Club 2000m

Club Collezionisti Cime dell'Appennino

facebook

Informazioni Generali

Informazioni Generali (24)

Si considera salita invernale quella fatta in inverno secondo calendario (21 dicembre, 21 marzo) oppure quella fatta in condizioni invernali, quando cioè per raggiungere la vetta è stato obbligatorio percorrere la via scelta per almeno il 50% su neve o ghiaccio.

NB: Per terminare la "collezione" NON e' necessario salire le cime alpinistiche e quelle in riserva integrale del PNALM; vale la stessa regola della salita delle cime senza neve, quindi le cime si riducono da 261 a 243 

Le cime alpinistiche sono: Vetta Centrale del Corno Grande Gran Sasso D'Italia  2893 m

                                            Torrione Cambi (Gran Sasso D'Italia)                            2875 m 

                                            Punta Dei Due (Gran Sasso D'Italia)                              2608 m

                                            Dente del Lupo (Gran Sasso D'Italia)                            2297 m

                                            IL Tempio (Gruppo Velino-Sirente)                                2099 m

 

Le cime in riserva integrale del PNALM sono: Monte Petroso                                 2249 m

                                                                           Monte La Meta                                2242 m

                                                                           Monte Ninna                                    2220 m

                                                                           Monte Petroso, anticima Sud          2193 m

                                                                           Monte Tartaro                                  2191 m

                                                                           Gendarme de La Meta                     2185 m

                                                                           Monte della Corte                            2182 m

                                                                           Monte Petrosello                             2171 m

                                                                           Monte Altare                                    2174 m

                                                                           Monte Capraro                                 2100 m

                                                                           Monte Iamiccio                                2074 m

                                                                           Balzo della Chiesa                           2073 m

                                                                           Cima di Passo Cavuto                     2002 m

                                                                           

La classifica invernale prevede appositi scudetti, il primo a 25 cime, poi a 50, 100, 200 e TUTTE (per TUTTE si intende la fine del progetto che sono la "collezione" di 243 cime).

Giovedì, 28 Luglio 2016 15:34

Terzo Raduno in Montagna del Club 2000m

Scritto da

10 LUGLIO 2016  
SPECIALE RADUNO DEL CLUB 2000M
ORGANIZZATO DA FRANCESCO MANCINI (DIRETTIVO CLUB 2000M)
IN OCCASIONE DEL 50°ANNIVERSARIO DELLA POSA DELLA MADONNINA SUL MONTE VELINO

raduno

 Sembra quasi un destino che il Monte Velino con la Sua Madonnina sia sempre presente nella mia vita.

001
 Il 10 Luglio del 1966, esattamente 8 giorni dopo la mia nascita, gli Alpini di Avezzano portano a quota 2487 metri sulla cima più elevata della catena Velino-Sirente, terzo gruppo montuoso più elevato dell'Appennino continentale dopo Gran Sasso e Majella, la Madonnina che ci fatto compagnia in tutti questi decenni.

002
(FOTO di Claudio LUCARINI durante l'Alba del 10 Luglio 2016)
Quando a 8 anni vedevo dal balcone della mia cameretta il Monte Velino dicevo fra me e me che da grande volevo arrivare fin lassù e la cosa incredibile è che abitavo ad Avezzano proprio in Via Monte Velino.

003
(FOTO di Claudio LUCARINI durante l'Alba del 10 Luglio 2016)
Proprio sul Monte Velino realizzai la mia prima solitaria in montagna peraltro senza incontrare nessuno il 13 Agosto del 1997 partendo proprio da Santa Maria in Valle Porclaneta.

004
(Foto di Claudio LUCARINI durante l'Alba del 10 Luglio 2016)
Quando all’inizio di questo anno ricevetti una telefonata da Fabio Antifora nella foto insieme alla moglie Valentina

005
del Direttivo del CAI di Avezzano oltre che Accompagnatore ma anche referente del Comitato Organizzatore che invitava il Club 2000m a partecipare e cercare di realizzare un Evento che potesse portare su questa montagna tanti amanti del Velino per rendere omaggio al restauro e ricollocazione della Madonnina ebbi la conferma che fra me ed il Monte Velino ci deve essere per forza un rapporto particolare.

006
Come se fosse quasi un destino che a distanza di pochi giorni dei miei 50 anni di vita e di montagne, il mio entusiasmo dovesse cercare di portare in Abruzzo, a poca distanza dal confine con il Lazio, tra la conca del Fucino e le valli dei fiumi Aterno e Salto, affiancato dalle Montagne della Duchessa a nord-ovest e dal massiccio del Monte Sirente a sud-est tante altre persone legate da un comune denominatore.

007
E’ stato bellissimo vagare per questa montagna trovando centinaia e centinaia di escursionisti ed alpinisti provenienti da tutto il Centro Italia che si salutavano per la prima volta approfondendo le proprie conoscenze ed esperienze ma ancor di più ritrovare tanti amici che non si vedevano da tempo oppure altri che conosciuti solo sui Blog o sui Social di montagna finalmente hanno avuto il modo di guardarsi negli occhi e parlarsi dal vivo.

008
(Da sinistra Rossella Montemurro, Gianpiero Tarquini, Maurizio Franciosi, Claudio Lucarini insieme al Presidente del Club 2000m Giuseppe Albrizio che hanno raggiunto per primi la Madonnina all'Alba del 10 Luglio 2016)
Questa occasione ha dimostrato che la montagna non è solo silenzio ed intimità ma può anche essere un giorno di festa e di convivialità basta andarci con questo spirito.

009
(Filippo Patelli sotto al Monte Sevice)
Di certo non mancheranno in futuro momenti di montagna intimista ma oggi doveva essere una festa legata non solo al Club 2000m ma anche all’Associazionismo di montagna in genere.

010
                    ( I Folletti del Morrone )
Credo che il momento che rimarrà impresso nella mente di ognuno di noi è stato quello in cui abbiamo conosciuto colui che ha percorso i quasi 18 Km di montagna con più di 1500 metri di dislivello in salita con una gamba ed una stampella.

011
(Da sinistra Costantino Pace con il Presidente del CAI di Avezzano Tonino Di Palma)
Di fronte a queste persone bisogna solo inchinarsi non solo spiritualmente ma anche materialmente come ho personalmente fatto di fronte a Costantino PACE di Civitella Roveto 60 anni con una gamba persa per un infortunio sul lavoro esempio di vita per tutti.
 Voglio concludere ringraziando tutti coloro che hanno permesso la realizzazione di un Evento che rimarrà nella storia di queste montagne e mi scuso se dimenticherò qualcuno.
Il CAI di Avezzano nella persona del Presidente Tonino Di Palma vedi sotto

012
 insieme a Fabio Antifora e Romano Sfirri per aver invitato il Club 2000m a partecipare.
 Il Comitato Amici del 50°.
 Il G.E.V. nella persona di Pasqualino De Michelis  e Giovanni Di Girolamo, Angelo Scafati, Tonino Di Massimo per aver permesso a tantissimi di rifugiarsi al coperto della Capanna di Sevice durante il temporale pomeridiano.
Il Gruppo degli Alpini di Avezzano che, nonostante il maltempo montando un piccolo stand hanno permesso a molti di rifocillarsi al termine della giornata con panini, birra e cocomero.
 Tutti gli iscritti del Club 2000m che, anche se con itinerari diversi e tempistiche diverse, si sono ritrovati tutti sulla Cima per omaggiare la Madonnina che in questa occasione ha rappresentato il messaggio della fratellanza e della amicizia fra tutti noi che abbiamo rinunciato a raggiungere altre vette  perchè lo scopo di oggi era anche il senso di appartenenza al Club 2000m stesso.
 Quindi in primis al Presidente del Club 2000m Giuseppe Albrizio e la Sua Grandissima Appenninista Teresa Beccarini e Il Presidente degli ZIS Marco Mampieri con la moglie Alba Pacifici che vedete tutti qui intorno alla Madonnina.

013
Il Componente del Consiglio Direttivo Claudio Carusi con il Suo Gruppo Fagus Trek.

014
Il Gruppo degli ZIS fra cui Stefania Di Pietro e altri in foto qui sotto.

015
016
017
018
Ai Capitani del Gruppo dei Folletti del Morrone il Grandissimo Appenninista Giorgio Monacelli e Licio Capone

019

insieme con tanti Appenninisti fra cui la mitica Mimma De Felicis.
020
Il Gruppo guidato da Alex Vigliani di Vivi Frosinone fra cui Francesca Mattiello entrambi in foto qui sotto.

021
022
La Vice Presidente del CAI di Tivoli ma anche Media Appenninista Paola Colizza con il Suo Gruppo che vedete in foto qui sotto con il Grandissimo Appenninista Augusto Catalani 

023 
Vari rappresentanti di vari CAI come Viterbo e Carsoli ma anche rappresentanti del CAI di Ancona e Poggio Bustone.

024
(Dal CAI di Ancona)
025
(Dal CAI di Poggio Bustone)
 Il Gruppetto di Fabio Amici.

026
Il Solitario Marco Mac ed il fortissimo Michele Carnevale con il Suo Gruppo.
 Il ritrovato Diego Rossi in foto qui sotto.

027
 Il Grande Mauro Lucatelli (nella foto con la maglietta verde) insieme a Francesco Recchia detto Supertramp (con la maglietta azzurra).

028
Il mio nuovo amico Andrea Maccioni

029
 Il Caro Leonardo Imperatore ed i Suoi amici.

030
L'Alpinista Nicola Carusi e Katy D'Errico.
031
032
Il Poeta Gianpaolo Wolf Manciocchi.

033
 La Grande Altieri Stefania e  il Grandissimo Michele Carnevale che sono venuti addirittura dalla Provincia di Isernia.
034
 Il Grandissimo Appenninista Giuseppe D'Annunzio che mi ha donato le foto della Messa e degli Alpini in Vetta.

035
036
Il simpaticissimo Domenico Rinaldi.
037
 Nel mio girovagare come Portabandiera  (Vi posso assicurare che non è stato facile portarla per 18 Km) non sono riuscito a salutare tutti ma soprattutto a fare le foto a tutti i partecipanti per cui mi scuso se non ho foto della loro presenza.

038
 Dimenticavo il Grande Marco Sances (con il Suo Blog fantastico chiamato Monti Invisibili) che nonostante sia stato sul Velino 26 volte ha dimostrato che conta di più l'amicizia che spuntare una Cima.

039
Concludo con una citazione sul Monte Velino suggerita proprio da Marco Sances fatta da Anne Mac Donnel
 una viaggiatrice inglese dei primi del '900:
<<Queste numerose cime sono gli aspri limiti come di un muro che circonda una terra strana, incolta, primitiva, poco lontana da Roma in miglia, incalcolabilmente lontana in ogni altra cosa; ma attraversare questa ineguale frontiera è un ritrovare noi stessi, nella prima delle molte difese contro la vita di oggi, la vita di pianura.
Se poi uno s’inoltra per un po’ nel cammino, dai più alti clivi del monte Velino, che ha tre cime, riuscirà a vedere con meraviglia e sgomento questa terra, una catena sull’altra, una barriera sull’altra, un altopiano separato dall’altro, una quantità di strette vallate e di elevati territori, stranieri gli uni agli altri.
Per tutte le popolazioni intorno il Velino è un amico: raccolgono erbe medicinali nelle sue alture e guardano su ad esso per una guida.>>
Anne Mac Donnel, Negli Abruzzi (anno 1908), Adelmo Polla Editore
040
GRAZIE A TUTTI PER AVER ACCETTATO IL MIO INVITO...UN ABBRACCIO !!!
Francesco MANCINI (Organizzatore e Direttivo Club 2000m)

Venerdì, 26 Giugno 2015 14:42

Informativa estesa sui cookies

Scritto da

I Cookie sono costituiti da porzioni di codice installate all'interno del browser che assistono il Titolare nell'erogazione del servizio in base alle finalità descritte. Alcune delle finalità di installazione dei Cookie potrebbero, inoltre, necessitare del consenso dell'Utente.

Cookie tecnici e di statistica aggregata

I Cookie tecnici hanno la funzione di permettere lo svolgimento di attività strettamente legate al funzionamento di questo spazio online. I Cookie tecnici utilizzati dal Titolare possono essere suddivisi nelle seguenti sottocategorie:

Cookie di navigazione, per mezzo dei quali si possono salvare le preferenze di navigazione ed ottimizzare l'esperienza di navigazione dell'Utente;

Cookie così detti "analytics", per mezzo dei quali si acquisiscono informazioni statistiche in merito alle modalità di navigazione degli Utenti. Tali informazioni sono trattate in forma aggregata ed anonima;

Cookie di funzionalità, anche di terze parti, utilizzati per attivare specifiche funzionalità di questo spazio online e necessari ad erogare il servizio o migliorarlo.

Tali Cookie non necessitano del preventivo consenso dell'Utente per essere installati ed utilizzati.

Altre tipologie di Cookie o strumenti terzi che potrebbero farne utilizzo

Alcuni dei servizi elencati di seguito potrebbero non richiedere il consenso dell''Utente o potrebbero essere gestiti direttamente dal titolare a seconda di quanto descritto senza l'ausilio di terzi.
Qualora fra gli strumenti indicati in seguito fossero presenti servizi gestiti da terzi, questi potrebbero in aggiunta a quanto specificato ed anche all'insaputa del Titolare compiere attività di tracciamento dell'Utente. Per informazioni dettagliate in merito, si consiglia di consultare le privacy policy dei servizi elencati.

Commento dei contenuti

Interazione con social network e piattaforme esterne

Pubblicità

Remarketing e Behavioral Targeting

Statistica

Widget

Questo servizio permette di effettuare interazioni con questo spazio online direttamente dalle piattaforme esterne su cui é installato. L'installazione del servizio potrebbe comportare l'ulteriore installazione di strumenti di Google Analytics con IP anonimizzato. Per ulteriori informazioni in merito a Google Analytics si rinvia all'apposita sezione del presente documento.

Utilizzo da parte di minori

Gli Utenti dichiarano di essere maggiorenni secondo la legislazione loro applicabile. I minorenni possono utilizzare questo spazio online solo con l'assistenza di un genitore o di un tutore.

Come posso controllare l''installazione di Cookie?

In aggiunta a quanto indicato in questo documento, l'Utente può gestire le preferenze relative ai Cookie direttamente all''interno del proprio browser ed impedire ad esempio che terze parti possano installarne. Tramite le preferenze del browser é inoltre possibile eliminare i Cookie installati in passato, incluso il Cookie in cui venga eventualmente salvato il consenso all''installazione di Cookie da parte di questo sito. u00c8 importante notare che disabilitando tutti i Cookie, il funzionamento di questo sito potrebbe essere compromesso. Puoi trovare informazioni su come gestire i Cookie nel tuo browser ai seguenti indirizzi: Google Chrome, Mozilla Firefox, Apple Safari and Microsoft Windows Explorer.
In caso di servizi erogati da terze parti, l''Utente può inoltre esercitare il proprio diritto ad opporsi al tracciamento informandosi tramite la privacy policy della terza parte, tramite il link di Opt-Out se esplicitamente fornito o contattando direttamente la stessa.
Fermo restando quanto precede, il Titolare informa che l'Utente può avvalersi di Your Online Choices. Attraverso tale servizio é possibile gestire le preferenze di tracciamento della maggior parte degli strumenti pubblicitari. Il Titolare, pertanto, consiglia agli Utenti di utilizzare tale risorsa in aggiunta alle informazioni fornite dal presente documento.

Titolare del Trattamento dei Dati

Livio Rolle
via di Pietralata 198 pal. D
00158 ROMA

C.f. RLLLVI55C27L219C

Dal momento che l''installazione di Cookie e di altri sistemi di tracciamento operata da terze parti tramite i servizi utilizzati all'interno di questo spazio online non può essere tecnicamente controllata dal Titolare, ogni riferimento specifico a Cookie e sistemi di tracciamento installati da terze parti é da considerarsi indicativo. Per ottenere informazioni complete, consulta la privacy policy degli eventuali servizi terzi elencati in questo documento.
Vista l'oggettiva complessità legata all''identificazione delle tecnologie basate sui Cookie ed alla loro integrazione molto stretta con il funzionamento del web, l'Utente é invitato a contattare il Titolare qualora volesse ricevere qualunque approfondimento relativo all'utilizzo dei Cookie stessi e ad eventuali utilizzi degli stessi ad esempio ad opera di terzi effettuati tramite questo sito.
Il presente documento si riferisce a tutti gli spazi online (siti, piattaforme, strumenti internet, etc) di proprietà del Titolare. Per ottenere ulteriori informazioni in merito agli strumenti relativi ad uno specifico spazio, l'Utente é pregato di contattare il Titolare ai riferimenti forniti nel presente documento.

Ultima modifica: 30 Maggio 2015

Mercoledì, 03 Giugno 2015 21:17

Secondo Raduno in Montagna del Club 2000m

Scritto da

000

(dal Sito WEB Mountlive.com)

Raduno Club 2000m, gran festa nel Parco Nazionale d’Abruzzo

Il Club 2000m domenica 24 Maggio 2015 ha trascorso una giornata conviviale coi propri associati nel Parco Nazionale d’Abruzzo, Lazio e Molise. Il Raduno ha visto l’escursione su Monte Godi (2011 mt) con un percorso di 12 km ed un dislivello in salita di 517 mt. Poi il pranzo sociale…  

Il resoconto della giornata dall’organizzatore dell’evento, Francesco Mancini (componente del Direttivo del Club 2000m):

“Riuscire a coinvolgere 40 persone a raggiungere Passo Godi nel Pnalm (1540m), nonostante il meteo sfavorevole, nonostante la grande distanza di strada da fare in auto anche da soli, nonostante le spese economiche da affrontare per il viaggio, è uno dei ricordi più belli che porterò per sempre nel mio cuore.

Il luogo del Raduno era stato scelto proprio perché da un punto di vista logistico permetteva la salita su varie montagne sia per i “Cacciatori di Cime” sia, in caso di meteo incerto, per montagne meno pericolose (come poi è stato, visto il meteo che dalle 12 in poi è mutato rapidamente in peggio).

Per questo motivo il grosso del Gruppo è salito sui 2011m del Monte Godi, facendo un anello molto bello, mentre altri piccoli gruppi sono saliti sulle Montagne del Chiarano e sui Monti del Campitello.

Una montagna per tutti. Solo le Valli separavano il nostro spirito. Lo spirito che ci unisce rappresentato da un elemento, oggigiorno inesistente, che è un ideale. Nel nostro caso “La Montagna” dove il CLUB 2000M ne è solo il tramite.

Arrivati in Cima al Monte Godi ho ringraziato tutti i partecipanti ed insieme ai 2 amici, accompagnatori e rappresentanti degli ZIS e di Quelli di Aria Sottile (rispettivamente Marco Mampieri e Augusto Catalani) è stata posta una Targa a ricordo dell’Evento.

Poi tutti insieme a festeggiare le montagne ascese con un pranzo conviviale che ha permesso di conoscerci dal vivo, visto che molti si conoscevano solo sui Social e sui Siti Web di settore.

Per questo motivo voglio ringraziare uno ad uno tutti i presenti: Pietro Negri (amico di Francesco Mancini e accompagnatore), Marco Mampieri (accompagnatore degli ZIS), Augusto Catalani (accompagnatore di Quelli di Aria Sottile), Candido Nannarone (Proprietario del Rifugio Lo Scoiattolo) e Maria Felicia Coppola (Proprietaria del Rifugio Selva Bella), Fabio Bertoldi ed il Suo amico (con il loro sito che invito a seguire ” Escursioni di un gruppo di amici “), Alessandro Prinzivalli ed il Suo amico (da Rieti), Alessandro Cianforlini (da Rocca di Papa) e Caterina Liberati (da Bassano Romano), Luciano Grassi (meteoman del Club) ed il Suo amico (da Lanuvio), Claudio Lucarini (da Ostia) e Mario Lupi (da Roma), Gianpiero Brasile e Sua figlia (da Pescara), Marco Ricci (da Sacrofano) ed Emanuela Sanna (da Roma), Isabella Pannunzio (da Agnone) e Katy D’Errico (da Montesilvano), Mario Vinci e Marcella Di Palma con Riccardo Vainer (da Sora), Michela Botticelli e Giuseppe Loreti con Alba Pacifici (degli ZIS), Miriam Miry ed il ragazzo (da Roma), Mimma De Felicis (da Alba Adriatica), Rossella Montemurro e Raimondo Rocco (da Roma), Vera Vero e Negin Persian insieme a Giovanni Morelli e Walter del Greco (da Cassino), Vincenzo Maggiacomo con Franco Sinapi e Rita La Rocca (con il loro ” Amici del Monte Ruazzo “tutti da Itri)

FrancescoMancini
Direttivo e Organizzatore Raduno 

1

001 - Passo Godi vestito a festa per il Raduno del Club 2000m salendo da Scanno

2

002 - Contrariamente alle previsioni meteo un cielo azzurro aspetta i partecipanti al raduno che non si

sono fatti scoraggiare dalle previsioni rispetto ai molti che hanno dato disdetta all'ultimo momento...

peccato per loro che non ci hanno creduto.

3

003 - Anche chi sale da Villetta Barrea capisce che oggi si festeggia il Club 2000m

4

004 Francesco MANCINI (ideatore, pianificatore e organizzatore del Raduno) presenta ai partecipanti

la targa fatta realizzare a ricordo dell'Evento

5

005 - Mentre alcuni piccoli gruppi optano per altre Cime che la zona offre, il grosso del Gruppo è pronto

per salire sul Monte Godi 

6

006 - Francesco MANCINI spiega ai presenti che il meteo reggerà fino all'ora di pranzo per cui è più

sicuro salire su Monte Godi rispetto all'itinerario prescelto sulla Locandina.

7

007 - Marco MAMPIERI Presidente degli ZIS e colui che ha creduto al Raduno fino in fondo

PORTABANDIERA con tutti gli onori e oneri

8

008 - Marco MAMPIERI insieme ad Augusto Catalani (rappresentante di Quelli di Aria Sottile) con Katy D'Errico

i veri artefici del Raduno nel convincere i partecipanti, a non scoraggiarsi nei giorni precedenti il raduno

vedendo le previsioni del tempo, e a crederci fino alla fine....Grazie !!!

9

009 - Pronti, Via, si parte con un sentiero ad Anello suggerito dalla nostra Amica Maria Felicia Coppola

Proprietaria del bellissimo Rifugio Selva Bella di Passo Godi.

10

010 - Le prime salite affrontate dai partecipanti

11

011 La parte iniziale della Cresta della Montagna del Chiarano vista dalla parte opposta

12

012 Alberi secolari allietano la salita

13

013 Rocce affioranti guardano verso Villetta Barrea

14

014 Particolare della Montagna Madre Majella sempre innevata anche in tardo Maggio

15

015 Serra Rocca Chiarano

16

016 Il verde di Passo Godi in lontananza

17

017 Inizia a vedersi al Cresta di Monte Godi

18

018 La maestosità del Gruppo di Montagne che compongono il Marsicano

19

019 Un particolare dei Rifugi di Passo Godi dall'alto

20

020 Le barriere contro le slavine su Cima dello Scalone

21

021 - Un particolare del Gruppo in salita 

22

022 - