Club 2000m

Club Collezionisti Cime dell'Appennino

facebook

Foto

Foto (112)

Il Club 2000m. invita a descrivere escursioni e itinerari vissuti sulle montagne dell'Appennino. I racconti  sono organizzati per gruppi montuosi:

  • Pollino
  • App. Lagonegrese
  • App. Tosco-Emiliano
  • Gran Sasso
  • Laga
  • Maiella
  • Matese
  • Parco naz. Abruzzo, Lazio, Molise
  • Reatini
  • Sibillini
  • Simbruini-Ernici
  • Velino-Sirente

Invia il racconto della tua escursione, non ancora presente tra quelle pubblicate o effettuata in una stagione diversa a: Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo. indicando nell'oggetto: Escursione. Accompagnala con qualche foto che ritieni interessante per illustrare il percorso o punti di attrazione. Il Club si riserva di scegliere tra le foto inviate quelle da pubblicare.

Ecco i Vs. racconti:

LOCANDINA

Francesco Mancini componente del Consiglio Direttivo del Club 2000m a nome personale come organizzatore dell’evento, del Presidente Giuseppe ALBRIZIO e del Direttivo tutto, comunica la realizzazione della importante 9^ Serata Sociale del Club 2000m che quest'anno si svolge in collaborazione con il CAI di Monterotondo (Roma) nella giornata di SABATO 2 DICEMBRE 2017 dalle 16 in poi con la consueta CENA SOCIALE finale.

La passione per la montagna ed in particolare per l’Appennino è alla base della costituzione, il 2 luglio 2007, del Club 2000m da parte di tre amici e grandi trekker, Giuseppe Albrizio (Presidente visitare il suo Sito personale Le mie Passeggiate), Claudio Carusi (Segretario) e Livio Rolle (Administrator del Sito).

Il Club 2000m ha l’obiettivo di salire su tutte le montagne (censite in un elenco ufficiale riconosciuto dai CAI del centro Italia) situate fra i 2000m ed i quasi 3000m del Gran Sasso d’Italia di tutto l’Appennino, dalle Marche al Molise passando per Lazio ed Abruzzo, senza dimenticare l’Appennino Tosco-Emiliano ed il Sirino-Pollino, per stimolare gli escursionisti che frequentano le montagne dell’Appennino a conoscerle sempre meglio, ad esplorare e raggiungere cime meno note, ad individuare nuovi percorsi, e a condividere con altri amici appassionati Appenninisti la bellezza dei luoghi, le vie di salita e gli itinerari individuati.

Quindi proprio quest’anno il Club 2000m ha compiuto 10 anni dalla nascita e si è pensato di far sì che i veri protagonisti della giornata dovevano essere tutti coloro che hanno creduto fin dall’inizio nella bellezza ed importanza del “ Progetto del Club 2000m “ completandolo nel corso di questo lungo periodo con l’impegno fisico, psicologico, e soprattutto anche economico visto i lunghi spostamenti.

Lo stimolo alla scoperta di nuove cime e di nuovi percorsi è dato dalla curiosità per quelle ancora non raggiunte, presenti nell’elenco ufficiale dei 2000 metri dell’Appennino, dove si offre la possibilità di spuntare su una scheda personale le montagne raggiunte, in una sorta di grande diario comune e di confrontarsi con gli altri in un albo, che ha il solo scopo di incitare ad uscire dai percorsi più battuti, senza alcun spirito agonistico ma solo esplorativo.

Il nostro invito è rivolto affinché i presenti all'evento possano conoscere dal vivo e soprattutto sentire dalla loro emozionata voce i sentimenti provati dai Grandissimi Appenninisti cioè coloro che hanno raggiunto TUTTE  le Cime dell'appennino e le motivazioni che li hanno spinti a completare l'Elenco.

Una serata come questa doveva avere come protagonista anche il vero “ RE degli APPENNINI “ cioè il GRAN SASSO D’ITALIA e quale occasione migliore se non la presentazione dell'importante volume, che lo rappresenta da un punto di vista culturale e scientifico (edito dalla Casa Editrice Ricerche&Redazioni di Giacinto DAMIANI), “ GRAN SASSO e SCIENZA “ scritto dal famoso Stefano ARDITO.

