 28 Maggio del 2016 quando casualmente conobbi sulle 10 Cime degli Ernici (manifestazione organizzata dal Grandissimo Appenninista Claudio Cecilia) una piccola ma grandissima ragazza che si chiamava Simona Prosperi.

Mi sembra di ricordare che arrivato a quota 1908 sulla Cima del Monte Ortara si avvicina con il suo bellissimo sorriso, si presenta e mi dice “ Ciao ma Tu sei il famoso Francesco Mancini del Club 2000m ? “.

Ecco tutto nasce così, con la voglia dell’animo umano di far nascere un vero rapporto fatto con il cuore.

Quel giorno notai la forza fisica di Simona nel realizzare quasi 30 km di montagna senza colpo ferire.

E poi la sua attitudine di apprendere sempre più il nostro mondo, di imparare, di confrontarsi, di crescere sempre nel pieno rispetto della esperienza di colui che aveva di fronte.

001

Simona Prosperi Coordinatrice dell’evento a Sora (AE CAI Sora)

In poco tempo infatti Simona Prosperi è entrata nel Consiglio Direttivo del Club Alpino Italiano di Sora e poi è diventata Accompagnatore di Escursionismo.

Purtroppo l’attuale lavoro l’ha fermata e questo mi dispiace molto perché Simona può arrivare molto più in alto con tutte le capacità di cui dispone.

Speriamo anzi che qualche lettore di questo articolo, legato alla Città di Sora, possa aiutare Simona nel proporgli una attività lavorativa più confacente alle sue potenzialità.

Tutto quanto sopra per ringraziare Simona Prosperi che in questi anni mi ha costantemente dimostrato un immenso affetto sincero nonostante la lontananza.

Grazie anche a Lei e alla sua volontà di coordinare questo evento come rappresentante del C.A.I. di SORA che la cittadina avrà centinaia e centinaia di escursionisti, appenninisti e alpinisti che presenzieranno alla manifestazione.

Come si è sviluppato il rapporto di collaborazione con il Club Alpino Italiano di Sora ?

In una notte buia e tempestosa (causa meteo molto avverso, ma noi eravamo al chiuso) in occasione della Festa dei 90 Anni del Club Alpino italiano di Sora sono stato invitato ed li ho conosciuto il Presidente Lucio Meglio che mi piace precisare è anche Professore presso l’Università di Cassino oltre che giornalista e scrittore.

002

Foto di repertorio scattata in occasione della Festa dei 90 Anni del C.A.I. di Sora da Sinistra il Coordinatore della manifestazione Francesco Mancini, al centro Lucio Meglio Presidente del C.A.I. di Sora e Simona Prosperi Direttivo e A.E. C.A.I. SORA

Successivamente organizzata da Domenico Castellucci, attuale Vice Presidente del C.A.I. di SORA, abbiamo partecipato ad una indimenticabile salita ad anello sul VESUVIO insieme al Presidente del CLUB 2000M Giuseppe Albrizio.

003

Alle pendici del Vesuvio da sinistra Giuseppe Albrizio, Domenico Castellucci Vice Presidente del C.A.I. di Sora e Francesco Mancini

Abbiamo inoltre fra i simpatizzanti del nostro gruppo il Mitico Giorgio Lucarelli è venuto a trovarci in occasione del Raduno in Montagna sulle Cime del Terminillo.

E poi i tantissimi forti Appenninisti e Alpinisti che abitano in tutta la zona del Frusinate che dovevano finire il progetto del Club 2000m.

Mi sembrava il giusto riconoscimento e spinta motivazionale per spingerli a finire il meraviglioso Progetto del Club 2000m 

La bellezza della montagna è proprio questo.

Una serie di indimenticabili incontri legati a rapporti umani che sono culminati in questa grande manifestazione di montagna che si svolgerà Sabato 23 Novembre 2019 dalle 15.30 con ingresso libero al centro di Sora presso l’Auditorium Cesare Baronio

004

Il grande Auditorium Cesare Baronio situato al centro della Città di Sora

Grazie Francesco per queste chicche: abbiamo saputo che ci saranno tante associazioni di montagna…

In questi mesi mi hanno contattato da tutta l’Italia centrale e per questo motivo voglio ringraziare la locale CAMINANDO EN GRUPO ed il GEB (Gruppo Escursionisti di Balsorano) della F.I.E., i sempre presenti ZIS (Zaini in Spalla), i GEP (Gruppo Escursionisti della Provincia di Roma) della FederTrek, i MOUNTAIN LOVERS dal mare adriatico, i FREE MOUNTAIN dalle Marche, gli AMICI del MONTE RUAZZO dai Monti Aurunci, TREKKING ITALIA oltre che l’Associazione Meteo di CAPUT FRIGORIS.

005

Il Logo di Caminando en Grupo locale associazione di montagna della zona di Sora in rappresentanza di tutte quelle presenti

Voglio ringraziare inoltre i PRESIDENTI delle Sezioni C.A.I. Piero MIELE (CASSINO), Federico CEROCCHI (LATINA) Paolo NERI (PALESTRINA) che verranno anche alla CENA SOCIALE insieme ai tanti Direttivi e Soci di tutte le Sezioni CAI del CENTRO ITALIA (Roma, Castel Gandolfo, L’Aquila, Stabia, Piedimonte Matese, Palestrina, Terni, Amatrice, Colleferro, Sora, Ancona, Pescara, Lanciano, Latina, Tivoli, Alatri, Rieti, Antrodoco, Avezzano, San Benedetto del Tronto, Monterotondo, Isernia, Frosinone, Popoli, Esperia e Gallinaro) e chiedo scusa se mi sono scordato qualcuno.

Francesco come si svolgerà questo lungo pomeriggio di natura sociale e culturale legato ai monti con film, relazioni, libri, interviste e premiazioni?

Dopo la mia introduzione con una sorpresa dedicata alla generosità dei nostri Appenninisti lascerò la parola per i saluti iniziali di Amedeo Mattia PARENTE Presidente del C.A.I. REGIONE LAZIO, di Lucio MEGLIO  Presidente del C.A.I. di SORA, e di Giuseppe ALBRIZIO Presidente del Club 2000m e Accompagnatore Escursionistico Onorario del Club Alpino Italiano.

006

Foto di repertorio scattata in occasione della conferenza organizzata dalla SALEWA di Valmontone Outlet da sinistra Il Presidente del Club 2000m Giuseppe Albrizio con il Presidente del C.A.I. REGIONE LAZIO Amedeo Mattia Parente

Alternati alle premiazioni degli iscritti che hanno raggiunto i vari step di traguardi appenninici ci saranno le presentazioni dei 2 libri più importanti a livello appenninico usciti nell’anno 2019.

007

La copertina della grande guida del Fotografo Naturalista Luigi Tassi “IL GRAN SASSO e le ALTE CIME“

Il Fotografo Naturalista Luigi TASSI presenterà la Grande Guida “ IL GRAN SASSO E LE ALTE CIME “ mentre il famoso giornalista e scrittore Stefano ARDITO ci illustrerà la Sua ultima fatica letteraria “ VETTE DELL’APPENNINO CENTRALE “.

008

La copertina dell’ultima fatica letteraria del famoso giornalista e scrittore Stefano Ardito “VETTE dell’APPENNINO CENTRALE“

Ospite d’eccezione in rappresentanza della storica Sezione del Club Alpino Italiano di SORA il Direttivo Giorgio LUCARELLI con il suo ultimo ciclo-viaggio in solitaria sulla strada delle ossa nella siberia estrema.

009

Il Direttivo della storica Sezione del Club Alpino Italiano di SORA Giorgio Lucarelli durante il suo ultimo ciclo-viaggio in solitaria

Apre la serata l’intervento di Giuseppe ARDENTE che direttamente dal Rifugio Fonte Tarì sulla Majella, con la Sua Associazione Majella Sporting Team, ci parlerà della importante funzione della Jolette per aiutare tutte le persone con handicap fisici a godere della bellezza della montagna.

010

Giuseppe Ardente gestore del Rifugio Fonte Tarì nella Majella in una delle manifestazione legate a MONTAGNE SENZA BARRIERE

Si chiude con l’alpinista Giorgio GIUA colui che ha realizzato TUTTE le Cime dell’Appennino in veste invernale ed il Suo libro pieno di emozioni dal titolo “GIORNI DIVERSI“.

011

La copertina del Libro scritto dall’Alpinista Giorgio Giua “ GIORNI DIVERSI “

Si ringraziano inoltre gli SPONSOR della manifestazione: lo storico negozio a Sora di sport e outdoor 2 “ALONZI 82“  e il caratteristico locale delle “TAVERNA del LUPO“ presso il Rifugio di Forca D’Acero.

012a 

Il LOGO Di quello che è lo SPORT a SORA nel centro storico in Via Cittadella, 18

013

Il caratteristico locale della TAVERNA del LUPO al Rifugio di Forca D’Acero

Alle 20.30 è prevista la ricca CENA SOCIALE presso l’elegantissimo Ristorante-Albergo OLIMPUS alla quale hanno già prenotato l’incredibile numero di 250 PERSONE, ma molte di più sono previste nell’auditorium  !!!

014

L’elegantissima Sala Banchetti del Ristorante-Albergo OLIMPUS

In attesa dell’articolo con cui racconteremo questo incredibile evento, visti i numeri che ci hai anticipato, lasciaci un pensiero finale.

Personalmente vorrei abbracciare tutti coloro che interverranno nonostante i tanti km da fare in auto segno che il Club 2000m non è quello che alcuni pensano un Club di Collezionisti di Cime dell’Appennino ma un Club di veri esperti dell’Appennino che fanno dell’amicizia e della condivisione il perno della propria esistenza di vita e di montagna. Siete impagabili  !!!

015

Francesco Dott. Mancini

Locandina Manifestazione

Sora - Undicesima serata Sociale del Club 2000m

Su TG24info

Articolo del 15 Novembre 2019

Grande manifestazione di montagna si svolgerà il prossimo sabato 23 novembre 2019 dalle 15.30 con ingresso libero al centro di Sora presso l’Auditorium Cesare Baronio con cena Sociale finale presso l’Hotel Olimpus.


Ideata e organizzata da Francesco MANCINI Direttivo del Club 2000m e del C.A.I. insieme al Direttivo e A.E. della storica Sezione del Club Alpino Italiano di SORA Simona PROSPERI vedrà arrivare nella città centinaia e centinaia di escursionisti, appenninisti e alpinisti da tutta l’Italia.

Evento Nazionale giunto alla sua 11^ edizione che prevede una lungo pomeriggio di natura sociale e culturale legato ai nostri monti con film, relazioni, libri, interviste e premiazioni.

Grandissima partecipazione di tantissime associazioni di tutta l’Italia centrale.

Dalla locale CAMINANDO EN GRUPO e GEB (Gruppo Escursionisti di Balsorano) della F.I.E., i sempre presenti ZIS (Zaini in Spalla), i GEP (Gruppo Escursionisti della Provincia di Roma) della FederTrek, i MOUNTAIN LOVERS dal mare adriatico, i FREE MOUNTAIN dalle Marche, gli AMICI del MONTE RUAZZO dai Monti Aurunci, TREKKING ITALIA oltre che l’Associazione Meteo di CAPUT FRIGORIS.

Presenti inoltre Presidenti, Direttivi e rappresentanti delle Sezioni C.A.I. di TUTTA l’Italia centrale.

Con l’introduzione e poi conduzione della lunga serata da parte del Grandissimo Appenninista Francesco MANCINI ci saranno i saluti di Amedeo Mattia PARENTE Presidente del C.A.I. REGIONE LAZIO, di Lucio MEGLIO Presidente del C.A.I. di SORA e di Giuseppe ALBRIZIO Presidente del Club 2000m e Accompagnatore Escursionistico Onorario del Club Alpino Italiano.

Alternati alle premiazioni degli iscritti che hanno raggiunto i vari step di traguardi appenninici ci saranno le presentazioni dei 2 libri più importanti a livello appenninico usciti nell’anno 2019.

Il Fotografo Naturalista Luigi TASSI presenterà la Grande Guida “ IL GRAN SASSO E LE ALTE CIME “ mentre il famoso giornalista e scrittore Stefano ARDITO ci illustrerà la Sua ultima fatica letteraria “ VETTE DELL’APPENNINO CENTRALE “.

Ospite d’eccezione in rappresentanza della storica Sezione di SORA il Direttivo Giorgio LUCARELLI con il suo ultimo ciclo-viaggio in solitaria sulla strada delle ossa nella siberia estrema.

Apre la serata l’intervento di Giuseppe AREDENTE che direttamente dal Rifugio Fonte Tarì sulla Majella con la Sua Associazione Majella Sporting Team ci parlerà della importante funzione della Jolette per aiutare tutte le persone con handicap fisici a godere della bellezza della montagna

Si chiude con l’alpinista Giorgio GIUA colui che ha realizzato TUTTE le Cime dell’Appennino in veste invernale ed il Suo libro pieno di emozioni dal titolo “ GIORNI DIVERSI “.

Mountlive.com 11 Novembre 2019

Girovagando in Appennino con Rocco:

la felicità è una cosa semplice

di Silvia Berti

foto001a

Di fronte a me un foglio bianco, lo fisso a lungo, penso come riempirlo di emozioni, di appennino perché di questo andrò a scrivere. Pian, piano le idee iniziano a prenderne forma, seppur confuse a ricordi nitidi, tutto si delinea e prende vita attraverso fiumi d’inchiostro; il mio viaggio scritto.

Inizio a camminare in montagna con semplici passeggiate sui Lucretili e mi son così innamorata; ho percepito che potevo andare, conoscere, vedere di fare qualcosa di mio, che aiutasse il mio spirito inquieto. Poi un amico mi parlò del Club2000m, compresi che questo club aveva il metodo per aiutarmi a gironzolare …. Mi iscrissi. Inseguendo le cime del loro elenco, in un certo modo, iniziai a camminare e vedere …era ciò che volevo, seguendo il loro metodo per ogni gruppo montuoso con molte ripetizioni etc.. Alla fine ho portato a termine questo elenco, mi è sembrato come dire doveroso, un ringraziamento a chi ha illuminato la mia curiosità e voglia di andare in montagna.

L’appennino, non molto considerato, spesso dimenticato, riserva invece delle grandi sorprese ad occhi esperti ed attenti, offrendo interessanti specifiche attività per ogni tipologia di gradimento. Attraverso il lungo girovagare su di esso si apprende la storia, la nostra storia, e mi son resa conto che tutto il nostro essere di oggi è ancorato sulle montagne, proviene da esse. Nei secoli l’appennino ha saputo dare vita e lavoro alle popolazioni, poi l’avvento dell’era moderna e la vita ritenuta comoda delle città, il reddito certo che garantisce sostegno ai nuclei famigliari ha fatto sì che le nostre montagne son andate sempre più spopolandosi. Grande peccato da un lato, ma non male per la conservazione dei paesaggi rimasti integri, perché dove l’uomo vive con maggiore concentrazione ahimè crea danni irreparabili all’ambiente. Lontana è ancora la convivenza fra tutela ambientale e sfruttamento dei territori. I piccoli borghi e frazioni montane e premontane, conservano il loro fascino antico pressoché intatto, le piccolissime e numerose chiese sparse ovunque, i tantissimi eremi davvero presenti in appennino a testimonianza di un’antica vita spirituale molto forte in quelle epoche. Antiche opere idriche risalenti al periodo romano …funzionanti ancora. Un appennino selvaggio, ospitale sempre nell’adattarsi ad esso.

Certo non è il gran parco giochi dolomitico! Ho visto davvero cose inenarrabili! Ho davvero imparato molto! Salir su di esso è spesso senza sentieri o qualcosa che assomigli ad un sentiero; ciò aumenta la fatica e la difficoltà. Percorrere il viaggio attraverso l’appennino è carpirne i sapori e gli odori … respirarne l’essenza!

La scoperta dell’appennino è variegata, i paesaggi son diversi. L’emersione di queste montagne diversi milioni di anni fa le ha plasmate in modo unico. Passiamo da un Gran Sasso davvero dolomitico, agli aspetti lunari fantastici della Maiella . La Montagna madre, la sua sommità è un ‘enorme altopiano di quota con diverse elevazioni, completamente desertico…lunare. Ho atteso e sognato per un anno e mezzo la salita alla sua vetta principale, l’Amaro, non mi sentivo mai pronta ad affrontare tale dura salita, non mi sentivo alla sua altezza, avevo paura, ho rinunciato una volta … poi accade che la stessa montagna ti dà segni inequivocabili e trovi lì le persone giuste, disposte a raccogliere il tuo grido d’aiuto, e salii fra la gioia, il pianto irrefrenabile; la fatica scomparve! Era in invernale e fu bellissimo, indimenticabile!

La montagna mi ha respinto, bastonato, più di una volta ed io ho capito la lezione …umilmente ho girato i tacchi, ed a capo chino son tornata e ritornata anche per 3 volte di seguito per una salita alla quale tenevo, quella salita rappresentava una sfida speciale con me stessa, per me! Adoro l’appennino innevato, la sua coltre bianca lo rende regale, come vestito a festa… il silenzio bianco della neve. La sposa promessa! Non c’è niente da fare la neve è proprio la giusta veste della montagna!

La neve profuma! Lo sapevate? È un odore unico!

Vivere notturne stellatissime, albe e tramonti su “Maya“ è un‘emozione particolare e si ha la perfetta sensazione di essere su Marte o sulla Luna… distaccati distanze enormi dalla terraferma, dai rumori, e perché no dagli umani!

Quando misi i miei umili piedi sulle Murelle fu come fare un’immersione subacquea in un fondale marino di milioni di anni fa: fantastico! I suoi valloni incassati, le cengie, i ricoveri pastorali molto presenti qui in luoghi impervi, ieri come oggi poi son la testimonianza di una vita viva a queste alture. Bello è osservare la fioritura su di essi… con specie rare come la adonis distorta, la pinguicola o la adonis vernalis o la soldanella alpina minum…

La fauna numerosa fra camosci, cervi, orsi, lupi, aquile, falchi e piccoli volatili… grifoni… che ben convive con i locali, meglio che al nord….

Ho avuto la fortuna di vedere un’orsa incinta …ero a distanza di sicurezza… non credevo ai miei occhi! Strabuzzando gli occhi e non respirando riuscii a fare una foto! Indimenticabile emozione. Il PNALM è unico!

Poi le montagne del dolore… il terremoto sempre presente in appennino. Le vite umane perse, il dolore, tanto dolore. Ha distrutto città e strade rendendo difficile la già precaria rete stradale. Ho visto Amatrice l’ultima volta due giorni prima la grande scossa… resterà sempre nei miei ricordi! I week end trascorsi là per la Laga, gli appuntamenti davanti alla chiesa di Sant’Agostino chissà se torneranno. Salire sulla montagna e vedere le sue spaccature, ferite aperte, rende l’idea di quel che può esser accaduto in basso… L’appennino del nord è boscoso, bello, ordinato, ben segnato e regala altri scenari, altri monti da vedere… però quando arrivi al sud con il parco del Pollino resti rapito. Il Pollino è wild davvero, non ha rifugi… al suo interno, il solo il bivacco Gaudolino, su una superfice enorme. Sapevo che era bello ma non cosi strabiliante. Là sei atteso dai grandi pini loricati, pare di 1.230 anni fa, cosi l’ultimo esemplare è stato datato, giustamente tenuto nascosto il punto… con la loro coriacea corteccia, una lorica appunto. Enormi, e penso a quanta storia è passata e secoli attraverso loro… e quanto siam piccoli noi al loro cospetto, granelli di polvere siamo nell’universo e quanti danni arrechiamo. Esser là, è proprio stare in ritiro spirituale con se stessi, un luogo che sa di eterno e che ti porta a riflettere, sul tuo essere umano, sulla tua condizione, sulla tua vita, per me è stato cosi. Ci son tornata con la gioia nel cuore e ci tornerò ancora!

Poi la bellezza dell’Orsomarso… e mi fermo.

Le mie solitarie, non proprio, con il mio cagnolone Rocco, il migliore compagno d’escursione son indelebili. Fra di noi ormai si è instaurato un rapporto tale che siamo indissolubili… Rocco è perfettamente addestrato alla montagna… Mi protegge, fiuta pericoli e se torna indietro meglio assecondarlo, c’è qualcosa che non va… La montagna con il mio cane diventa speciale, altre sensazioni mi arrivano chiare. Dal mio cane ho imparato meglio a sviluppare il mio olfatto… nel bosco… l’odore del muschio, della terra bagnata e foglie mi giunge ora fortissimo.

Le solitarie vere poi dopo un mio incidente le ho molto diradate…. Le amo e ne ho bisogno spesso, ma ora scelgo percorsi semplici e facilissimi perché dopo la mia caduta, avere qualcuno vicino aiuta soprattutto come calore umano e psicologico ed ho compreso come sia meglio non esser soli in certe situazioni. Ho avuto davvero paura. Ho ancora paura.

Un lungo girovagare che ti porta ad essere di casa nel paese Italia con la bellezza della quale mica tanto ne ero cosi consapevole come ora. Un appennino girovagato e camminato davvero con il cuore, e con i montanari locali, ho apprezzato di più ciò, attraverso di loro ho conosciuto angoli nascosti ai più. Ho ascoltato le loro storie di briganti in Maiella e di vecchie salite. Ho visto e percorso antichi tratturi e vie di transumanza antiche, qualcosa di unico anche se molto wild e selvaggio. Qualcosa che ti fa capire che le distanze son si impervie ma molto minori ai km di autostrada… E devo ringraziarli per aver condiviso con me la loro montagna, accogliendomi come la montagna mi accoglie, e mi respinge anche a volte!

Cosa resta oggi di questo girovagare in me? Ovvio molte cose son troppo intime per scriverle e troppo personali, ma di sicuro oggi io son diventata una persona diversa da come ero… la montagna ha cambiato il mio essere, rendendomi migliore più di quanto non lo fossi già.

Il cammino in Appennino ha saputo curare le mie ferite interiori, mi ha reso più forte ed ha aumentato la consapevolezza di me e della vita, affrontando ogni giorno come fosse l’ultimo e godendo di piccole cose perché la felicità alla fine è una cosa semplice!

Una frase scontata?

E’ così davvero ed il mio cammino in Appennino è come una lunga storia d’amore fatta di amore e passione ed odio, costellata da sacrifici, rinunce, sorrisi, vittorie e tante piccole soddisfazioni. A questa storia d’amore sento ora più che mai , che non potrò mai rinunciare!

Venerdì, 29 Novembre 2019 14:07

2019 Luglio 24: Alla Riscoperta del Club 2000m

Alla riscoperta del Club 2000m

APPENNINO.TV Articolo del 24 Luglio 2019

Intervista a Francesco Mancini

Siamo qui con il Grandissimo Appenninista Francesco Mancini uno dei più importanti componenti del Consiglio Direttivo del Club 2000m ma anche appartenente al CAI da più di 20 anni della Sezione di AVEZZANO oltre che alla FederTrek.

Francesco con il Club 2000m, istituzione principe dell’Appennino, avete recentemente organizzato un raduno, com’è andato?

Innanzitutto voglio rivolgere i miei più vivi complimenti a tutti Voi ideatori e redattori di questo nuovo portale informatico dedicato alla montagna per lo spazio che ci avete dedicato augurando i più grandi successi professionali.

001a
In foto: il recente incontro che la Redazione di Appennino TV ha avuto con Francesco Mancini che vede da sinistra Arianna Manca, Fabio Orfei, Emanuele Cascapera e Lucio Virzì.

In merito al 6° Raduno in Montagna devo dire che quest’anno è stato particolarmente difficile coordinare il Raduno che ricordo è stato in collaborazione con il CAI di Amatrice del Presidente Franco Tanzi in quanto, a causa del pessimo meteo di Maggio e parte di Giugno, siamo stati costretti a rimandarlo per 3 volte.

Le prime due volte a causa del meteo e la terza per la contemporaneità con un altro evento quale l’anteprima nazionale a Fonte Cerreto de L’Aquila della Guida di Luigi Tassi “ Il Gran Sasso e le Alte Cime “ che ci ha visto protagonisti come Club 2000m, per la prima volta in un libro così importante, con il Logo, un capitolo a noi riservato, i ringraziamenti e le Cime valide per l’Elenco del Club 2000m.

Siamo andati troppo in avanti con la data e ciò ha comportato delle assenze di coloro che avevano già prenotato viaggi per le Cime sia del Tosco-Emiliano che del Calabro-Lucano oltre alle ferie e altri impegni sia di natura personale che di montagna in quanto molti nostri iscritti sono anche accompagnatori di diverse sezioni del Club Alpino Italiano.

Tuttavia complessivamente è andato tutto splendidamente per i tanti incontri che si fanno in questa occasione fra coloro che salgono prima, che ci raggiungono dopo, che salgono da altri versanti oltre al grande gruppo iniziale.

Queste occasioni servono per rivederci dopo 1 anno o per conoscerci dal vivo e poi il Raduno aveva lo scopo raggiunto di riportare tante persone ad Amatrice per permettere anche solo per un giorno di far rivivere questi territori così duramente dal Terremoto.  

002a
In foto: Una parte del grande gruppo iniziale in partenza da Macchie Piane alle pendici di Pizzo di Sevo della Laga (Foto di Paolo Gentili)

Sicuramente un grande successo, ma vogliamo ricordare ai nostri lettori quali sono i valori e gli obiettivi che il Club 2000m si prefigge?

Ricordiamo che la realtà Appenninica del Club 2000m, che vede quasi 1400 iscritti, ha la finalità di raggiungere TUTTE le 243 Cime riconosciute nell’elenco ufficiale situate fra i 2000 m ed i quasi 3000 m del Gran Sasso D’Italia di TUTTO l’Appennino Italiano, da quello Tosco-Emiliano fino a quello Calabro-Lucano, senza dimenticare quelle che si trovano fra Umbria, Marche, Abruzzo, Lazio e Molise.

Il Club 2000m nasce ufficialmente il 2 Luglio del 2007 da una idea del Presidente Giuseppe Albrizio (http://www.lemiepasseggiate.it), Claudio Carusi (http://www.fagustrek.it), Livio Rolle attualmente anche Guida e Formatore della FederTrek a cui si è aggiunto successivamente il Direttivo Francesco Mancini (http://www.esplorandox.it).

L’obiettivo è quello di stimolare gli escursionisti che vivono le montagne più alte dell’Appennino a conoscerle sempre meglio anche quelle meno note, ad individuare nuovi percorsi, e a condividere con altri amici appassionati il proprio stupore per la bellezza di luoghi meno frequentati con le vie di salita e gli itinerari individuati.

Lo stimolo alla scoperta di nuove cime e di nuovi percorsi è dato dalla curiosità per quelle ancora non raggiunte, presenti nell’elenco ufficiale dei 2000 m dell’Appennino, fiore all’occhiello del Club, primo elenco assoluto e riconosciuto in Italia. Sulla base del predetto elenco ciascuno può spuntare su una scheda personale le proprie cime e confrontarsi con gli altri in una classifica che ha il solo scopo di incitare ad uscire dai percorsi più battuti senza spirito agonistico.

003a
In foto: Un momento del Raduno in Montagna del Club 2000m realizzato sul Terminillo

Ormai siete una realtà affermata, quale sono i progetti futuri che vi ponete come Associazione?

Con il passare degli anni e soprattutto con la maggiore visibilità e quindi importanza del Club stiamo cercando di curare maggiormente alcuni aspetti di natura più specifica rispetto al passato.

Ci sentiamo maggiormente responsabilizzati anche se non è facile perché nasciamo come singoli montanari con un senso di individualità che spesso è prevalente.

Gli obiettivi futuri sono sempre quelli della condivisione e dei rapporti umani non solo fra tutti noi del Club 2000m ma anche con le altre realtà di montagna che vivono la nostra stessa passione.

Un esempio di tutto questo lo ha dato proprio la Sezione CAI di AVEZZANO che mi ha invitato come ospite d’eccezione in rappresentanza del Club 2000m alla prima giornata di “ Festa dei 90 anni della Sezione “ che per 5 giorni da Lunedì 29 Luglio a Sabato 3 Agosto 2019 presso la prestigiosa sede della sala convegni di Palazzo Torlonia di Avezzano fra conferenze, stand e palestre di arrampicata allieterà il pubblico presente.

Per questo motivo voglio ringraziare il Presidente Tonino Di Palma, il Past President Giovanni Olivieri, il Direttivo e Coordinatore dell’evento Romano Sfirri e il Direttivo e AE Fabio Antifora.

004a
In foto: La locandina della giornata di apertura della festa dei 90 Anni della Sezione CAI di Avezzano che vede il Club 2000m ospite d’eccezione nella giornata di apertura di Lunedì 29 Luglio 2019

Che consigli ti senti di dare ai nostri lettori che vorrebbero iniziare a “collezionare“ cime ?

Nel mio ruolo, che non è solo di Consigliere del Direttivo, ma anche di organizzatore di eventi del Club e di curatore dei rapporti istituzionali con le altre realtà associative mi interfaccio quotidianamente con tanti iscritti che mi chiedono informazioni e consigli su qualsiasi aspetto legato non solo al Club ma anche alla montagna in generale e sull’Appennino in particolare anche di Regioni lontane dalla nostra realtà classica.

A loro dico sempre che non si deve parlare di “Collezione“, termine che da alcuni viene visto negativamente perché frainteso, ma di “Esplorazione“.

Con la scusa di inserire le Cime ascese nel proprio Albo il vero Progetto del Club 2000m è quello di raggiungere luoghi e montagne che non avresti mai pensato di raggiungere, percorrere sentieri che non avresti mai pensato di fare di tutta la dorsale Appenninica Italiana.

005a

In foto: un autoscatto della solitaria infrasettimanale in MTB che ha fatto Francesco Mancini pochi giorni prima del Raduno sul Monte Autore a quota 1855 m dei Monti Simbruini

Sei stato gentilissimo Francesco, ma prima di salutarci vorrei chiederti una cosa sulla quale credo ci sia bisogno di far chiarezza: quali sono i requisiti necessari per potersi accreditare una cima? La “foto di vetta” è necessaria? Quali requisiti servono affinché una vetta possa essere considerata raggiunta in assetto invernale?

Ti ringrazio per queste 2 domande sulle quali possiamo fare chiarezza definitiva su questi aspetti sempre molto controversi e discussi.

In merito all’accreditamento di una cima il mio pensiero è quello di un purista della montagna: premesso che difficilmente non si lascia a se stessi il ricordo con una  “ foto di vetta “ ritengo tuttavia che la maggioranza – una volta avrei detto tutti – di coloro che raggiungono lo cime debba possedere quella che chiamo “ onestà intellettuale “ cardine di queste esperienze che in fondo ognuno compie per realizzare quella felicità interiore che noi conosciamo.

Per quanto concerne le “Cime Invernali“ faccio mie le parole del Presidente del Club 2000m Giuseppe Albrizio che ricordiamo è stato insignito di una speciale onorificenza da parte del Club Alpino Italiano Centrale nominandolo Accompagnatore Escursionistico Onorario.

Tale riconoscimento è stato concesso in via del tutto eccezionale poiché riservato solo ai Soci del Club Alpino Italiano che in uno specifico settore abbiano svolto attività significative e si siano particolarmente distinti.

(Il suo Blog è http://www.lemiepasseggiate.it/)

006
In foto: gli Organi Tecnici Territoriali Operativi di Escursionismo del Club Alpino Italiano Memmina De Nardis e Luciano Roma durante la consegna ufficiale al Presidente del Club 2000m della Giacca di “AE Onorario“.

“La collezione dei 2000 dell’Appennino saliti in inverno o in condizioni invernali è un’idea del grandissimo Alpinista ma anche Appenninista Cristiano Iurisci mentre il LOGO dello scudetto è stato ideato da Cleverson Ferrara.

I criteri proposti da Iurisci sono poi stati adattati dal Club come segue: si considera quella fatta secondo calendario cioè dal 21 Dicembre al 21 Marzo oppure quella fatta in condizioni invernali, quando cioè per raggiungere la vetta è stato obbligatorio percorrere la via scelta per almeno il 50% su neve o ghiaccio“

007a 

In foto: Il Presidente del Club 2000m Giuseppe Albrizio in uno dei momenti della premiazione con lo Scudetto Invernale alla Serata Sociale del Club 2000m per le 100 Cime di Claudio Carusi uno dei fondatori del Club 2000m

Concludo ricordando a tutti che la nostra Riunione Annuale durante la “ XI Serata Sociale del Club 2000m “ quest’anno sarà quasi sicuramente nella giornata di Sabato 23 Novembre dalle 16 in poi con la consueta Cena Sociale.

Per questo motivo voglio ringraziare il Presidente del CAI di Sora Lucio Meglio, il Grande Giorgio Lucarelli Alpinista e Ciclo Viaggiatore e la mia Simona Prosperi Direttivo e AE SORA che coordinerà con il sottoscritto la manifestazione che si svolgerà proprio al centro di Sora.

Aspettiamo quindi tutti gli iscritti, gli amici ed i simpatizzanti per una lunga giornata di relazioni, incontri, filmati e premiazioni ma soprattutto di Amicizia che è il vero perno motore del Club 2000m.

008 

In foto: Ai piedi del Monte Trani nel PNALM il Direttivo e AE CAI SORA Simona Prosperi che coordinerà insieme a Francesco Mancini la XI Serata Sociale del Club 2000m che si svolgerà al centro di Sora (Foto di Francesco Mancini)

Potete seguire il Club 2000m sul Gruppo FB Ufficiale “ Club 2000m ”, sul Sito Internet www.club2000m.it e Francesco Mancini sul suo blog personale www.esplorandox.it

Giovedì, 28 Novembre 2019 11:09

Undicesima Serata Sociale del Club 2000m

23 Novembre 2019

Sora

 

Nota:

altre notizie riguardo "prima-durante-dopo" la serata sociale del Club 2000m

le potete trovare nel Blog di Francesco Mancini EsplorandoX 

001a

001 - la locandina dell'11^ Serata Sociale del Club 2000m

002 

002 - l'Auditorium Baronio (Sora-Frosinone) gremita in ogni ordine di posti

003 

003 - particolare dell'Auditorium

004 

004 - i due organizzatori della Serata Sociale, da sinistra: Francesco Mancini e 

Simona Prosperi

004a 

004a - un aiuto "fondamentale" per Francesco, il figlio: Daniele Mancini

005  

005 - premiazione 50 Cime dell'Appennino 

006 

006 - il gruppo degli Appenninisti 50 cime al completo 

007 

007 - Elena Sabatini

008 

008 - Roberto Contestabile

009 

009 - Daniela Pavel

010 

010 - Lorenzo Imbimbo

011 

011 - Roberto Vari

012 

012 - Giuseppe Loreti

013 

013 - Marco Campagnone

014 

014 - Paola D'Ippolito

015 

015 - Iris Skrame

016 

016 - Alessio Alessandrini

017 

017 - premiazione 100 Cime dell'Appennino

018 

018 - il gruppo Appenninisti 100 Cime al completo

019 

019 - Maurizio Galante

020 

020 - Simona Vecchi

021 

021 - Andrea Tuzzi

022 

022 - Danilo Giancani

023 

023 - Federica Carabiniere e Nicola Polcino

024 

024 - Leonardo Imperatore

025 

025 - Daniele Capogna

026 

026 - Liliana Gismondi

027 

027 - Massimigliano Pittiglio

028 

028 - Alessandro Nironi

029 

029 - Massimo Patacchiola

030 

030 - Massimiliano Paiano

031 

031 - Vincenzo D'Itri

032 

032 - premiazione 200 Cime dell'Appennino

033 

033 - il gruppo Appenninisti 200 cime al completo

034 

034 - Alfredo Tamburri

035 

035 - Maurizio Cianfarani

036 

036 - Alessandro Cianforlini

037 

037 - Alessio Petrelli

038 

038 - Claudio De Persio

039 

039 - Arturo Pellegrini

040 

040 - Marco Federici

041 

041 - Paola Colizza

042 

042 - David Mocci

043 

043 - Gabriele Di Falco

044 

044 - Angellamaria Tresca

045 

045 - Tommaso Parisi 

046 

L'ALBO d'ORO dei GRANDISSIMI APPENNINISTI lo potete consultare qui: Albo d'Oro Appenninisti

046 - premiazione Tutte le Cime dell'Appennino

047 

047 - il gruppo Appenninisti Tutte le Cime dell'Appennino al completo

048 

048 - Paolo D'Annunzio

049 

049 - Silvia Berti

050 

050 - Riccardo Capitelli

051 

051 - Mauro Lucatelli

052 

052 - Paolo Buccilli

053 

053 - Antonio Muscedere

054 

054 - Daniele Grossi (al centro, a destra suo padre Agostino)

055 

055 - Franco Accettola

056 

056 - Rossana Ciummo

057 

057 - Roberto Ficcadenti

058 

058 - Andrea Cappadozzi

059 

059 - Massimiliano Lacioppa

060 

060 - Marco Maroscia

061 

061 - Romanas Kazakevicius

062 

062 - Rita Stutz

063 

063 - premiazione 25 Cime dell'Appennino Invernali

064 

064 - da sinistra: Leonardo Imperatore, Claudio De Persio, Federica Carabiniere, Alessio Petrelli

065 

065 - premiazione 50 Cime dell'Appennino Invernali

066 

066 - da sinistra: Luca Flamini, Nicola Luongo, Alba Pacifici, Giuseppe, Maurizio Cianfarani, Alfredo Tamburri

067 

067 - premiazione 100 Cime dell'Appennino invernali

068 

068 - da sinistra: Adriano Formichini, Augusto Catalani, Stefano Ardito, Giuseppe, Angelo Capoccia, Francesco Mancini

069 

069 - premiazione TUTTE le Cime dell'Appennino invernali

070 

070 - Giorgio Giua

071 

071

072 

072

073 

073

074 

074

075 

075 - al centro il Presidente del CAI di Sora Lucio Meglio

076 

076 - un attimo di riposo per Francesco Mancini

077 

077 - Giuseppe Ardente

078 

078

079 

079 - Luigi Tassi

080 

080

081 

081

082 

082 - Giorgio Lucarelli

083 

083

084 

084 - da sinistra: Giorgio Giua, Giuseppe Ardente, Luigi Tassi, Stefano Ardito, Giuseppe, Giorgio Lucarelli, Francesco

085 

085 - Mario Biagi

086 

086

087 

087 - al centro da sinistra: Naldo Giammarco e Pietro Avella

088 

088 - Stefano Ardito

089 

089

090 

090 - da sinistra: Giorgio Giua e Alberto Osti Guerrazzi

091 

091 - Sara Pietrangeli

092 

092 - Giorgio Giua, Giuseppe Celli

093 

093

094 

094

095 

095 

096 

096

097 

097 -

098 

098 

099 

099

100 

100

101 

101

102 

102

103 

103

104 

104

105 

105

106 

106

107 

107

108 

108

109 

109

110 

110

111 

111

112 

112

113 

113

114 

114

115 

115

116 

116

117 

117

118 

118

119 

119

120 

120

121 

121

122 

122

123 

123

124 

124 - da sinistra: Mario Biagi, Giuseppe, Arturo Pellegrini

124a

124a - Mario Biagi, Teresa, Giuseppe, Arturo Pellegrini 

125 

125 - in primo piano Giuseppe Tuccillo, in piedi Giuseppe, a destra Franco Bassanelli

126 

126

127 

127

128 

128

129 

129

130 

130

131 

131

132 

132

133 

133

134 

134

135 

135

136 

136

137 

137

138 

138

139 

139

140 

140

141 

141

142 

142

143 

143

144 

144

145 

145

146 

146

147 

147

148 

148

149 

149

 

Si considera salita invernale quella fatta in inverno secondo calendario (21 dicembre, 21 marzo) oppure quella fatta in condizioni invernali, quando cioè per raggiungere la vetta è stato obbligatorio percorrere la via scelta per almeno il 50% su neve o ghiaccio.

NB: Per terminare la "collezione" NON e' necessario salire le cime alpinistiche e quelle in riserva integrale del PNALM; vale la stessa regola della salita delle cime senza neve, quindi le cime si riducono da 261 a 243 

Le cime alpinistiche sono: Vetta Centrale del Corno Grande Gran Sasso D'Italia  2893 m

                                            Torrione Cambi (Gran Sasso D'Italia)                            2875 m 

                                            Punta Dei Due (Gran Sasso D'Italia)                              2608 m

                                            Dente del Lupo (Gran Sasso D'Italia)                            2297 m

                                            IL Tempio (Gruppo Velino-Sirente)                                2099 m

 

Le cime in riserva integrale del PNALM sono: Monte Petroso                                 2249 m

                                                                           Monte La Meta                                2242 m

                                                                           Monte Ninna                                    2220 m

                                                                           Monte Petroso, anticima Sud          2193 m

                                                                           Monte Tartaro                                  2191 m

                                                                           Gendarme de La Meta                     2185 m

                                                                           Monte della Corte                            2182 m

                                                                           Monte Petrosello                             2171 m

                                                                           Monte Altare                                    2174 m

                                                                           Monte Capraro                                 2100 m

                                                                           Monte Iamiccio                                2074 m

                                                                           Balzo della Chiesa                           2073 m

                                                                           Cima di Passo Cavuto                     2002 m

                                                                           

La classifica invernale prevede appositi scudetti, il primo a 25 cime, poi a 50, 100, 200 e TUTTE (per TUTTE si intende la fine del progetto che sono la "collezione" di 243 cime).

001 - volantino serata ad Amatrice

In occasione dell'incontro di Gian Luca Gasca con Amatrice

             Giuseppe Albrizio parla del Club 2000m

001

Corriere di Rieti - Giovedi 30 Maggio 2019 - "L'Iniziativa"

Perdersi ritrovando se stessi in Appennino

L'incontro ad Amatrice con Gian Luca Gasca, scrittore e camminatore

di Ines Millesimi

Gian Luca Gasca incontra Amatrice sabato 1 giugno alle ore 18 alla Sala del Gusto, Area food di Amatrice. E' il terzo evento di Montagne in Movimento del CAI Amatrice, con il patrocinio del Comune di Amatrice e il sostegno di Montura (ingresso libero).

L'incontro con il giovane scrittore e instancabile camminatore è mirato soprattutto a far conoscere con occhi diversi la dorsale appenninica e le montagne della Laga attorno ad Amatrice. Gian Luca ricostruirà attraverso i suoi ricordi le impressioni molto forti della seconda terribile scossa del 30 ottobre 2017 visto che si trovava quella mattina ad Amatrice. Sarà un racconto emozionante e avvincente, con l'uso di immagini del suo lunghissimo viaggio a piedi; sarà l'occasione per ricostruire con i presenti un diario intimo e sincero di tanti personaggi incontrati, soprattutto partendo dal celebre cantautore Francesco Guccini che si è ritirato a vivere in Appennino emiliano, a Pavana. Ad Amatrice verrà presentato il suo libro dal titolo simbolico Mi sono perso in Appennino, a riprova che un escursionista del Nord, con i suoi schemi mentali abituati alle Alpi, abbandona lungo il cammino quegli schemi scoprendo una montagna inattesa, più libera e selvaggia, forse più autentica: proprio in Appennino!

Sarà presente un' ampia delegazione di escursionisti dall'Emilia Romagna, appartenenti alle sezioni di Ferrara e di Lugo di Romagna che dal 31 maggio al 2 giugno soggiorneranno tra Accumoli e Amatrice per conoscere paesaggi, montagne e persone portando un aiuto solidale a chi in queste terre ci vive e ci lavora. Durante l'evento interverrà il Presidente del Club 2000 metri Giuseppe Albrizio per illustrare scopi e attività degli Appenninisti.

Gian Luca Gasca, classe 1991 è un reporter e scrittore di montagna. Amante dei viaggi con lo zaino in spalla, nel 2014 inizia ad organizzare una traversata delle Alpi che lo ha portato a stravolgere la sua carriera. Nell'estate 2015 attraversa le Alpi in parte a piedi e in parte con i mezzi pubblici. Impiega 54 giorni per andare da Trieste a Nizza e nel suo percorso "esplora" e raccoglie testimonianze di vita che oggi fanno parte del suo primo libro 54 giorni nel cuore delle Alpi (Fusta, 2016). Durante il 2016 scrive il suo primo libro dedicato alla storia dell'alpinismo Nanga Parbat, la montagna leggendaria (Alpine Studio, 2016) in cui racconta la storia della nona montagna del pianeta. Nel 2018 per Ediciclo pubblica Mi sono perso in Appennino. Sempre nel 2016 percorre gli Appennini con le stesse modalità utilizzate sulle Alpi, viaggio-preparazione per una sfida più grande. La sua passione per i viaggi lenti infatti, lo porta, nell'estate 2017, a partire da Torino per raggiungere a piedi e con i mezzi pubblici la base del K2.

Attualmente collabora e scrive per Meridiani Montagne e Montagna.tv.

Per ingresso libero fino a esaurimento posti comunica email la tua o le tue presenze a Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo.. Ci aiuterai a tenerti aggiornato con i nostri eventi di Montagne in Movimento CAI AMATRICE. Info 348.79.56.329

Un articolo uscito sul Quotidiano Ciociaria Oggi che parla del Grandissimo Appenninista Antonio Muscedere

che il giorno 11 Agosto 2019  ha concluso la scalata di TUTTE le cime dell'Appennino superiori ai 2000 metri

Muscedere Antonio

 

 

foto articolo Muscedere antonio ridotto

 

Venerdì, 12 Luglio 2019 14:15

Sesto Raduno in Montagna del Club 2000m

Monte Pelone Settentrionale

da San Angelo - frazione di Amatrice

località Macchie Piane

il racconto della sesto raduno in montagna del Club 2000 m lo potete leggere aprendo la NEWS N.38 di Francesco Mancini

la descrizione dell'escursione con cartina Google Earth e traccia GPX la potete leggere qui: Monte Pelone Settentrionale

000 locandina

la locandina

001

001 - Macchie Piane-Amatrice

002

002

003

003

003a

003a

003b

003b

003c

003c

003d

003d

004

004

005

005

006

006

007

007

007a

007a

007b

007b

008

008

008a

008a

008b

008b

008c

008c

008d

008d

009

009

010

010

011

011

012

012

013

013

013a

013a

013b

013b

013c

013c

014

014

015

015

016

016

016a

016a

016b

016b

017

017

018

018

018a

018a

018b

018b

018c

018c

018d

018d

018e

018e

018f

018f

019

019

020

020

021

021

022

022

023

023

024

024

025

025

026

026

027

027

028

028

029

029

030

 

 

 

 

 

 

Venerdì, 12 Luglio 2019 13:42

16 Giugno 2019: il Club 2000m ad Amatrice

Giornata di festa del Club 2000 metri ad Amatrice

FOTO1

Gruppo iniziale (Foto di Paolo Gentili)

16 Giugno 2019 – Quota 1550m – Macchie Piane di Sant’Angelo di Amatrice – 100 CUORI…1 SOLO BATTITO per il 6° Raduno in Montagna del Club 2000m realizzato in collaborazione con il CAI di AMATRICE del Presidente Franco Tanzi che ringraziamo per aver inserito questa uscita nel calendario sezionale.

Dopo 2 rinvii consecutivi dovuti al maltempo sulle alte cime dei Monti della Laga si è svolto l’incontro annuale in Montagna che vede partecipare tutti coloro che hanno aderito al Progetto del Club 2000m.

Il Sodalizio che racchiude iscritti e simpatizzanti di coloro che decidono di raggiungere TUTTE le 243 Cime inserite nell’albo ufficiale fra i 2000 e i quasi 3000 metri del Gran Sasso D’Italia da Nord a Sud di TUTTO l’Appennino Italiano da quello Tosco-Emiliano a quello Calabro-Lucano senza dimenticare le montagne di Lazio-Abruzzo-Marche-Umbria e Molise.

Un segno di solidarietà che il Club 2000m ha voluto lasciare ad AMATRICE e che ha visto una carovana di auto che da tutta l’Italia centrale hanno invaso questi territori duramente colpiti dal recente terremoto.

Dalla Salaria per chi proveniva da Roma e da Ascoli Piceno e dal Lago di Campotosto per chi proveniva da Teramo e da L’Aquila un colorato serpentone di auto ha cercato di riportare movimento e presenza, da tutti i punti di vista, prima, durante e dopo la manifestazione.

E’ stato bello vedere la maglia ufficiale del CAI di AMATRICE indossata da alcuni Appenninisti iscritti per sostegno al Club Alpino Italiano locale.

FOTO2

In foto: da sinistra la Grandissima Appenninista Mimma De Felicis de “ I Folletti del Morrone “ al centro il Grandissimo Appenninista Direttivo CLUB 2000M  e CAI AVEZZANO Francesco Mancini Coordinatore dell’evento, e l’Appenninista Trekking Italia Antonella Caiola

3 lettere rappresentate da una A sono i sentimenti di questa lunga giornata.

A come AMATRICE… A come AMORE per la montagna… A come AMICIZIA che unisce tutti noi.

Si ringraziano coloro che hanno partecipato sempre insieme, coloro che sono saliti da altri versanti, coloro che sono dovuti andare via prima, coloro che ci hanno raggiunto dopo, coloro che hanno aderito autonomamente.

Con la Guida del Presidente del Club 2000m Giuseppe Albrizio Accompagnatore Escursionistico Onorario del Club Alpino Italiano l’itinerario inizialmente volto al raggiungimento del Pelone Settentrionale ha visto anche una deviazione per Cima Lepri per realizzare una sorta di anello in quota con un percorso in tipico stile Appenninistico con quasi 20 Km e per un dislivello complessivo salita di oltre 1300m.

Un apprezzamento particolare va agli escursionisti provenienti da molto lontano che hanno fatto dai 500 ai 600 Km in auto per 6/7 ore fra andata e ritorno che vorremmo ringraziare uno ad uno ma che ci permettiamo possono essere rappresentati dal Rifugista PEPPE ARDENTE del Rifugio Fonte Tari’ di Lama dei Peligni sulla Majella.

FOTO3

(in foto: Il Coordinatore dell’evento Francesco Mancini con il Rifugista Peppe Ardente del Rifugio FONTE TARI’ da Lama dei Peligni sulla Majella)

Sulla Cima della verdissima Laga del Monte Pelone Settentrionale il brindisi di Vetta che il Coordinatore Francesco Mancini ha voluto dedicare anche agli assenti per infortunio e malattia, premiando con lo scudetto del Club in rappresentanza di tutti, il Grande Montanaro di Pizzoli de L’Aquila Francesco Zaccagno che così scrive “ Sono le piccole cose che avvicinano le persone, a volte un piccolo gesto racchiude un profondo significato “.

FOTO4

nella foto il brindisi di Vetta a quota 2057m del Monte Pelone Settentrionale sulla Laga: da sinistra il grande Montanaro de L’Aquila Francesco Zaccagno, Francesco Mancini ed il Presidente del Club 2000m Giuseppe Albrizio AE ONORARIO CAI (foto di Francesco Laurenzi)

Si ricorda che il prossimo appuntamento con il Club 2000m sarà la Serata Sociale del 23 Novembre 2019 con il CAI di SORA del Direttivo e AE SIMONA PROSPERI con la presentazione della Guida di LUIGI TASSI “ Il Gran Sasso e le Alte Cime “ che vede per la prima volta, su un importante libro di Montagna, il LOGO del Club 2000m, un paragrafo, i ringraziamenti e le Cime valide per l’albo.

Chiusura della giornata con Terzo Tempo ad Amatrice presso il ristorante LO SCOIATTOLO che ha riaperto per gustare la famosa amatriciana in allegria fino al crepuscolo della sera.

Fra i tanti pensieri ricevuti quello di LUCA FLAMINI Grandissimo Appenninista di Terni più di tutti identifica questo evento:

Grazie a tutti, ragazzi, per la splendida giornata di montagna e di amicizia. Un ringraziamento e un plauso speciale va a chi si è accollato 3 o 4 ore di macchina per esserci, a chi ha dovuto rinunciare a momenti con la propria famiglia, a chi ha sudato insieme a noi nonostante queste montagne le abbia già fatte e rifatte. Questo è lo spirito e la passione di chi ha capito cos’è e cosa rappresenta il Club 2000m, di chi ha dimostrato ieri di tenerci veramente.

FOTO5

(nella foto di Domenico Giovagnoli una parte del Gruppo rimasto a festeggiare fino alla fine sulla Cima del Monte Pelone Settentrionale)

Francesco Mancini 
Coordinatore Evento/Direttivo Club 2000m/CAI AVEZZANO

Pagina 2 di 8

Newsletter

Se non ti vuoi iscrivere al Club ma vuoi comunque rimanere informato delle novità. Iscriviti alla Newsletter.
Saremo discreti e rispettermo la tua privacy.

Menu Utente

NOTA! Questo sito utilizza i cookie e tecnologie simili.

Se non si modificano le impostazioni del browser, l'utente accetta. Per saperne di piu'

Approvo