Club 2000m

Club Collezionisti Cime dell'Appennino

facebook

Foto

Foto (102)

Il Club 2000m. invita a descrivere escursioni e itinerari vissuti sulle montagne dell'Appennino. I racconti  sono organizzati per gruppi montuosi:

  • Pollino
  • App. Lagonegrese
  • App. Tosco-Emiliano
  • Gran Sasso
  • Laga
  • Maiella
  • Matese
  • Parco naz. Abruzzo, Lazio, Molise
  • Reatini
  • Sibillini
  • Simbruini-Ernici
  • Velino-Sirente

Invia il racconto della tua escursione, non ancora presente tra quelle pubblicate o effettuata in una stagione diversa a: Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo. indicando nell'oggetto: Escursione. Accompagnala con qualche foto che ritieni interessante per illustrare il percorso o punti di attrazione. Il Club si riserva di scegliere tra le foto inviate quelle da pubblicare.

Ecco i Vs. racconti:

foto 001

Una amara e quanto mai vera riflessione di Francesco Mancini, una delle più importanti e attuali figure di riferimento in Appennino, in merito alla tragica scomparsa di 4 amanti della montagna con l’obiettivo di sensibilizzare gli utenti della montagna a non sottovalutare le ascese in ambito invernale ma anche che non devono più esistere LUTTI di Serie A e LUTTI di Serie B.

Ho molto riflettuto se scrivere questo mio pensiero in merito agli episodi tragici vissuti nel fine settimana a cavallo fra Novembre e Dicembre del 2019 quando 4 Anime d’Appennino ci hanno lasciato sgomenti e senza parole.

foto 002

Matteo Martellini GUIDA AIGAE

Sono stati giorni difficili perché quando iniziano ad arrivare le prime notizie drammatiche in presa diretta, ciò che fai in maniera spasmodica è cercare di capire se queste persone sono fra i Tuoi amici o conoscenti sapendo perfettamente che quello che è successo può accadere a chiunque di Noi.

Rifletto sullo strazio delle persone che gli volevano bene, ai familiari, agli amici.

Mi giro e mi rigiro dentro letto nel cuore della notte quando penso a coloro che hanno vissuto momenti di felicità insieme e poi hanno avuto la forza ed il coraggio di vedere le loro spoglie.

Tuttavia credo che parlare di persone che non sono più tra noi, anche se non conosciuti direttamente, può aiutare coloro che vivono nel ricordo a non sentirsi abbandonati nella sofferenza che hanno vissuto, vivono e purtroppo vivranno.

foto 003

FABIO CICONE Esperto di Montagna e Maresciallo dei Carabinieri di Castel di Sangro

Questa mia foto rappresenta il reciproco abbraccio verso l’infinito che tutti gli iscritti ed i simpatizzanti del Club 2000m devono avere uniti nel ricordo di Gianpiero BRASILE e Antonio MUSCEDERE che ci hanno lasciato sulla Rava della Vespa della Majella ma anche di Matteo MARTELLINI la Guida AIGAE deceduta sul Gran Sasso D’Italia e dell’esperto Maresciallo dei Carabinieri di Castel di Sangro Fabio CICONE deceduto nei pressi di Forchetta Majella

foto 004

Francesco Mancini insieme a Francesco Zaccagno con Daniela e Annalisa a quota 1982m sulla Cima del Monte 3 Confini del PNALM: un abbraccio per non dimenticare !!!

Come dico sempre la montagna è un serbatoio di umanità e amicizia a disposizione di chi ha la capacità e la volontà di saperla vedere e comprendere ma anche un mondo fatto da persone che non ti aspetti che esistano nella crudezza e mancato rispetto nei confronti di coloro che ci hanno lasciato.

Di fronte a queste situazioni non devono esistere personalismi di sorta.

Non si può approfittare di questi drammi per screditare l’operato altrui e quello di un sodalizio su cui non si è d’accordo nella sua operatività in nome di una rivalità inesistente.

Non esistono morti di Serie A e morti di Serie B come è avvenuto in questa occasione.

Perché ANTONIO e GIANPIERO, 2 grandi escursionisti che erano saliti su TUTTE le Cime dell’Appennino fra i 2000m e i quasi 3000m del Gran Sasso D’Italia di TUTTO l’Appennino Italiano da quello Tosco-Emiliano a quello Calabro-Lucano, in nome di un progetto di vita e di montagna, non sono diversi nella passione a MATTEO e FABIO.

ANTONIO MUSCEDERE 55 anni di Posta Fibreno era il barbiere di Broccostella di Sora… era il sorriso fatto persona.

foto 005

Antonio Muscedere ed il Suo sorriso

Come ha scritto un suo caro amico Riccardo CAPITELLI del C.A.I. di SORA “ Conoscevo personalmente e molto bene Tonino, era stato lui, pensate un po’, nell’autunno del 2016, tre anni fa, a parlarmi con entusiasmo del Club 2000m, cosa e iniziativa di cui non ero bene a conoscenza, diciamo sì, andavo già in montagna da qualche anno, ma ero assolutamente un pivellino, inesperto e dilettante, come tuttora insomma.

Tonino era il mio Barbiere, ogni volta che andavo da lui era più il tempo che passavamo a parlare di montagna, di escursioni, a vedere le sue bellissime foto, che di fatto il tempo impiegato a farmi i capelli… i miei capelli… Quattro peli, una rasata e via.

Tonino era un amico, sorridente, buono, generoso, sempre umile “.

foto 006

Antonio Muscedere a Rieti il 12 Dicembre 2015 mentre riceve dal Presidente del Club 2000m Giuseppe Albrizio lo Sudetto delle 100 Cime dell’Appennino

Ecco queste parole racchiudono in breve ma alla perfezione Antonio che nel 2016 di fronte ad una giuria di esperti aveva addirittura vinto il 1° premio del CONTEST FOTOGRAFICO sulla MONTAGNA giusto riconoscimento di questa sua altra grande passione.

foto 007a

Antonio Muscedere a Roma il 3 Dicembre 2016 mentre riceve dall’Editore Carlo Coronati della Casa Editrice IL LUPO il riconoscimento per il 1° PREMIO

GIANPIERO BRASILE 57 anni di Lanciano era il medico a cui molti si affidavano a Pescara per la sua umanità e disponibilità.

foto 008a

Gianpiero Brasile a Passo Godi il 24 Maggio 2015

Aveva persino appeso nel suo studio un quadro con gli scudetti del Club 2000m con tutti gli step appenninici che aveva raggiunto nel corso degli anni.

Quale miglior ricordo se non la poesia che gli è stata dedicata da uno dei suoi tanti amici conosciuti nel percorso che aveva deciso di intraprendere. 

foto 009a

REQUIEM di ROBERTO MARGOTTA

Dimo sempre che ce vo consapevolezza - ma gnente ce po salva’ da l’amarezza - a volte er nostro e’ n’mondo sconosciuto -quando i monti riscuotono er tribbuto - Pe chi in montagna e’ solo n’amatore - l’assurdita’ di provare un tal dolore - e ad alcuni nun e’ ancor passato er vizio - de sparar giu’ a vanvera er suo giudizio -Siam giunti assieme solo su le Murelle - de la Maja,de sicuro, tra le più belle - portero’ ner core la sua stupenda vista - te giunga er mio saluto

Riposa in pace escursionista

@Gim (02-12-2019 dar diario de n’alpinista schiappa)

foto 010

Gianpiero Brasile a Rieti il 12 Dicembre 2015 mentre riceve dal Presidente del Club 2000 Giuseppe Albrizio lo Scudetto delle 100 Cime dell’Appennino

Io ho conosciuto Gianpiero il 24 Maggio di 4 anni fa.

Da quel giorno è nato un rapporto che, vista la lontananza, non poteva svilupparsi con costanza ma che a livello epistolare non è mai mancato.

Gianpiero si è sempre distinto nei nostri confronti con la sua eleganza dialettica, la sua onestà intellettuale, la sua cultura non solo in ambito medico ma anche in questa sua grande passione.

Con il suo entusiasmo ha saputo comprendere il vero significato del nostro percorrere l’Appennino che non era quello di raggiungere la Cima delle montagne ma quello di vivere le persone nel profondo dell’animo.

foto 011a

Gianpiero Brasile sulla Cima di Serra Leardi a quota 2083m

Per questo motivo non dimenticherò mai una frase che Gianpiero proferì a dimostrazione di come lui intendesse lo scorrere della vita:

“ noi italiani siamo dei maestri nell’annichilire fino a annientare la volonta’ di una persona nell’edificare un consenso intorno ad una giusta causa. “

Ecco questo era Gianpiero…

Sempre presente in molte Assemblee annuali e nei Raduni in montagna, nonostante la lontananza e solo pochi giorni fa a Sora.

foto 012a

Antonio Muscedere insieme a Gianpiero Brasile alla cena sociale del Club 2000m a Sora pochi giorni fa il 23 Novembre 2019

Riusciva a trovare il tempo di vivere questa sua grande passione nonostante il lavoro, nonostante i suoi tanti impegni della numerosa famiglia e la lontananza da alcuni settori morfologici territoriali.

Voi non ci crederete mai ma proprio questo grande entusiasmo suo e di altre persone di questo lato adriatico mi aveva fatto prendere una decisione…fare il prossimo incontro annuale nella sua città di nascita in senso di riconoscenza per tutti coloro che, come Gianpiero Brasile, abitano sotto le montagne della Majella

Ecco non ho fatto in tempo….

Nel mio cuore Gianpiero sarà per sempre quell’anima d’Appennino che in occasione del mio compleanno salì sopra la montagna disegnando sul cielo azzurro questa frase…

AUGURI FRANCESCO PER I TUOI PRIMI 50 ANNI !!!

foto 013a

La dedica che con tanta fantasia Gianpiero Brasile mi aveva fatto il 2 Luglio 2016 in occasione del mio compleanno

Tutto quanto sopra in memoria di Antonio e Gianpiero che non hanno meritato indirettamente tutto quello che si è scritto e detto nei giorni successivi fino ad arrivare all’evento organizzato dal Club Alpino Italiano de L’Aquila sul “ Problema della sicurezza in montagna “.

In Appennino la tipicità della morfologia e le sue diverse stagioni, complice anche il cambiamento climatico in atto, creano una fascia intermedia in cui l’escursionista può diventare direttamente o inconsapevolmente un alpinista.

E si perché, a dispetto dei tanti soloni, nel momento in cui un escursionista fa un traverso oppure un breve o lungo canale con pendenze che si aggirano intorno o superiori ai 30 gradi  diventa un alpinista perché scivolando si muore.

Quindi dove finisce l’escursionismo e dove inizia l’alpinismo con l’ambiente innevato ?

Il Club Alpino Italiano con la sua estrema burocrazia ha fatto qualcosa per aiutare tutti coloro che si trovano come esperienza in questa zona ?

Ne parlavo proprio ieri sera con l’Alpinista Pino Calandrella, Direttore della prestigiosa scuola Franco Alletto del C.A.I. di Roma, convenendo sul fatto che bisogna gettare le basi per realizzare insieme con il Club 2000m una serie di incontri e corsi per sensibilizzare ma anche concretamente confrontarsi e unirsi su questi argomenti.

Onorato quindi che un alpinista della levatura di Pino Calandrella voglia materialmente impegnarsi per una opera di sensibilizzazione concreta su questi aspetti

foto 014a

Gianpiero Brasile il 3 Dicembre 2016 a Roma in occasione della sua premiazione per aver raggiunto le 200 Cime dell’Appennino

Tuttavia ricordo che il progetto del Club 2000m è un progetto ESCURSIONISTICO tanto è vero che sono stati tolti dall’albo le Cime considerate alpinistiche. 

Va da sè che in ambiente innevato tutto cambia e che tale situazione viene affrontata solamente da Trekker che hanno una grande esperienza sia in ambito estivo che in ambito invernale.

Lo dimostra il fatto che coloro che sono in lista sulle Cime innevate sono una percentuale che credo sia intorno al 3 % degli iscritti.

Fra i Grandissimi Appenninisti del Club 2000m abbiamo ANE del C.A.I. e alpinisti che hanno realizzato decine di 4000m oltre che Trekker che sanno perfettamente come affrontare la montagna in situazioni difficili. 

Nella situazione che si è verificata purtroppo abbiamo visto un gioco al massacro da tutti coloro che sono i famosi RADICAL CHIC della montagna che non aspettavano altro che avvenisse un fatto del genere per operare un gioco al massacro nei confronti di questo sodalizio che vive solo e solamente di amicizia e di condivisione della montagna.

foto 015a 

La collezione dei 2000m dell’Appennino è un gioco esplorativo che però da tante soddisfazioni come si evince da questo articolo che ricorda Antonio Muscedere

Accuse infamanti anche personalizzate da coloro che credono che il loro vivere la montagna sia quello esente da vizi. 

Da coloro che credono che il loro verbo sia la verità. 

Da coloro che credono che la KERMESSE, così loro definiscono i nostri incontri, siano solo un modo per apparire senza pensare che si può vivere la montagna anche con gioia e felicità.

Da coloro che si nascondono dietro a dei Nickname. 

Da coloro che si fanno le foto solo di spalle e di sedere perché credono che questo sia il giusto modo di farsi vedere in montagna dicendo che così la si rispetta. 

Da coloro che credono che lo scudetto sia un modo da parte degli iscritti per vantarsi senza pensare che è solo un modo per far vedere quello che è un raggiungimento di un qualcosa che mai avrebbero pensato di raggiungere come COMUNI MORTALI.

foto 016a

Un brindisi di vetta fra Gianpiero e Antonio con i suoi 2 cari compagni di montagna i fratelli Cristiano e Diego Maraschio che nei giorni del dramma sono andati su e giù per tutta l’Italia centrale per dare sostegno morale e materiale alle famiglie e agli amici stretti.

Una differenza di atteggiamento fra le nostre 2 morti e le altre 2 morti.

La Guida AIGAE sul Gran Sasso e il Maresciallo a Forchetta Majella erano esperti e sono morti lo stesso.  Perché le nostre morti sono state affrontate dai benpensanti come morti diversi.  Loro valevano di più dei nostri ??? 

La verità è che invidie e gelosie da parte di queste persone valgono più di tante parole dette invano. 

Che ci debba essere una seria riflessione sono d’accordo ma da qui ad approfittare della morte delle persone per fare “ DAGLI ALL’UNTORE “ è qualcosa di vergognoso. 

Che questi esperti della montagna invece di uscire sempre con le stesse persone si diano da fare per trasmette la loro esperienza gratuitamente al servizio degli altri come hanno fatto in passato i grandi montanari.

Si prendano un impegno invece di criticare chi si impegna per far sì che l’Appennino sia visto come una opportunità di crescita, di turismo consapevole, che impedisce l’abbandono del territorio. 

Noi non siamo una SETTA come siamo stati definiti ma delle persone che vogliono trasmettere questo amore anche agli altri e non come hanno fatto alcuni che si sono presi lo scudetto e poi ci hanno abbandonato al nostro destino sfruttando solo l’opportunità che gli è stata offerta. 

Come se LORO non avessero mai alzato l’asticella. 

Come se LORO agli inizi della loro passione non erano come NOI. 

Perché creare delle barriere per quella che è la stessa passione. 

Che lor signori venissero alle nostre KERMESSE per capire chi siamo veramente invece di criticare aprioristicamente senza neanche conoscerci di persona. 

Scendete dal pulpito e venite democraticamente da noi abbracciandoci insieme per la morte di amici che potevamo essere anche NOI quando a volte è anche il destino che lo decide !!!

foto 017a

Antonio Muscedere mentre riceve a casa sua a Sora il 23 Novembre 2019 lo Scudetto per aver raggiunto TUTTE le Cime dell’Appennino

Il Club 2000m RIGETTA con forza le incresciose e non veritiere parole del Comandante dei Carabinieri Forestali del Gran Sasso che dimostrano la assoluta mancanza di conoscenza della nostra realtà fermandosi alle apparenze di un preconcetto personale che non deve appartenere ad un rappresentante delle istituzioni.

Ricordiamo che siamo l’UNICO sodalizio che ha organizzato nel 2018 un evento dedicato al SOCCORSO ALPINO che ha visto la presenza di centinaia e centinaia di montanari e siamo gli UNICI che hanno raccolto fondi per la ricostruzione del Bivacco Lubrano a Campo Imperatore.

foto 018a

La Decima Serata Sociale del Club 2000m organizzata il 24 Novembre 2018 con il C.A.I. di Palestrina dedicata al Soccorso Alpino e Speleologico

I pensieri del Colonnello sono peraltro offensivi nei confronti delle GUIDE AIGAE e delle GUIDE AMM oltre ai Presidenti, Direttivi e AE/ASE/ANE delle Sezioni CAI di TUTTO il Centro Italia che sono iscritte nell’albo delle Cime Appenniniche over 2000m

Non c’è peggior atteggiamento che ” fare di tutta l’erba un fascio ” da coloro che dovrebbero essere visti come nostri amici in un ambito di collaborazione sulla stessa passione ed elemento.

Dispiace la possibilità che è stata lasciata a codeste persone di operare in questo modo impedendo un democratico contraddittorio in occasione dell’incontro svolto sulla sicurezza in montagna organizzato a L’Aquila peraltro molto costruttivo fortunatamente su altri aspetti.

Se siamo così importanti perché non siamo mai invitati ad esprimere il nostro parere su aspetti di cui noi stessi siamo i principali interpreti e responsabili ???

Perfetta la disamina di LUIGI CIANO importante redattore di questa rivista informatica di montagna quando dice: “Faccio parte del Club 2000m da qualche anno, e quando mi sono iscritto, nel compilare il pregresso delle vette che avevo già salito ho visto che innumerevoli persone avevano già il distintivo ” TUTTE LE CIME “.

foto 019a

Antonio Muscedere nel giorno della Sua ultima cima dell’Appennino LA CIPOLLARA sui Monti della Laga mentre scherza

“Sinceramente ho notato la cosa e sono passato oltre, non ho mai sentito il bisogno di fare una gara o dire ” ho più 2000 di te “.

Il Club 2000m mi ha fatto conoscere montagne su cui magari non sarei mai salito, un esempio su tutti il Marsicano Est (di cui, nonostante le numerose salite in zona, non ne avevo mai sentito parlare).

Di tutte le persone che ho conosciuto del Club, anche solo di vista, veramente poche ricadono nella descrizione fatta dal militare. 

Certo l’invasato che magari si fa il Monte Cefalone e per 2 roccette si sente un’alpinista ci sta, ma come c’è ovunque.

Un’ultima cosa. Spesso leggo paragoni tra Club 4000 e Club 2000. Nulla di più errato. Uno è esclusivo, ad esempio a me mancano 17 salite per entrarci, l’altro è inclusivo. 

2 modi diversi, di vivere la montagna, alpinisti da una parte, escursionisti dall’altra che non ha senso paragonare”

Luigi Ciano

foto 020

Gianpiero Brasile festeggia con Rossana Ciummo durante la Sua ultima cima nell’Appennino Tosco-Emiliano

Ma noi andremo avanti lo stesso facendoci forza dalle parole di chi ha capito il nostro movimento come Sara Visco del C.A.I. di Piedimonte Matese.

“Grazie Francesco Mancini per il tuo impegno. A Te e a chi ci mette la faccia nonostante tutte le chiacchiere.

Mi spiace che il simbolo del Club non si veda bene ma il Club 2000m è sempre con me e nel mio cuore perché, nonostante le mie perplessità, mi avete accolta e ho avuto modo di conoscere persone come desidero incontrare. Gente in gamba e di valore.

Non siamo tutti uguali.

Ognuno con le sue capacità e attitudini ma sicuramente non siamo degli sprovveduti “

foto 021a

Ciao Antonio Muscedere  !!!

Faccio mie le parole del Maestro Alpinista Paolo BOCCABELLA affinché tutti coloro che vanno in montagna riflettano con attenzione e siano di insegnamento per il futuro: “La nostra esperienza di alpinisti, escursionisti o speleologi ci ha insegnato quanto la montagna non vada sottovalutata e la si debba affrontare sempre con la dovuta consapevolezza , evitandone la banalizzazione che traspare, invece, da molta comunicazione, non solo pubblicitaria, fornendone un’immagine superficiale e distorta.  Ricordiamoci sempre che la montagna è così, un ambiente meraviglioso ma impervio, dove l’uomo è un fragile ospite e non deve mai dimenticare che gli errori si pagano caro: perché alla fine, quando certi incidenti accadono, quasi sempre di nostri errori si tratta“

foto 022a

Ciao Gianpiero Brasile !!!

Personalmente non dimenticherò mai quello che sotto la pioggia battente accanto al feretro mi disse IRENE, la moglie di Gianpiero.

E’ stata come una coltellata al mio cuore: “Voi e la Montagna me lo avete portato via“.

Riflettiamo tutti sul valore della vita per evitare che simili tragedie possano ripetersi il meno possibile !!!

 

Nota: articolo di Francesco Mancini pubblicato su APPENNINO.TV

Con l’Alto Patrocinio della Regione Abruzzo e, per la prima volta in assoluto, l’eccezionale presenza della Presidenza Generale del C.A.I. CENTRALE con un delegato del Presidente Antonio MONTANI ritorna dopo 3 anni, a causa del Covid, una delle più importanti manifestazioni del centro Italia.

001 

Con l’Alto Patrocinio della Regione Abruzzo sarà presente l’Assessore Ing. Nicola CAMPITELLI

Come sempre ideatore, organizzatore e coordinatore dell’evento sarà Francesco MANCINI del Consiglio Direttivo Club 2000m oltre che C.A.I. ALTA VALLE dell’ATERNO e FederTrek.

002

Francesco MANCINI fotografato dalla Guida Alpina Pasquale IANNETTI questa estate durante la salita a Punta dei Due sul Corno Piccolo del Gran Sasso d’Italia

Già oltre 200 persone prenotate solo per la CENA SOCIALE (e mancano ancora 9 giorni) come ci viene riferito proprio dal deus ex machina dell’evento precisando che l’organizzazione è risultata molto più difficile per i costi sulla logistica che sono aumentati a causa della situazione contingente. 

Fortunatamente è intervenuto lo Sponsor RRTREK RIFUGIO ROMA che grazie a David CIFERRI ha permesso al sodalizio di sostenere una parte delle spese che si devono affrontare per rendere la giornata quanto più importante possibile.

003

RRTREK sempre presente a tutti gli eventi di montagna

Non poteva mancare la nostra Redazione con il Direttore Tecnico Lucio VIRZI’ che non solo si occuperà del servizio fotografico professionale dell’evento ma sarà anche nelle vesti di Presidente della Giuria del Premio Fotografico Antonio MUSCEDERE-Gianpiero BRASILE indetto in memoria dei 2 Grandissimi Appenninisti deceduti nel corso del periodo più grave di tragedie avvenute in Appennino alla fine del 2019.

004

Lucio Virzì in azione anche come alpinista oltre che Presidente di Giuria

In memoria di Antonio infatti e del suo compagno di tante salite Gianpiero, medico di Lanciano, che l’evento si terrà proprio nella Città di Lanciano presso l’elegante Sala Convegni dell’Albergo-Ristorante 4 Stelle Villa Medici.

005

L’Albergo-Ristorante 4 Stelle dove avrà sede tutto l’evento

Nella giuria anche un componente del Consiglio Direttivo del Club 2000m LIVIO ROLLE attualmente uno dei dirigenti anche della FederTrek.

L’idea di questo importante Premio Fotografico è nata da Claudio CARUSI Segretario e Direttivo del Club che vedete qui sotto in un recente incontro in montagna con il Presidente del Club 2000m A.E. ONORARIO del Club Alpino Italiano Giuseppe ALBRIZIO.

006 

Da sinistra il Presidente del Club 2000m A.E.ONORARIO C.A.I. Giuseppe ALBRIZIO insieme con Claudio CARUSI del Direttivo Club 2000m in una recentissima foto insieme

Al vincitore del concorso fotografico la consegna della nostra targa come sponsor del premio fotografico che avverrà nel corso dell’evento in oggetto a cui presenzieranno inoltre i familiari stretti in un importante momento di raccoglimento.

Da molti anni si pensava di portare la manifestazione sulla costa adriatica e grazie a Nicola LUONGO (premiato Grandissimo Appenninista proprio in questa occasione), Gianluca IURISCI A.E. e Fabio SIRENI A.S.E. (entrambi del Consiglio Direttivo della locale Sezione) il Club 2000m ha deciso di organizzarla in collaborazione con il C.A.I. di LANCIANO.

007

Il TRIO dei più grandi sostenitori del Club 2000m con importanti incarichi all’interno della Sezione C.A.I. di Lanciano da sinistra Gianluca IURISCI Direttivo e A.E., Nicola LUONGO Grandissimo Appenninista e Fabio SIRENI Direttivo e A.S.E.

Prima Catia MANFRE’ Presidente uscente e poi Gianfranco CAVASINNI nuovo Presidente si sono subito dimostrati entusiasti di un evento che porta la montagna sul mare.

008

La Sezione che ha collaborato all’organizzazione della manifestazione

Quest’anno la scaletta cercherà di permettere il recupero della festa di TUTTI gli Appenninisti che in questi anni non si sono potuti incontrare e premiare per gli obiettivi raggiunti. 

Dopo i saluti delle varie Presidenze e delle Istituzioni il Prof. Aurelio MANZI, naturalista e botanico; la sua attività principale di ricerca è rivolta essenzialmente allo studio della vegetazione, ecologia, etnobotanica e conservazione della natura. In ambito appenninico ci parlerà de “le grandi trasformazioni ambientali nell’Appennino Centrale“.

009

Il Professor Aurelio MANZI

Intervallati alla premiazioni di coloro che hanno raggiunto i vari step appenninici illustri relatori provenienti da tutta l’Italia centrale affronteranno tematiche legate all’Alpinismo in Appennino ma anche su tutto ciò che ruota intorno al mondo della montagna.

Il primo blocco vedrà parlare fra i più grandi alpinisti del nostro Appennino con Cristiano IURISCI, Eugenio DI MARZIO, Pino CALANDRELLA, Angelo MONTI, Renato MALATESTA, Adriano FORMICHINI e l’editore Carlo CORONATI.

 012

Pino Calandrella

013

  • Cristiano Iurisci
  • 010
  • Angelo Monti
  • 011
  • Eugenio Di Marzio
  • 012a
  • Adriano Formichini
  • 012b
  • Renato Malatesta

Il secondo gruppo parte da Francesca MASTROMAURO AMM insieme alla nostra Luciana RICCO, uno dei più grandi scialpinisti Giorgio GIUA con la moglie Sara PIETRANGELI, il famoso Mauro TRECHIODI in rappresentanza del Gruppo degli Z.I.S., Licio CAPONE e Gorgio MONACELLI per il grande gruppo della zona i FOLLETTI del MORRONE, e i comandanti del Gruppo MINIMO Michele TAGLIACOZZO e Mauro PANCALDI.

014

Giorgio MONACELLI e il Vice-Presidente dei Folletti del Morrone Licio CAPONE

015

Francesca MASTROMAURO Accompagnatore di Media Montagna

Si termina con l’esperto Gabriele DI FALCO e la promessa Francesco BELGHAZI, la mitica coppia della Majella Massimo ZULLI e Barbara DI TULLIO Guida Aigae, con Peppe ARDENTE del Rifugio Fonte Tarì e lo scrittore Paolo STERN.

016

Direttamente dalla Majella i famosi Massimo ZULLI  e la Guida AIGAE Barbara DI TULLIO

017

Peppe ARDENTE del Rifugio Fonte Tarì

La fine la giornata sarà allietata dal CORO del C.A.I. di Lanciano diretto dal Maestro Nicola GAETA.

018

INGRESSO LIBERO per tutta la giornata mentre per la CENA SOCIALE bisogna prenotarsi scrivendo una mail a Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo. con pagamento obbligatorio precedente.

Insomma si prevede una giornata lunghissima all’insegna dell’amicizia che lega indissolubilmente tutte quelle persone che vivono la montagna con il cuore caratteristica principale degli Iscritti al Club 2000m.

019

 Nota: articolo di Francesco Mancini pubblicato su APPENNINO.TV  

 

 

 

Giovedì, 09 Settembre 2021 18:54

Dodicesima Serata Sociale Anno 2022

Scritto da

19 Novembre 2022

Lanciano (Chieti)

001

locandina della 12^ Serata Sociale del Club 2000m

 001a

Francesco Mancini organizzatore dell'evento e Giuseppe Albrizio

001b Gruppo 50 Cime

 

aaa - 50 cime

Premiazione 50 Cime dell'Appennino

002 Luigia De Persio

Luigia De Persio

003 Ileana Di Pietro

Ileana Di Pietro

004 Egilberto Cipriani

Egilberto Cipriani

005 Fabio Improta

Fabio Improta

006 Oumnia Haraka

Oumnia Haraka

007 Matteo Petrelli

Matteo Petrelli

008 gemma Carrabs

Gemma Carrabs

009 Sireni Antonio

Sireni Antonio

010 Edyta Przybyla Katarzyna

Edyta Przybyla Katarzyna

011 Emanuele Serpieri

Emanuele Serpieri

012 Leonardo Cappadozzi

Leonardo Cappadozzi

013 Alessandro Diomede

Alessandro Diomede

014 Debora Del Ferraro

Debora del Ferraro

015

Gianluca Iurisci

015a Gruppo delle 100 Cime

 

aab - 100 cime

Premiazione 100 cime dell'Appennino

018 renato Esposito

Renato Esposito

019 Domenico Giovagnoli

Domenico Giovagnoli

020 Francesca Stemperini

Francesca Stemperini

021 Elena Gallo

Elena Gallo

022 Giacomo Pierantonelli

Giacomo Pierantonelli

023 Anna Laski Katarzina

Anna Laski Katarzina

024 Massimiliano Cecilia

Massimiliano Cecilia

025 Debora del Ferraro

Debora Del Ferraro

026 Claudio Nicolo

Claudio Nicolo

027 Mariassunta Bove

Mariassunta Bove

028 Maurizio Palleschi

Maurizio Palleschi

029 Roberto Vari

Roberto Vari

030 Marco Mei

Marco Mei

031 Roberto Tarantino

Roberto Tarantino

032 Patrizio Giorgio

Patrizio Giorgio

033 Monica Marzola

Monica Marzola

034 Maurizio Curti

Maurizio Curti

035 Patrizia Sabellico

Patrizia Sabellico

036 Biagio Scarpaleggia

Biagio Scarpaleggia

037 Simona DAndrea

Simona D'Andrea

038 Adriano Rea

Adriano Rea

039 Alessandro De Gregorio - Katarzyna Anna Kulina

Alessandro De Gregorio - Katarzyna Anna Kulina

040 Lucia Bartolini

Lucia Bartolini

041

XXX

aac - 200 cime

Premiazione 200 cime dell'Appennino

042 Fabio Notari

Fabio Notari

043 Daniele Capogna

Daniele Capogna

044 Mauro DAnteo

Mauro D'Anteo

045 Fabio Sireni

Fabio Sireni

046 Diego Morelli

Diego Morelli

047 Francesco Checchi

Francesco Checchi

048 Alberto Guida

Alberto Guida

049

XXX

050 StefanoFrigeri

Stefano Frigeri

051 Alessio Alessandrini

Alessio Alessandrini

052 Marcello Cremonese

Marcello Cremonese

053 Agapito Ciprari

Agabito Ciprari

054 Massimiliano Paiano

Massimigliano Paiano

055 Giuseppe De Fortuna

Giuseppe De Fortuna

056 Massimo Patacchiola

Massimo Patacchiola

057

Gianluca Iurisci

057a Gruppo Tutte Le Cime

 

aad - TUTTE le cime

Premiazione TUTTE le Cime dell'Appennino

058 Alessio Petrelli

Alessio Petrelli

059 Maurizio Cianfarani

Maurizio Cianfarani

060 Alfredo Tamburri

Alfredo Tamburri

061 Angelamaria Tresca

Angelamaria Tresca

062 Iacopo Pietrinfermi

Iacopo Pietrinfermi

063 Gelsa Comodi

Gelsa Comodi

064 Livio Deli

Livio Deli

065 Carmine Martini

Carmine Martini

066 Tommaso Parisi

Tommaso Parisi

067 Claudio Morosini

Claudio Morosini

068

Catia Di Giacomo

069

Massimiliano Pittiglio

070 Paolo Leonoro

Paolo Leonoro

071

Maurizio Galante

072 Claudio De Persio

Claudio De Persio

073 Nicola Luongo

Nicola Luongo

074 Domenica Credentino

Domenica Credentino

075 Roberto Iacoangeli

Roberto Iacoangeli - David Mocci

076 Gabriele Di Falco

Gabriele Di Falco

077 Maria Rippel

Maria Rippel

078 Marco Federici

Marco Federici

aae - 25 cime invernali

Premiazione 25 Cime Invernali dell'Appennino

079 Alessio Alessandrini

Alessio Alessandrini

aaf - 50 cime invernali

Premiazione 50 Cime Invernali dell'Appennino 

080 Alessio Petrelli

Alessio Petrelli

081 Fabio Sireni

Fabio Sireni

082 Mimma De Felicis

Mimma De Felicis

aag - 100 cime invernali

Premiazione 100 Cime Invernali dell'Appennino

083 Nestore Corona

Nestore Corona

084 Maurizio Cianfarani- Alfredo Tamburri

Maurizio Cianfarani - Alfredo Tamburri

085 Domenica Credentino

Domenica Credentino

aah -  - 200 cime invernali

Premiazioni 200 Cime invernali dell'Appennino

086 Michele Tagliacozzo

Michele Tagliacozzo 

Consegna Targa del Premio Fotografico in memoria di

Gianpiero Brasile e Antonio Muscedere.

087

Lucio Virzì consegna la Targa a Francesca Stemperini

088

Un momento molto emozionante della premiazione

con Silvana Lucarelli, moglie di Antonio Muscedere

e Giuseppe Brasile, fratello di Gianpiero Brasile.

089

Nicola Luongo, Gianluca Iurisci e Fabio Sireni  

090

L'Assessore della Regione Abruzzo Ing. Nicola Campitelli

091

Lucio Virzì - Fotografo professionista -

Direttore della rivista Appennino.tv

093

Vincenzo Maggiacomo ricorda l'Appenninista Franco Sinapi 

094

Il delegato della Presidenza Generale del Cai Nazionale,

Filippo Di Donato 

095

Il Presidente della Sezione Cai di Lanciano, Gianfranco Cavasinni 

096

Il Professore Aurelio Manzi 

097

Il Presidente del Cai di Chieti, Eugenio Di Marzo 

098

Cristiano Iurisci 

099

Adriano Formichini 

100

Carlo Coronati 

101

Renato Malatesta 

102

Pino Calandrella 

103

Angelo Monti 

104

Un gradito omaggio dal Presidente del Cai di Chieti,

la Sezione festeggia i 150 Anni di Montagna 

105

Il gruppo dei relatori

106

Francesca Mastromauro 

107

Luciana Ricco 

108

Giorgio Monacelli

110

Giorgio Giua 

111

Sara Pietrangeli 

112

Michele Tagliacozzo

113

Mauro Pancaldi 

114

Mauro Trechiodi 

115

Marco Mampieri 

116

Il Gruppo dei Relatori 

117

Il Coro della Sezione Cai di Lanciano 

118

Consegna della targa ricordo al Direttore 

del Coro del Cai di Lanciano, Nicola Gaeta.

120

Gabriele Di Falco 

121

Giuseppe D'Annunzio 

122

Paolo Stern 

123

Francesco Belghazi 

124

Peppe Ardente 

125

Michele Carnevale

126

Massimo Zulli 

127

Il gruppo dei relatori 

128

Filippo Di Donato e Gianfranco Cavasinni 

129

Alessio e Daniele Mancini

130

L'entusiasmo delle rappresentanti della Polonia nel Club 2000m:

Anna Laski - Katarzyna Kulina - Edyta Pryzbyla

Maria Rippel - Marta Jurek

131

Il Club 2000m "racchiuso" in uno zaino 

 

 

 

 

 .....work in progress

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

La rivista Montagne n° 105 parla del Club 2000m

                     grazie a Stefano Ardito

000a - articolo originale

particolare 1-3

particolare articolo 1a-3

particolare 2-3

particolare articolo 2-3

particolare 3-3

particolare articolo 3-3

 

Venerdì, 22 Maggio 2020 10:11

Settimo Raduno in Montagna del Club 2000m

Scritto da

Primo Raduno Virtuale in Montagna

con Francesco Mancini ed il

Club 2000m

004 - locandina Settimo Raduno

In Foto: La Locandina della manifestazione con le foto che ricordano tutti i Raduni organizzati dal Club 2000m in questi anni

Continuano le grandi iniziative in tempo di COVID 19: dopo le video lezioni di Guide Alpine,  le presentazioni virtuali di libri e rassegne cinematografiche, ecco il primo (e speriamo ultimo) RADUNO VIRTUALE ideato e coordinato da colui che ho già definito in passato un vero influencer del mondo della montagna come Francesco MANCINI Direttivo del Club 2000m e del C.A.I. di AVEZZANO.

L’evento si terrà sabato 16 maggio alle ore 21.00

Il trekking con Francesco Mancini e gli Appenninisti D’Italia

Francesco Mancini ha la capacità di rendere unico ogni incontro e anche questa volta ha tirato fuori dal cilindro magico della sua vulcanica mente una idea bellissima per rendere tutti partecipi con questo grande evento.

001 Francesco Mancini

In foto: Un autoscatto che vede Francesco MANCINI a quota 2487m della Majella su Cima di Fondo di Femmina Morta

Dopo l’incredibile manifestazione, fra le tante che ha organizzato, a Sora del 23 Novembre 2019, in occasione dell’Undicesima Serata Sociale del Club 2000m, che ha visto la partecipazione di centinaia e centinaia di persone che sono intervenute da tutto il centro Italia ecco il PRIMO RADUNO VIRTUALE.

La coinvolgente ispirazione di Francesco Mancini renderà l’incontro unico nel suo genere perché ogni partecipante avrà modo di parlare, seppur brevemente per lasciare spazio a tutti, con una propria foto sulle montagne e le emozioni raggiunte.

Così facendo si vivrà la montagna con tutti e per tutti nello stile del Club 2000m.

Sarà presente il Presidente del Club 2000m Giuseppe ALBRIZIO Accompagnatore Escursionistico Onorario del Club Alpino Italiano che in passato ha guidato nei veri raduni i tantissimi Appenninisti giunti da tutta Italia.

002 - torta Club 2000m

In foto: Il Presidente del Club 2000m Giuseppe ALBRIZIO accanto a Francesco MANCINI in occasione della Serata Sociale di SORA nel 2019 che ha visto la presenza di centinaia e centinaia di appassionati di montagna

La storia dei raduni del Club 2000m

Il primo raduno in montagna del Club 2000m fu nel 2011 quando la realtà del Club era conosciuta ancora da pochissimi appassionati.

Con l’entrata nel Consiglio Direttivo di Francesco Mancini la sua passione, costanza e soprattutto durissimo lavoro di coordinamento ha fatto ripartire questo momento di condivisione sui sentieri.

Monte Godi nel 2015, Monte Velino nel 2016, Monte di Cambio nel 2017, l’apoteosi del Monte Terminillo nel 2018 e il Monte Pelone Settentrionale sulla Laga nel 2019 nonostante i continui rinvii per il forte maltempo continuato in tutto il mese nel 2019.

Non si poteva lasciare vuoto l’Anno 2020 che a causa del VIRUS renderà impossibile al momento la realizzazione del VII° raduno del Club 2000m e quindi Francesco ha voluto colmare la lacuna in questo modo così da lasciare nei cuori delle persone almeno il ricordo di essere stati tutti insieme anche solo per poche ore.

003 - Logo Club 2000m

In foto: il bellissimo LOGO del Club che vede nelle 13 STELLE tutti i settori morfologici dell’Appennino da quello TOSCO-EMILIANO fino a quello CALABRO-LUCANO

Per partecipare attivamente bisogna inviare via mail a Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo. entro VENERDI’ 15 MAGGIO 2020 alle 18 la propria foto a cui ci si sente più legati così da permettere di organizzare al meglio cronologicamente i tempi dell’evento

La piattaforma scelta

La piattaforma tecnologica scelta per gli incontri è Zoom che, in questa configurazione, permette la presenza contemporanea fino a 100 ospiti.

Vi consiglio di scaricare l’applicazione per il vostro computer o per il vostro smartphone nei giorni precedenti per evitare di perdere tempo all’avvio dell’incontro (ore 20.30 per provare la connessione), di registrarsi con COGNOME e NOME (così da identificarsi subito) con AVATAR e soprattutto la WEBCAM per viversi reciprocamente

per vedere l'articolo orignale pigiare su: APPENNINO TV

altro articolo sulla manifestazione "il I (ed ultimo!) raduno virtuale del Club 2000m

 

 

 

IL CLUB OVER 2000m dell’Appennino VARCA LE ALPI

IN SEI ANNI ATTRAVERSO L’APPENNINO

L’ALPINISTA SVIZZERA RITA STUTZ, IN SEI ANNI, HA SCALATO 261CIME OVER 2000 METRI DELL’APPENNINO. A QUESTE SCALATE APPARTENGONO ANCHE LE CINQUE ALPINISTICHE. PERTANTO LA “SVIZZERA” È LA PRIMA “NON ITALIANA”, CHE FA PARTE DEL CLUB 2000m AD AVER RICEVUTO L’ONORIFICO TITOLO, “GRANDE APPENNINISTA”. IL CLUB HA 1400 MEMBRI.  IN GRAN PARTE, RITA STUTZ HA AFFRONTATO LE ASCESE IN SOLITARIA, CONFERENDOLE IL TITOLO, “REGINA DELLE SOLITARIE”. LA CILIEGINA SULLA TORTA  RIPORTA L’ULTIMA ESCURSIONE, IN DATA 04 SETTEMBRE 2019, SULLA CIMA DEL CORNO GRANDE: LA VETTA ORIENTALE, ANTICIMA NORD (2700m).

Note:

La traduzione dell’articolo è stata effettata da Rita Stutz. 

IL brano è stato scritto da Laurent Grabet, pubblicato sulla rivista del CLUB ALPINO SVIZZERO  “ DIE ALPEN “ nel mensile del Gennaio 2020 sulla pagina n. 21.

L’articolo “ IN SECHS JAHREN DURCH DEN APPENNIN” appare a fianco di Silvan Schuepbach, conquistatrice del Tengi Ragi Tau Nord (ca. 6820 m) e dell’arrampicatrice Katherine Coong, affrontando per la seconda volta la complessa via 9A in 20 metri durante la “Jungfraumarathon” in Gimmelwald.

L’articolo sulla rivista SAC è stato scritto prima della serata a Sora (FR). Durante la premiazione hanno onorata Rita Stutz con lo scudetto di tutte le cime in solitaria insieme al titolo di “ Grandissima Appenninista”.

Club Alpino Svizzero001a

La copertina della rivista del Club Alpino Svizzero (DIE ALPEN) - Gennaio 2020

Club Alpino Svizzero002a

la pagina dove si trova l'artico scritto in tedesco

Club Alpino Svizzero003a

particolare dell'articolo dedicato a Rita Stutz

Scudetto004a

lo Scudetto di Tutte le Cime in solitaria  

 

 

 

 

articolo di Francesco Mancini su APPENNINO.TV

Si è svolto a Sora in collaborazione con la locale Sezione del Club Alpino Italiano l’annuale incontro dedicato alla montagna, alle premiazioni e alla condivisione sulla esplorazione di tutto l’Appennino Italiano che dal Tosco-Emiliano fino al Calabro-Lucano permette a migliaia di espertissimi Trekker la condivisione di questo progetto di vita e di montagna.

Sabato 23 Novembre 2019 al centro di Sora il famoso Auditorium Cesare Baronio è stato preparato a festa per ricevere le centinaia e centinaia di montanari giunti da tutta l’Italia centrale.

001a 

Quasi 400 persone fra Galleria e Platea hanno partecipato nel corso della manifestazione presso l’Auditorium Cesare Baronio di Sora

Purtroppo da parte della Sorana comunità locale appassionata di montagna non c’è stata la partecipazione che ci si aspettava considerando anche gli importanti ospiti relatori come il famoso giornalista-scrittore Stefano Ardito e i particolari e universali temi trattati.

In Provincia ci si lamenta sempre di scarsa organizzazione di eventi ma quando poi si presenta l’occasione rimane sorda e alienata da tutto ciò che la circonda.

Questo aspetto rende ancora più importante l’evento caratterizzato anche dalla presenza di alpinisti che hanno percorso centinaia di Km come il Past President del C.A.I. di Ancona ANE Renato MALATESTA che ha fatto 620 Km in auto fra A/R totalizzando quasi 7 ore di viaggio per partecipare di ritorno dalla conquista dei 7134m del PEAK LENIN con la mano ancora fasciata a causa del congelamento.

Presenti inoltre altri importanti alpinisti come Gabriele DI FALCO, Angelo MONTI, Adriano FORMICHINI e Pietro DI MOTTA fresco di conquista del CERVINO.

Sempre presenti tante altre associazioni di montagna private sia della F.I.E. che della FEDERTREK oltre ai Presidenti, Direttivi e rappresentanti di tante Sezioni del C.A.I. (Roma, Castel Gandolfo, L’Aquila, Stabia, Piedimonte Matese, Palestrina, Terni, Amatrice, Colleferro, Sora, Ancona, Pescara, Loreto Aprutino, Lanciano, Latina, Tivoli, Alatri, Rieti, Antrodoco, Avezzano, San Benedetto del Tronto, Monterotondo, Isernia, Frosinone, Popoli, Esperia, Gallinaro).

Ideato, organizzato e coordinato dal Direttivo Club 2000m e C.A.I. Avezzano Francesco Mancini e coadiuvato dal Direttivo e A.E. Simona Prosperi del C.A.I. di Sora questo incontro è giunto alla 11^ EDIZIONE.

L’Apertura è stata dedicata al Grandissimo Appenninista A.E. C.A.I. LATINA Francesco DI DIO e a Marco VENDITTI grande atleta di Sora che hanno subito un grave e gravissimo infortunio ma anche a Giuseppe CELLI Direttore di escursione del C.A.I. di Roma che invece è tornato con le stampelle oggi dopo un importante incidente in forra 6 mesi prima.

002a

Il Direttivo e A.E. C.A.I. SORA Simona PROSPERI riceve il Diploma da parte del Club 2000m

Dopo la consegna di un doppio attestato di ringraziamento da parte del Club 2000m a Simona Prosperi per il grandissimo amore dedicato per la realizzazione della giornata ci sono stati anche i ringraziamenti ai 3 sponsor con Domenico ALONZI del negozio di Sport e Outdoor a Sora, di Domenico del caratteristico locale della TAVERNA del LUPO a FORCA D’ACERO e di Ivan RICCI Direttore Commerciale di MANCINI PERFORMANCE di Roma.

003a

L’ideatore, organizzatore e coordinatore dell’evento Direttivo Club 2000m Francesco Mancini consegna a Simona Prosperi Direttivo e A.E. C.A.I. Sora un pensiero personale oltre al diploma ufficiale a ricordo del grande lavoro svolto insieme

Dedica speciale quest’anno a 2 nuovi Grandissimi Appenninisti che, come STRANIERI in ITALIA, hanno saputo comprendere e terminare il meraviglioso Progetto del Club 2000m: il LITUANO Romanas KAZAKEVICIUS e la SVIZZERA Rita STUTZ REGINA delle SOLITARIE.

004a

Rita STUTZ e Romanas KAZAKEVIUS sulle Cime nel giorno finale

Consegna del diploma anche al Professor Lucio MEGLIO Presidente del C.A.I. di Sora  che con il suo intervento ha anticipato quello di Giuseppe ALBRIZIO Presidente del Club 2000m e Accompagnatore Escursionistico Onorario del Club Alpino Italiano.

005a

Il Prof. Lucio MEGLIO Presidente del C.A.I. di SORA riceve dal Presidente del Club 2000m Giuseppe ALBRIZIO un pensiero a ricordo della manifestazione condotta da Francesco Mancini

Il primo momento emozionante è stato quello di Giuseppe ARDENTE (Gestore del Rifugio Monte Tarì) Direttivo della MAJELLA SPORTING TEAM che, aiutato dai suoi stretti collaboratori, ha montato la joëlette raccontando le tante storie umane che ci sono dietro questo strumento che permette di vivere la montagna SENZA BARRIERE.

006a

Il Gestore del Rifugio Fonte Tarì sulla Majella Giuseppe Ardente in un momento dei toccanti video e racconti presentati

Vera gioia, in rappresentanza di tutti gli Appenninisti presenti, la premiazione delle 50 Cime al piccolo grande Alessio ALESSANDRINI mascotte odierna direttamente dalle Marche con tutta la famiglia e i suoi FREE MOUNTAIN.

007a

La festa delle 50 Cime di Alessio ALESSADRINI piccolo-grande escursionista dei FREE MOUNTAIN da Ascoli Piceno

Prima presentazione di oggi la grande Guida scritta dal Fotografo Naturalista e Alpinista Luigi TASSI “ IL GRAN SASSO E LE ALTE CIME “ con la proiezione di fantastici video di droni facendoci volare su queste montagne.

008a

Il Fotografo Naturalista e Alpinista Luigi TASSI

Fra una premiazione e l’altra di coloro che hanno raggiunto i traguardi Appenninici il momento dedicato alla città di Sora con il Direttivo, alpinista e da qualche anno ciclo viaggiatore Giorgio LUCARELLI ed il suo viaggio sulla strada delle ossa nella Siberia estrema.

009a

Storico Accompagnatore, Past President, Direttivo del C.A.I. SORA Giorgio LUCARELLI

Grandi Applausi ed emozioni durante la proiezione delle sue foto e video di certo non comuni.

Il Club 2000m non dimentica neanche i grandi montanari di un tempo chiamando sul palco il Grande Appenninista Mario BIAGI del C.A.I. di Frosinone che a 83 anni ancora come un giovinetto percorre l’Appennino.

010a

83 ANNI il ragazzino Mario BIAGI Grande Appenninista del C.A.I. di FROSINONE

A sorpresa un fuori programma realizzato grazie all’amicizia fra l’organizzatore Francesco MANCINI e il montanaro di Isola Liri Pietro AVELLA che ha permesso la presenza in sala direttamente da SULMONA di un vero, unico ed esclusivo personaggio.

011a

L’abbraccio che unisce Pietro AVELLA e Naldo GIAMMARCO sul palco

Naldo GIAMMARCO fondatore del Gruppo BIATANNU che a 93 anni completamente lucido sale sul palco dando lezioni di montagna sia morfologiche che etimologiche leggendo 2 bellissime poesie da lui composte e parlando del suo libro dedicato al padre soldato eroico bersagliere ad ADUA nel 1896.

012a

Standing Ovation al mitico personaggio di 93 anni Naldo GIAMMARCO giunto direttamente da Sulmona grazie allo sportivo di Isola Liri Pietro AVELLA

Standing Ovation di tutto l’Auditorium.

Grazie al famoso giornalista e scrittore Stefano ARDITO ed il suo ultimo libro “ VETTE dell’APPENNINO CENTRALE “ si sono affrontati temi importanti.

013a

Stefano Ardito non ha bisogno di presentazioni

Come sempre Stefano ha parlato anche dei mali dell’Appennino, delle prepotenze e della mancanza di cultura degli enti preposti.

Non ultimo gli assurdi divieti e chiusure di alcuni Parchi e Riserve avendo l’appoggio e l’approvazione del pubblico in sala che vive in maniera profonda queste montagne e non sulle scrivanie degli uffici.

Di seguito il momento più sentito per molti Appenninisti quello delle premiazioni di coloro che hanno raggiunte TUTTE le Cime dell’Appennino.

014a

Coloro che hanno raggiunto TUTTE le Cime dell’Appennino (Da sinistra in piedi Antonio Muscedere, Daniele Grossi, Roberto Ficcadenti, Mauro Lucatelli, Riccardo Capitelli, Massimiliano Lacioppa, Andrea Cappadozzi, Giuseppe Albrizio, Paolo Buccilli, Rita Stutz, Romanas Kazakevicius, in ginocchio Marco Maroscia, Francesco Mancini, Rossana Ciummo)

Dentro ad ognuno di loro ci sono tante storie belle e brutte che andrebbero citate tutte, sulle quali si potrebbe scrivere un libro, su tutte le lacrime di Andrea CAPPADOZZI reduce da una leucemia guarita in tempo di record dove forse più dei farmaci e della chemio ha potuto proprio la montagna.

015a

Le Lacrime di Andrea Cappadozzi anche attore di spedizioni alpinistiche

Chiude la serata colui che è stato premiato per aver raggiunto TUTTE le Cime dell’Appennino anche in veste invernale l’Alpinista Giorgio GIUA con il suo “ GIORNI DIVERSI “.

016a

Dall’introduzione dell’Autore: “I giorni diversi sono quelli per i quali vale la pena vivere la vita. Quelli in cui hai gioito o hai sofferto, hai riso o hai pianto. Quelli in cui hai dovuto mettere in gioco tutto te stesso per riuscire, per non affondare, o per toccare il culmine. Sono i giorni in cui il sole splende e cancella tutte le ferite, i rancori, le piccolezze e le delusioni. Il sole che ti ricarica con la sua fonte di energia inesauribile e tu ci sei ancora, per te stesso, per i tuoi figli e per chi ami.”

Il silenzio quasi al buio della lettura di un brano da parte della moglie (la prima donna a finire le 261 Cime) Sara PIETRANGELI rende intima la lunghissima maratona.

017a

Ospite d’Eccezione a Roma nel 2016 “ Quando la montagna è donna “ Sara Pietrangeli

Il popolo del Club 2000m dopo la premiazione anche di coloro che hanno preso gli scudetti delle Cime in invernale si alza alle ore 21 per dirigersi nell’elegantissimo locale dell’Hotel Olimpus che aveva preparato la bellezza di 265 posti a sedere, tanti quanti si erano prenotati, in attesa della CENA SOCIALE e della finale torta celebrativa.

018a

I grandi Trekker in questo caso alpinisti che hanno raggiunto la bellezza di 100 Cime dell’Appennino in veste invernale (da sinistra Adriano Formichini, Augusto Catalani, Stefano Ardito, Angelo Capoccia e Francesco Mancini anch’egli premiato)

Solo il grande amore per questo elemento può permettere alle persone di rimanere in ascolto per 5 ore consecutive sui tanti racconti di questa che può annoverarsi la più bella serata di sempre grazie anche ai momenti colti dai fotografi ufficiali il Grande Appenninista Francesco LAURENZI e la moglie del Presidente Grandissima Appenninista Teresa BECCARINI.

020a

L’elegante e immenso salone dell’Hotel Ristorante OLIMPUS con 265 persone a festa

A ricordo di questa incredibile giornata il gioiello disegnato e fatto realizzare dalla Regina delle Solitarie Rita STUTZ che vede una piccozza in oro ed in argento donato a Giuseppe ALBRIZIO e Francesco MANCINI per un legame di appartenenza ad un progetto che rimarrà per sempre.

019a

Il Gioiello realizzato da Rita Stutz donato a Giuseppe Albrizio e a Francesco Mancini

Come ha scritto Maria GIGLIOZZI neanche iscritta al Club 2000m: “ Ci sono delle serate che resteranno sempre nel cuore, quelle piene di emozioni, vere, pure, profonde, quelle in cui si condividono passioni e grazie alle quali, si rincontrano vecchi amici e s’ incontrano dei nuovi, ognuno col suo viaggio, unico, meraviglioso. E c’è chi va in montagna in gruppo, o con più gruppi; chi ci va in solitaria e chi in bici, in compagnia a volte di orsi; chi va sempre sulla stessa montagna e chi colleziona le cime; chi ne ha fatte 50, 100, 200 e addirittura chi ha fatto tutte le cime dell’ Appennino, anche in inverno; chi ci ha trovato la forza, il coraggio e la determinazione per superare una malattia; chi va in montagna, sperando di tornarci con qualcuno di molto caro…e chi ci porta con la carrozzina chi finora l ‘aveva vista solo dalla finestra; chi scrive libri; chi a 90 anni scrive poesie, perché continua ad andare “lassù” e ci racconta che è la montagna che gli detta parole d’amore.  Ognuno è libero di scegliere come viverla, l’importante è partire, inseguire un’avventura, un sogno…Club 2000m, grazie a Francesco Mancini e Simona Prosperi per aver organizzato questa meravigliosa Magia “

021a

La bellissima Maria Gigliozzi non solo grande montanara ma anche sub

Grazie Maria GIGLIOZZI per la Tua sensibilità, grazie per queste meravigliose parole che più di tutte hanno saputo perfettamente rendere l’idea di che cosa significa essere nel profondo del cuore un “ Anima del Club 2000m “.

Francesco Dott. Mancini

022a

Tutti gli ospiti d’eccezione della 11^ Serata Sociale del Club 2000m (da sinistra Giorgio GIUA, Giuseppe ARDENTE, Luigi TASSI, Stefano ARDITO, Giuseppe ALBRIZIO, Giorgio LUCARELLI e Francesco MANCINI)

 

Le storie, le collezioni, la passione nel raduno del Club 2000m

 

articolo di Stefano Ardito, 26 Novembre 2019 montagna.tv

La storia di Peppe Ardente, metalmeccanico e gestore di un rifugio in Abruzzo, che ha introdotto la joëlette sulla Majella. La traversata in mountain-bike della Siberia compiuta nella scorsa estate da Giorgio Lucarelli di Sora. Le poesie che la montagna “ha dettato” a Naldo Giammarco, 93 anni, alpino e (ancora!) escursionista di Sulmona, figlio di un bersagliere che ha combattuto nel 1896 ad Adua.

Questi racconti, insieme a tanti altri, hanno animato sabato 23 novembre l’assemblea annuale del Club 2000m, che si è tenuta a Sora, ai piedi delle montagne della Ciociaria. Come negli anni scorsi, la partecipazione è stata altissima e attenta.Dai 300 ai 400 escursionisti, arrivati da tutta l’Italia centrale, hanno applaudito i responsabili del Club e i premiati, e hanno ascoltato con attenzione storie e racconti, sottolineando con fragorosi applausi i passaggi più interessanti. Naldo Giammarco, alla fine del suo racconto, ha ricevuto una standing ovation.

La moda di collezionare i 2000 dell’Appennino è nata quasi per gioco una ventina di anni fa, ed è rapidamente diventata virale. Da qualche anno il Club 2000m, presieduto da Giuseppe Albrizio e animato da Francesco Mancini, è diventato un riferimento fondamentale per gli escursionisti del Lazio, dell’Abruzzo, delle Marche e delle regioni vicine.

Molti di loro sono soci del CAI, altri aderiscono ad associazioni e gruppi trekking. Oggi, come ha detto Albrizio aprendo l’assemblea di Sora, il Club ha 1389 soci, e 89 di loro hanno salito tutte le 261 cime dell’elenco. Vengono celebrati anche i traguardi parziali, come le 50, 100 e 200 cime salite.

Il raduno del 23 novembre a Sora, come quelli che lo hanno preceduto, non è solo un incontro annuale tra appassionati. Dimostra che tra gli escursionisti legati all’Appennino, ma che frequentano con passione le Alpi e le montagne del mondo, c’è molta voglia di contarsi e contare, di raccontare e di ascoltare storie, di conoscere meglio le persone che si sono incontrate, in passato, su una vetta o lungo un sentiero.

Non è un mondo contrapposto a quello del Club Alpino Italiano e di altre associazioni. A organizzare l’incontro di Sora ha contribuito in maniera fondamentale Simona Prosperi, del direttivo della sezione locale del CAI. Lucio Meglio, presidente del CAI Sora, ha salutato con un applaudito intervento i partecipanti. Tra gli escursionisti presenti nella sala dell’Auditorium di Sora erano soci di 25 Sezioni del CAI. Accanto a loro, e con pari dignità, i rappresentanti di decine di associazioni escursionistiche più o meno note, dalla Zaini in Spalla di Roma agli Amici di Monte Ruazzo di Itri, e dal Gruppo Escursionisti Provincia di Roma alla Caminando en Grupo di Sora. Alcune di queste aderiscono a Federtrek, altre no.

L’impressione, dopo aver partecipato a vari raduni del Club 2000m, è che il mondo dei camminatori abbia voglia di incontrarsi e discutere dei “suoi” temi, dai divieti di accesso imposti dalle aree protette alle questioni dell’escursionismo per disabili, a iniziare dalle joëlette di Peppe Ardente e compagni. Il CAI, nonostante le sue mille iniziative, riesce a intercettare solo in piccola parte questo bisogno.Anche la triste situazione dei festival di montagna appenninici (quello dell’Aquila è stato chiuso dal Comune, il romano Montagne in Città è in stand-by per mancanza di fondi) sposta la voglia di parlare di montagna e incontrarsi verso il Club 2000m e i suoi meeting.

Anche se molti non lo praticano, l’alpinismo, per i soci del Club 2000m è importante. Daniele Nardi, scomparso sul Nanga Parbat con Tom Ballard, era criticato da molti alpinisti, ma amatissimo dal “popolo della montagna” dell’Appennino. Ogni volta che è stato citato a Sora, la sala è venuta giù dagli applausi.I soci del Club 2000m non pensano a tentare il Nanga Parbat d’inverno, ma amano le avventure possibili. Sono testimonianza di queste gli applausi ricevuti da Giorgio Lucarelli e delle sue foto in bici, sulle piste sterrate della Siberia, verso Vladivostok e Magadan.

Molta attenzione anche per Renato Malatesta, ex-presidente del CAI di Ancona, che nella scorsa estate ha salito i 7134 metri del Pik Lenin, e che si è presentato in sala con una mano fasciata a causa dei congelamenti. Sono state seguite con attenzione le presentazioni di un libro (Giorni diversi di Giorgio Giua) e di due guide, Gran Sasso, le alte cime di Luigi Tassi e Vette e sentieri dell’Appennino centrale, opera di chi scrive.

Certo, collezionare le vette è la ragion d’essere principale del Club 2000m, e tutti coloro che hanno raggiunto un traguardo (50, 100, 200, tutte le cime) a Sora hanno ricevuto uno scudetto e sono stati salutati sul palco da Giuseppe Albrizio e Francesco Mancini.Sono stati salutati con calore Andrea Cappadozzi, che ha completato la collezione dei 2000 dopo essere guarito a tempo di record dalla leucemia, e Giorgio Giua che è stato il primo a salire tutte le cime in condizioni invernali.

Molta attenzione anche per i due escursionisti “forestieri” che hanno completato la loro raccolta di vette. Romanas Kazakevicius, lituano, ha raccontato la scoperta del Gran Sasso, della Majella e del Velino da parte di chi è nato in un Paese dove la vetta più alta non raggiunge i 300 metri sul mare. Rita Stutz, svizzera che vive da anni a Rieti, ha raccontato al pubblico di Sora la sua collezione, realizzata compiendo escursioni estive e invernali in solitaria. “Voglio dedicare questo risultato a tutte le donne. Lottate per i vostri diritti, lottate per i vostri sogni!”. Nelle stesse ore, per le strade di Roma, sfilava il grande corteo contro la violenza sulle donne, promosso da Non una di meno. Il Club 2000m, che tra i soci ha moltissime donne, non è un mondo a parte.

001

001 - Undicesimo Raduno Sociale del Club 2000m

002

002 - I soci che hanno completato la collezione nel 2019

003

003 - Naldo Giammarco con Francesco Mancini

004

004 - serata sociale 2019 del Club 2000m

Presentazione dell’11^ Serata Sociale del Club 2000m

APPENNINO.TV

Articolo del 20 Novembre 2019

A distanza di 4 mesi dalla nostra ultima intervista siamo di nuovo con il Direttivo del Club 2000m Francesco Mancini in merito a quella che è diventata una delle più grandi manifestazioni di montagna annuali del centro Italia.

Francesco ideatore, organizzatore e coordinatore della 11^ Serata Sociale del Club 2000 raccontaci come è nata l’idea di fare questo grande evento proprio a Sora ?

Come dico sempre le Associazioni di volontariato sono quelle gestite dalle “ grandi persone “.

Quelle che sono capaci di avere capacità aggregative, professionalità, volontà, doti comunicative, cultura, elasticità mentale, ma soprattutto quelle che credono veramente in quello che si vuole realizzare.

A parole molti pensano di averle ma poi, nella nostra realtà, alla prova dei fatti si scontrano con la dura realtà.

Era il 28 Maggio del 2016 quando casualmente conobbi sulle 10 Cime degli Ernici (manifestazione organizzata dal Grandissimo Appenninista Claudio Cecilia) una piccola ma grandissima ragazza che si chiamava Simona Prosperi.

Mi sembra di ricordare che arrivato a quota 1908 sulla Cima del Monte Ortara si avvicina con il suo bellissimo sorriso, si presenta e mi dice “ Ciao ma Tu sei il famoso Francesco Mancini del Club 2000m ? “.

Ecco tutto nasce così, con la voglia dell’animo umano di far nascere un vero rapporto fatto con il cuore.

Quel giorno notai la forza fisica di Simona nel realizzare quasi 30 km di montagna senza colpo ferire.

E poi la sua attitudine di apprendere sempre più il nostro mondo, di imparare, di confrontarsi, di crescere sempre nel pieno rispetto della esperienza di colui che aveva di fronte.

001

Simona Prosperi Coordinatrice dell’evento a Sora (AE CAI Sora)

In poco tempo infatti Simona Prosperi è entrata nel Consiglio Direttivo del Club Alpino Italiano di Sora e poi è diventata Accompagnatore di Escursionismo.

Purtroppo l’attuale lavoro l’ha fermata e questo mi dispiace molto perché Simona può arrivare molto più in alto con tutte le capacità di cui dispone.

Speriamo anzi che qualche lettore di questo articolo, legato alla Città di Sora, possa aiutare Simona nel proporgli una attività lavorativa più confacente alle sue potenzialità.

Tutto quanto sopra per ringraziare Simona Prosperi che in questi anni mi ha costantemente dimostrato un immenso affetto sincero nonostante la lontananza.

Grazie anche a Lei e alla sua volontà di coordinare questo evento come rappresentante del C.A.I. di SORA che la cittadina avrà centinaia e centinaia di escursionisti, appenninisti e alpinisti che presenzieranno alla manifestazione.

Come si è sviluppato il rapporto di collaborazione con il Club Alpino Italiano di Sora ?

In una notte buia e tempestosa (causa meteo molto avverso, ma noi eravamo al chiuso) in occasione della Festa dei 90 Anni del Club Alpino italiano di Sora sono stato invitato ed li ho conosciuto il Presidente Lucio Meglio che mi piace precisare è anche Professore presso l’Università di Cassino oltre che giornalista e scrittore.

002

Foto di repertorio scattata in occasione della Festa dei 90 Anni del C.A.I. di Sora da Sinistra il Coordinatore della manifestazione Francesco Mancini, al centro Lucio Meglio Presidente del C.A.I. di Sora e Simona Prosperi Direttivo e A.E. C.A.I. SORA

Successivamente organizzata da Domenico Castellucci, attuale Vice Presidente del C.A.I. di SORA, abbiamo partecipato ad una indimenticabile salita ad anello sul VESUVIO insieme al Presidente del CLUB 2000M Giuseppe Albrizio.

003

Alle pendici del Vesuvio da sinistra Giuseppe Albrizio, Domenico Castellucci Vice Presidente del C.A.I. di Sora e Francesco Mancini

Abbiamo inoltre fra i simpatizzanti del nostro gruppo il Mitico Giorgio Lucarelli è venuto a trovarci in occasione del Raduno in Montagna sulle Cime del Terminillo.

E poi i tantissimi forti Appenninisti e Alpinisti che abitano in tutta la zona del Frusinate che dovevano finire il progetto del Club 2000m.

Mi sembrava il giusto riconoscimento e spinta motivazionale per spingerli a finire il meraviglioso Progetto del Club 2000m 

La bellezza della montagna è proprio questo.

Una serie di indimenticabili incontri legati a rapporti umani che sono culminati in questa grande manifestazione di montagna che si svolgerà Sabato 23 Novembre 2019 dalle 15.30 con ingresso libero al centro di Sora presso l’Auditorium Cesare Baronio

004

Il grande Auditorium Cesare Baronio situato al centro della Città di Sora

Grazie Francesco per queste chicche: abbiamo saputo che ci saranno tante associazioni di montagna…

In questi mesi mi hanno contattato da tutta l’Italia centrale e per questo motivo voglio ringraziare la locale CAMINANDO EN GRUPO ed il GEB (Gruppo Escursionisti di Balsorano) della F.I.E., i sempre presenti ZIS (Zaini in Spalla), i GEP (Gruppo Escursionisti della Provincia di Roma) della FederTrek, i MOUNTAIN LOVERS dal mare adriatico, i FREE MOUNTAIN dalle Marche, gli AMICI del MONTE RUAZZO dai Monti Aurunci, TREKKING ITALIA oltre che l’Associazione Meteo di CAPUT FRIGORIS.

005

Il Logo di Caminando en Grupo locale associazione di montagna della zona di Sora in rappresentanza di tutte quelle presenti

Voglio ringraziare inoltre i PRESIDENTI delle Sezioni C.A.I. Piero MIELE (CASSINO), Federico CEROCCHI (LATINA) Paolo NERI (PALESTRINA) che verranno anche alla CENA SOCIALE insieme ai tanti Direttivi e Soci di tutte le Sezioni CAI del CENTRO ITALIA (Roma, Castel Gandolfo, L’Aquila, Stabia, Piedimonte Matese, Palestrina, Terni, Amatrice, Colleferro, Sora, Ancona, Pescara, Lanciano, Latina, Tivoli, Alatri, Rieti, Antrodoco, Avezzano, San Benedetto del Tronto, Monterotondo, Isernia, Frosinone, Popoli, Esperia e Gallinaro) e chiedo scusa se mi sono scordato qualcuno.

Francesco come si svolgerà questo lungo pomeriggio di natura sociale e culturale legato ai monti con film, relazioni, libri, interviste e premiazioni?

Dopo la mia introduzione con una sorpresa dedicata alla generosità dei nostri Appenninisti lascerò la parola per i saluti iniziali di Amedeo Mattia PARENTE Presidente del C.A.I. REGIONE LAZIO, di Lucio MEGLIO  Presidente del C.A.I. di SORA, e di Giuseppe ALBRIZIO Presidente del Club 2000m e Accompagnatore Escursionistico Onorario del Club Alpino Italiano.

006

Foto di repertorio scattata in occasione della conferenza organizzata dalla SALEWA di Valmontone Outlet da sinistra Il Presidente del Club 2000m Giuseppe Albrizio con il Presidente del C.A.I. REGIONE LAZIO Amedeo Mattia Parente

Alternati alle premiazioni degli iscritti che hanno raggiunto i vari step di traguardi appenninici ci saranno le presentazioni dei 2 libri più importanti a livello appenninico usciti nell’anno 2019.

007

La copertina della grande guida del Fotografo Naturalista Luigi Tassi “IL GRAN SASSO e le ALTE CIME“

Il Fotografo Naturalista Luigi TASSI presenterà la Grande Guida “ IL GRAN SASSO E LE ALTE CIME “ mentre il famoso giornalista e scrittore Stefano ARDITO ci illustrerà la Sua ultima fatica letteraria “ VETTE DELL’APPENNINO CENTRALE “.

008

La copertina dell’ultima fatica letteraria del famoso giornalista e scrittore Stefano Ardito “VETTE dell’APPENNINO CENTRALE“

Ospite d’eccezione in rappresentanza della storica Sezione del Club Alpino Italiano di SORA il Direttivo Giorgio LUCARELLI con il suo ultimo ciclo-viaggio in solitaria sulla strada delle ossa nella siberia estrema.

009

Il Direttivo della storica Sezione del Club Alpino Italiano di SORA Giorgio Lucarelli durante il suo ultimo ciclo-viaggio in solitaria

Apre la serata l’intervento di Giuseppe ARDENTE che direttamente dal Rifugio Fonte Tarì sulla Majella, con la Sua Associazione Majella Sporting Team, ci parlerà della importante funzione della Jolette per aiutare tutte le persone con handicap fisici a godere della bellezza della montagna.

010

Giuseppe Ardente gestore del Rifugio Fonte Tarì nella Majella in una delle manifestazione legate a MONTAGNE SENZA BARRIERE

Si chiude con l’alpinista Giorgio GIUA colui che ha realizzato TUTTE le Cime dell’Appennino in veste invernale ed il Suo libro pieno di emozioni dal titolo “GIORNI DIVERSI“.

011

La copertina del Libro scritto dall’Alpinista Giorgio Giua “ GIORNI DIVERSI “

Si ringraziano inoltre gli SPONSOR della manifestazione: lo storico negozio a Sora di sport e outdoor 2 “ALONZI 82“  e il caratteristico locale delle “TAVERNA del LUPO“ presso il Rifugio di Forca D’Acero.

012a 

Il LOGO Di quello che è lo SPORT a SORA nel centro storico in Via Cittadella, 18

013

Il caratteristico locale della TAVERNA del LUPO al Rifugio di Forca D’Acero

Alle 20.30 è prevista la ricca CENA SOCIALE presso l’elegantissimo Ristorante-Albergo OLIMPUS alla quale hanno già prenotato l’incredibile numero di 250 PERSONE, ma molte di più sono previste nell’auditorium  !!!

014

L’elegantissima Sala Banchetti del Ristorante-Albergo OLIMPUS

In attesa dell’articolo con cui racconteremo questo incredibile evento, visti i numeri che ci hai anticipato, lasciaci un pensiero finale.

Personalmente vorrei abbracciare tutti coloro che interverranno nonostante i tanti km da fare in auto segno che il Club 2000m non è quello che alcuni pensano un Club di Collezionisti di Cime dell’Appennino ma un Club di veri esperti dell’Appennino che fanno dell’amicizia e della condivisione il perno della propria esistenza di vita e di montagna. Siete impagabili  !!!

015

Francesco Dott. Mancini

Locandina Manifestazione

Sora - Undicesima serata Sociale del Club 2000m

Su TG24info

Articolo del 15 Novembre 2019

Grande manifestazione di montagna si svolgerà il prossimo sabato 23 novembre 2019 dalle 15.30 con ingresso libero al centro di Sora presso l’Auditorium Cesare Baronio con cena Sociale finale presso l’Hotel Olimpus.


Ideata e organizzata da Francesco MANCINI Direttivo del Club 2000m e del C.A.I. insieme al Direttivo e A.E. della storica Sezione del Club Alpino Italiano di SORA Simona PROSPERI vedrà arrivare nella città centinaia e centinaia di escursionisti, appenninisti e alpinisti da tutta l’Italia.

Evento Nazionale giunto alla sua 11^ edizione che prevede una lungo pomeriggio di natura sociale e culturale legato ai nostri monti con film, relazioni, libri, interviste e premiazioni.

Grandissima partecipazione di tantissime associazioni di tutta l’Italia centrale.

Dalla locale CAMINANDO EN GRUPO e GEB (Gruppo Escursionisti di Balsorano) della F.I.E., i sempre presenti ZIS (Zaini in Spalla), i GEP (Gruppo Escursionisti della Provincia di Roma) della FederTrek, i MOUNTAIN LOVERS dal mare adriatico, i FREE MOUNTAIN dalle Marche, gli AMICI del MONTE RUAZZO dai Monti Aurunci, TREKKING ITALIA oltre che l’Associazione Meteo di CAPUT FRIGORIS.

Presenti inoltre Presidenti, Direttivi e rappresentanti delle Sezioni C.A.I. di TUTTA l’Italia centrale.

Con l’introduzione e poi conduzione della lunga serata da parte del Grandissimo Appenninista Francesco MANCINI ci saranno i saluti di Amedeo Mattia PARENTE Presidente del C.A.I. REGIONE LAZIO, di Lucio MEGLIO Presidente del C.A.I. di SORA e di Giuseppe ALBRIZIO Presidente del Club 2000m e Accompagnatore Escursionistico Onorario del Club Alpino Italiano.

Alternati alle premiazioni degli iscritti che hanno raggiunto i vari step di traguardi appenninici ci saranno le presentazioni dei 2 libri più importanti a livello appenninico usciti nell’anno 2019.

Il Fotografo Naturalista Luigi TASSI presenterà la Grande Guida “ IL GRAN SASSO E LE ALTE CIME “ mentre il famoso giornalista e scrittore Stefano ARDITO ci illustrerà la Sua ultima fatica letteraria “ VETTE DELL’APPENNINO CENTRALE “.

Ospite d’eccezione in rappresentanza della storica Sezione di SORA il Direttivo Giorgio LUCARELLI con il suo ultimo ciclo-viaggio in solitaria sulla strada delle ossa nella siberia estrema.

Apre la serata l’intervento di Giuseppe AREDENTE che direttamente dal Rifugio Fonte Tarì sulla Majella con la Sua Associazione Majella Sporting Team ci parlerà della importante funzione della Jolette per aiutare tutte le persone con handicap fisici a godere della bellezza della montagna

Si chiude con l’alpinista Giorgio GIUA colui che ha realizzato TUTTE le Cime dell’Appennino in veste invernale ed il Suo libro pieno di emozioni dal titolo “ GIORNI DIVERSI “.

InizioPrec12345678SuccFine
Pagina 1 di 8

Newsletter

Se non ti vuoi iscrivere al Club ma vuoi comunque rimanere informato delle novità. Iscriviti alla Newsletter.
Saremo discreti e rispettermo la tua privacy.

Menu Utente

NOTA! Questo sito utilizza i cookie e tecnologie simili.

Se non si modificano le impostazioni del browser, l'utente accetta. Per saperne di piu'

Approvo