La presenza del giornalista, scrittore e iscritto al Club 2000m Stefano ARDITO renderà prestigiosa la serata con la presentazione di questo speciale Libro raccontandoci qualcosa “ sui 2 Osservatori Astronomici, sul GSSI e sui Laboratori sotterranei e magari su Orazio Delfico, l’emulo Abruzzese di Horace-Benédict de Saussure “.

Non mancheranno le premiazioni dei nostri iscritti con gli Scudetti delle 50-100-200 e TUTTE le Cime, insieme agli SCUDETTI INVERNALI di tutti coloro che hanno raggiunto le Cime anche nel difficile ambiente innevato ma soprattutto si cercherà di coinvolgere maggiormente i nostri futuri Appenninisti cioé i bambini con la consegna del SCUDETTO SOCIO APPENNINISTA.

Il Club 2000m con la semplicità e la purezza che i bambini esprimono nel raggiungimento di un Cima cerca di trasmettere i valori che solo la montagna può offrire loro.

Sia la manifestazione che la cena si svolgeranno al Centro di Monterotondo nella SALA TEATRALE POLIFUNZIONALE della Parrocchia di GESU' OPERAIO di Via Piave, 12 in Monterotondo (Roma).

Per la manifestazione teatrale si ricorda che l’ingresso è libero.

FOTO 1

001 - orgogliosi di mostrare l'appartenenza al Club 2000m e al Club Alpino Italiano 

FOTO 2

002 - il Presidente del Club 2000m e a destra il grande organizzatore

della serata, Francesco Mancini

FOTO 3

003 - il logo del Club 2000m

FOTO 4

004 - la copertina del libro presentata da Stefano Ardito

per approfondire vedi Esplorandox

 

Montagne360, la rivista del Club Alpino Italiano

Ottobre 2013

Albrizio il "Grandissimo Appenninista"

002

 

002a 

 

Intervista a Giuseppe Albrizio, 

fondatore del sito “Le Mie Passeggiate” e

del Club2000m

Pubblicato da  Danilo Giagnoli in DanglaWild il  11 aprile 2016

giuseppe-albrizio-01

Se avete cercato almeno una volta informazioni su un itinerario escursionistico in appennino, molto probabilmente vi sarete imbattuti sul sito Le Mie Passeggiate, un portale di preziosa importanza, creato e gestito da Giuseppe Albrizio, una figura assolutamente da rispettare e seguire considerando la sua grande personalità e conoscenza del nostro amato appennino.

giuseppe-albrizio-00

Ogni “montanaro” matura la propria esperienza escursionistica in diversi modi, personalmente ho iniziato ad esplorare la natura intorno a me proprio seguendo le relazioni e consigli di Giuseppe Albrizio, un vero punto di riferimento per cui nutro molto rispetto e ammirazione.

giuseppe-albrizio-02

Giuseppe Albrizio, una grande figura e simbolo per molti appassionati escursionisti e non solo, chi è Giuseppe Albrizio e quando nasce la sua passione per la montagna?

Penso di essere un comune mortale, o forse fisicamente e tecnicamente inferiore a tanti. Ho una grande passione per l’escursionismo e sono sempre stato spinto dalla curiosità di vedere di persona cosa ci fosse al di là di un valico, della cima di una montagna e dell’orizzonte.

Fin da piccolo, quando vivevo ai piedi del Vesuvio, osservavo quella enorme montagna: nei primi anni di vita, tutto quello che si osserva sembra enorme. Avevo il grande desiderio di salire sulla sua vetta per osservare il panorama, ma non sapevo come realizzare questo sogno; oltretutto essendo abbastanza introverso, ogni desiderio, voglia ed altro, lo tenevo dentro di me.

Dalla Sardegna, ritornato nuovamente nel Continente, sono finito nel bel paese di Cittaducale ed a Rieti ho frequentato le scuole medie superiori. 
Appena arrivato, o meglio, ancor prima di metter piede nel borgo, ho subito notato dalla S.S. Salaria gli enormi “mammelloni” montagnosi del Gruppo del Nuria. 
Negli anni successivi, guardando dalla finestra di casa questa montagna trasformarsi con le stagioni, ne rimanevo sempre più affascinato: il desiderio di raggiungerla era sempre più forte, ma non sapevo come fare, non conoscevo i sentieri, non conoscevo nessuna organizzazione escursionistica a cui iscrivermi… ero proprio “ignorante”, nonché non autonomo negli spostamenti non possedendo un’auto. Avevo quindi messo inconsciamente da parte l’idea di curiosare al di là delle montagne.

La svolta l’ ho avuta verso la fine degli anni ottanta, quando nel bar-edicola del mio paese posai lo sguardo su una piccola guida di una casa editrice di un paese vicino Roma: da allora ho iniziato a “volare”! Certo, ho iniziato tardi (all’età di 35 anni), ma non mi sono fermato più e spero, con l’aiuto del Signore, di continuare ancora per tantissimo tempo.

giuseppe-albrizio-08

Il tuo sito lemiepasseggiate.it vanta numerose visite ed è ormai un punto di riferimento per moltissimi escursionisti del centro Italia e non solo, cosa ti ha spinto a pubblicare questa utile risorsa e quali sono gli obiettivi futuri?

Dopo aver effettuato più di tremila escursioni sull’Appennino ed aver salito più volte da tutti i versanti la maggior parte dei monti, sentivo dentro di me che ancora mancava qualcosa.
Grazie anche alle idee di mio fratello, ho così capito che avevo il desiderio di condividere la mia passione con tutti, Alpinisti/Escursionisti e, soprattutto, con le persone impossibilitate per vari motivi; è nato dunque il sito 
lemiepasseggiate.it.

Volevo fare un’opera semplice e facilmente accessibile, mettere al servizio di tutti la mia esperienza e cercare di spingere gli appassionati a seguire le mie tracce; ripetendo alcune vie normali, non vi dico quanta soddisfazione ho avuto nell’incontrare escursionisti che avevano in mano la stampa della mia descrizione… tutt’ora accade, ed è sempre un gran piacere per me. L’obiettivo futuro è di migliorare sempre più il sito descrivendo nuovi itinerari.

giuseppe-albrizio-06

Tra i vari gruppi montuosi del nostro territorio, ce n’è uno che reputi più interessante o semplicemente che apprezzi di più per la sua bellezza o per i ricordi che ti ha donato? Qual’è stata la vetta più faticosa da raggiungere?

I gruppi montuosi del nostro Appennino sono tutti belli, non esiste una montagna migliore delle altre: tutte richiedono fatica, esperienza, volontà, passione e caparbietà per raggiungere la loro vetta. Spesso le montagne alte meno di mille metri sono più difficili di quelle molto più elevate perché oltre ad esser di sovente prive di sentiero, hanno il problema della vegetazione, molto fitta ed impenetrabile.

giuseppe-albrizio-03

Cippi di confine, una lunga e appassionante esperienza pubblicata anche su Montagne360 che ti ha visto personalmente coinvolto in questa avventurosa ricerca, cosa ti ha spinto a intraprendere questo cammino e cosa ti ha regalato?

Le mie prime escursioni furono sui monti Reatini; percorrendone i sentieri, mi sono imbattuto per la prima volta in una grossa pietra circolare con il basamento quadrato e rimasi meravigliato da quella visione.

Camminando in altri sentieri, sempre sui monti Reatini, ne ho successivamente incontrate diverse: osservandole attentamente, mi sono accorto che ciascuna portava un numero differente. Da quel momento è nata questa passione. Ho così capito che, seguendo una certa linea, avrei avuto la possibilità di trovarne altre con numero crescente o decrescente a seconda la direzione che prendevo.
Poi mi sono posto tantissime domande: chi aveva avuto l’idea di costruire quei pesantissimi cilindri? In che modo li avevano trasportati in quei posti? A cosa servivano? Pian piano sono venuto a capo di tutto ed ho avuto l’opportunità di conoscere anche tantissime persone appassionate (a cui sono ancora legato) che parallelamente a quanto stessi facendo, portavano avanti la medesima ricerca.

Il 2 luglio 2007, tre amici: Giuseppe Albrizio, Claudio Carusi e Livio Rolle costituiscono il club2000m, un lavoro lungo e complesso che è stato accolto da moltissimi appassionati della montagna e aspiranti tali, come nasce il club2000m e qual’è il suo obiettivo?

L’ idea del Club 2000m è originale e mi piace moltissimo. Certo, qualcuno potrebbe affermare che il Club è stato “scopiazzato” da quello dei 4000m. Stiamo invece parlando di un altro pianeta, frequentato per la maggior parte da professionisti: non ha nulla a che fare con il nostro Club.

Secondo me, nessuna classifica rende mai il giusto merito. L’ intento del Club è quello di unire più escursionisti possibili al fine di un reciproco scambio di informazioni ed impressioni: ciò per rendere partecipi anche gli altri delle proprie “conquiste”. Che senso ha fare una salita con grande fatica per poi tenerla solo per se? Perché non raccontarla invece ad amici, parenti, conoscenti in modo da invogliarli a fare la stessa cosa?

Venne ai miei due amici Claudio Carusi e Livio Rolle, l’idea di formare un Club dell’Appennino simile a quello dei 4000 metri delle Alpi. Cercando nel web un elenco dei 2000 m pubblicato “da chi sa chi”, incapparono nel mio sito dove esisteva già da tempo un elenco di montagne dell’Appennino superiore ai 2000 metri: fui contattato, e da lì nacque il Club.

giuseppe-albrizio-04

Prima di partire per una nuova escursione, come ti organizzi? Qual’è l’attrezzatura che reputi necessaria per poter affrontare una nuova ascesa?

La prima cosa è pianificare l’escursione, studiarla “a tavolino”, sapere dove e come raggiungere la base di partenza in modo da non perdere tempo sul posto. In questo modo riesco a fare escursioni molto distanti da casa senza utilizzare alberghi o altro. Naturalmente l’attrezzatura dipende dalla stagione. Nello zaino non manca mai una lampada frontale con batterie di ricambio, una scatola di fiammiferi, un cordino in fil di ferro utile se si hanno problemi con la suola delle scarpe. Materiale semplice, che potrebbe sembrar superfluo, invece di notevole importanza. Un piccolo imprevisto in un posto remoto o in condizioni ostili, può divenire un grande problema.

giuseppe-albrizio-05

Un consiglio per chi si avvicina ora alla montagna?

Essendo molto difficile trovare un compagno disposto a seguirti sempre, è molto importante trovare il coraggio di uscire in solitaria. Purtroppo ciò accade di frequente anche dopo aver pianificato una escursione in compagnia…
Se si è sempre soggetti ad altre persone, non si imparerà mai ad andare in montagna.

Ulteriore consiglio, è di tener traccia delle proprie uscite su di un “diario” cartaceo: ciò sia al fine di evitare ripetizioni di escursioni dimenticate, sia per una più rapida progettazione di nuove avventure nella medesima zona. In tutta sincerità, curo molto questo aspetto ed ho anche cercato di affiancare al “vecchio inchiostro”, un vero archivio multimediale: occorre molta pazienza, ma la successiva semplicità con cui reperire informazioni ben ripaga l’impegno profuso.

giuseppe-albrizio-07

Quali sono i prossimi obiettivi di Giuseppe Albrizio, a quando una tua pubblicazione editoriale?

Come detto sopra, preferisco curare ulteriormente il sito web più che fare una mia personale pubblicazione editoriale. In realtà una “pubblicazione” esiste già… Chiunque può stampare qualsiasi contenuto del sito lemiepasseggiate. Ciò equivale ad avere tantissimi libri di montagna dell’Appennino in maniera del tutto gratuita e suddivisi per gruppi montuosi. Meglio di così!?

Grazie mille per la tua disponibilità Giuseppe, un saluto sincero e sempre più in alto!

Venerdì, 12 Luglio 2019 14:15

Sesto Raduno in Montagna del Club 2000m

Scritto da

Monte Pelone Settentrionale

da San Angelo - frazione di Amatrice

località Macchie Piane

il racconto della sesto raduno in montagna del Club 2000 m lo potete leggere aprendo la NEWS N.38 di Francesco Mancini

la descrizione dell'escursione con cartina Google Earth e traccia GPX la potete leggere qui: Monte Pelone Settentrionale

000 locandina

la locandina

001

001 - Macchie Piane-Amatrice

002

002

003

003

003a

003a

003b

003b

003c

003c

003d

003d

004

004

005

005

006

006

007

007

007a

007a

007b

007b

008

008

008a

008a

008b

008b

008c

008c

008d

008d

009

009

010

010

011

011

012

012

013

013

013a

013a

013b

013b

013c

013c

014

014

015

015

016

016

016a

016a

016b

016b

017

017

018

018

018a

018a

018b

018b

018c

018c

018d

018d

018e

018e

018f

018f

019

019

020

020

021

021

022

022

023

023

024

024

025

025

026

026

027

027

028

028

029

029

030

 

 

 

 

 

 

IL Messaggero

articolo di Stefano Ardito

uscito Giovedi 20 Ottobre 2016

001 - articolo Stefano Ardito

001a - articolo Stafano Ardito 

Venerdì, 29 Novembre 2019 14:07

2019 Luglio 24: Alla Riscoperta del Club 2000m

Scritto da

Alla riscoperta del Club 2000m

APPENNINO.TV Articolo del 24 Luglio 2019

Intervista a Francesco Mancini

Siamo qui con il Grandissimo Appenninista Francesco Mancini uno dei più importanti componenti del Consiglio Direttivo del Club 2000m ma anche appartenente al CAI da più di 20 anni della Sezione di AVEZZANO oltre che alla FederTrek.

Francesco con il Club 2000m, istituzione principe dell’Appennino, avete recentemente organizzato un raduno, com’è andato?

Innanzitutto voglio rivolgere i miei più vivi complimenti a tutti Voi ideatori e redattori di questo nuovo portale informatico dedicato alla montagna per lo spazio che ci avete dedicato augurando i più grandi successi professionali.

001a
In foto: il recente incontro che la Redazione di Appennino TV ha avuto con Francesco Mancini che vede da sinistra Arianna Manca, Fabio Orfei, Emanuele Cascapera e Lucio Virzì.

In merito al 6° Raduno in Montagna devo dire che quest’anno è stato particolarmente difficile coordinare il Raduno che ricordo è stato in collaborazione con il CAI di Amatrice del Presidente Franco Tanzi in quanto, a causa del pessimo meteo di Maggio e parte di Giugno, siamo stati costretti a rimandarlo per 3 volte.

Le prime due volte a causa del meteo e la terza per la contemporaneità con un altro evento quale l’anteprima nazionale a Fonte Cerreto de L’Aquila della Guida di Luigi Tassi “ Il Gran Sasso e le Alte Cime “ che ci ha visto protagonisti come Club 2000m, per la prima volta in un libro così importante, con il Logo, un capitolo a noi riservato, i ringraziamenti e le Cime valide per l’Elenco del Club 2000m.

Siamo andati troppo in avanti con la data e ciò ha comportato delle assenze di coloro che avevano già prenotato viaggi per le Cime sia del Tosco-Emiliano che del Calabro-Lucano oltre alle ferie e altri impegni sia di natura personale che di montagna in quanto molti nostri iscritti sono anche accompagnatori di diverse sezioni del Club Alpino Italiano.

Tuttavia complessivamente è andato tutto splendidamente per i tanti incontri che si fanno in questa occasione fra coloro che salgono prima, che ci raggiungono dopo, che salgono da altri versanti oltre al grande gruppo iniziale.

Queste occasioni servono per rivederci dopo 1 anno o per conoscerci dal vivo e poi il Raduno aveva lo scopo raggiunto di riportare tante persone ad Amatrice per permettere anche solo per un giorno di far rivivere questi territori così duramente dal Terremoto.  

002a
In foto: Una parte del grande gruppo iniziale in partenza da Macchie Piane alle pendici di Pizzo di Sevo della Laga (Foto di Paolo Gentili)

Sicuramente un grande successo, ma vogliamo ricordare ai nostri lettori quali sono i valori e gli obiettivi che il Club 2000m si prefigge?

Ricordiamo che la realtà Appenninica del Club 2000m, che vede quasi 1400 iscritti, ha la finalità di raggiungere TUTTE le 243 Cime riconosciute nell’elenco ufficiale situate fra i 2000 m ed i quasi 3000 m del Gran Sasso D’Italia di TUTTO l’Appennino Italiano, da quello Tosco-Emiliano fino a quello Calabro-Lucano, senza dimenticare quelle che si trovano fra Umbria, Marche, Abruzzo, Lazio e Molise.

Il Club 2000m nasce ufficialmente il 2 Luglio del 2007 da una idea del Presidente Giuseppe Albrizio (http://www.lemiepasseggiate.it), Claudio Carusi (http://www.fagustrek.it), Livio Rolle attualmente anche Guida e Formatore della FederTrek a cui si è aggiunto successivamente il Direttivo Francesco Mancini (http://www.esplorandox.it).

L’obiettivo è quello di stimolare gli escursionisti che vivono le montagne più alte dell’Appennino a conoscerle sempre meglio anche quelle meno note, ad individuare nuovi percorsi, e a condividere con altri amici appassionati il proprio stupore per la bellezza di luoghi meno frequentati con le vie di salita e gli itinerari individuati.

Lo stimolo alla scoperta di nuove cime e di nuovi percorsi è dato dalla curiosità per quelle ancora non raggiunte, presenti nell’elenco ufficiale dei 2000 m dell’Appennino, fiore all’occhiello del Club, primo elenco assoluto e riconosciuto in Italia. Sulla base del predetto elenco ciascuno può spuntare su una scheda personale le proprie cime e confrontarsi con gli altri in una classifica che ha il solo scopo di incitare ad uscire dai percorsi più battuti senza spirito agonistico.

003a
In foto: Un momento del Raduno in Montagna del Club 2000m realizzato sul Terminillo

Ormai siete una realtà affermata, quale sono i progetti futuri che vi ponete come Associazione?

Con il passare degli anni e soprattutto con la maggiore visibilità e quindi importanza del Club stiamo cercando di curare maggiormente alcuni aspetti di natura più specifica rispetto al passato.

Ci sentiamo maggiormente responsabilizzati anche se non è facile perché nasciamo come singoli montanari con un senso di individualità che spesso è prevalente.

Gli obiettivi futuri sono sempre quelli della condivisione e dei rapporti umani non solo fra tutti noi del Club 2000m ma anche con le altre realtà di montagna che vivono la nostra stessa passione.

Un esempio di tutto questo lo ha dato proprio la Sezione CAI di AVEZZANO che mi ha invitato come ospite d’eccezione in rappresentanza del Club 2000m alla prima giornata di “ Festa dei 90 anni della Sezione “ che per 5 giorni da Lunedì 29 Luglio a Sabato 3 Agosto 2019 presso la prestigiosa sede della sala convegni di Palazzo Torlonia di Avezzano fra conferenze, stand e palestre di arrampicata allieterà il pubblico presente.

Per questo motivo voglio ringraziare il Presidente Tonino Di Palma, il Past President Giovanni Olivieri, il Direttivo e Coordinatore dell’evento Romano Sfirri e il Direttivo e AE Fabio Antifora.

004a
In foto: La locandina della giornata di apertura della festa dei 90 Anni della Sezione CAI di Avezzano che vede il Club 2000m ospite d’eccezione nella giornata di apertura di Lunedì 29 Luglio 2019

Che consigli ti senti di dare ai nostri lettori che vorrebbero iniziare a “collezionare“ cime ?

Nel mio ruolo, che non è solo di Consigliere del Direttivo, ma anche di organizzatore di eventi del Club e di curatore dei rapporti istituzionali con le altre realtà associative mi interfaccio quotidianamente con tanti iscritti che mi chiedono informazioni e consigli su qualsiasi aspetto legato non solo al Club ma anche alla montagna in generale e sull’Appennino in particolare anche di Regioni lontane dalla nostra realtà classica.

A loro dico sempre che non si deve parlare di “Collezione“, termine che da alcuni viene visto negativamente perché frainteso, ma di “Esplorazione“.

Con la scusa di inserire le Cime ascese nel proprio Albo il vero Progetto del Club 2000m è quello di raggiungere luoghi e montagne che non avresti mai pensato di raggiungere, percorrere sentieri che non avresti mai pensato di fare di tutta la dorsale Appenninica Italiana.

005a

In foto: un autoscatto della solitaria infrasettimanale in MTB che ha fatto Francesco Mancini pochi giorni prima del Raduno sul Monte Autore a quota 1855 m dei Monti Simbruini

Sei stato gentilissimo Francesco, ma prima di salutarci vorrei chiederti una cosa sulla quale credo ci sia bisogno di far chiarezza: quali sono i requisiti necessari per potersi accreditare una cima? La “foto di vetta” è necessaria? Quali requisiti servono affinché una vetta possa essere considerata raggiunta in assetto invernale?

Ti ringrazio per queste 2 domande sulle quali possiamo fare chiarezza definitiva su questi aspetti sempre molto controversi e discussi.

In merito all’accreditamento di una cima il mio pensiero è quello di un purista della montagna: premesso che difficilmente non si lascia a se stessi il ricordo con una  “ foto di vetta “ ritengo tuttavia che la maggioranza – una volta avrei detto tutti – di coloro che raggiungono lo cime debba possedere quella che chiamo “ onestà intellettuale “ cardine di queste esperienze che in fondo ognuno compie per realizzare quella felicità interiore che noi conosciamo.

Per quanto concerne le “Cime Invernali“ faccio mie le parole del Presidente del Club 2000m Giuseppe Albrizio che ricordiamo è stato insignito di una speciale onorificenza da parte del Club Alpino Italiano Centrale nominandolo Accompagnatore Escursionistico Onorario.

Tale riconoscimento è stato concesso in via del tutto eccezionale poiché riservato solo ai Soci del Club Alpino Italiano che in uno specifico settore abbiano svolto attività significative e si siano particolarmente distinti.

(Il suo Blog è http://www.lemiepasseggiate.it/)

006
In foto: gli Organi Tecnici Territoriali Operativi di Escursionismo del Club Alpino Italiano Memmina De Nardis e Luciano Roma durante la consegna ufficiale al Presidente del Club 2000m della Giacca di “AE Onorario“.

“La collezione dei 2000 dell’Appennino saliti in inverno o in condizioni invernali è un’idea del grandissimo Alpinista ma anche Appenninista Cristiano Iurisci mentre il LOGO dello scudetto è stato ideato da Cleverson Ferrara.

I criteri proposti da Iurisci sono poi stati adattati dal Club come segue: si considera quella fatta secondo calendario cioè dal 21 Dicembre al 21 Marzo oppure quella fatta in condizioni invernali, quando cioè per raggiungere la vetta è stato obbligatorio percorrere la via scelta per almeno il 50% su neve o ghiaccio“

007a 

In foto: Il Presidente del Club 2000m Giuseppe Albrizio in uno dei momenti della premiazione con lo Scudetto Invernale alla Serata Sociale del Club 2000m per le 100 Cime di Claudio Carusi uno dei fondatori del Club 2000m

Concludo ricordando a tutti che la nostra Riunione Annuale durante la “ XI Serata Sociale del Club 2000m “ quest’anno sarà quasi sicuramente nella giornata di Sabato 23 Novembre dalle 16 in poi con la consueta Cena Sociale.

Per questo motivo voglio ringraziare il Presidente del CAI di Sora Lucio Meglio, il Grande Giorgio Lucarelli Alpinista e Ciclo Viaggiatore e la mia Simona Prosperi Direttivo e AE SORA che coordinerà con il sottoscritto la manifestazione che si svolgerà proprio al centro di Sora.

Aspettiamo quindi tutti gli iscritti, gli amici ed i simpatizzanti per una lunga giornata di relazioni, incontri, filmati e premiazioni ma soprattutto di Amicizia che è il vero perno motore del Club 2000m.

008 

In foto: Ai piedi del Monte Trani nel PNALM il Direttivo e AE CAI SORA Simona Prosperi che coordinerà insieme a Francesco Mancini la XI Serata Sociale del Club 2000m che si svolgerà al centro di Sora (Foto di Francesco Mancini)

Potete seguire il Club 2000m sul Gruppo FB Ufficiale “ Club 2000m ”, sul Sito Internet www.club2000m.it e Francesco Mancini sul suo blog personale www.esplorandox.it

InizioPrec12345678SuccFine
Pagina 1 di 8

Newsletter

Se non ti vuoi iscrivere al Club ma vuoi comunque rimanere informato delle novità. Iscriviti alla Newsletter.
Saremo discreti e rispettermo la tua privacy.

Menu Utente

NOTA! Questo sito utilizza i cookie e tecnologie simili.

Se non si modificano le impostazioni del browser, l'utente accetta. Per saperne di piu'

Approvo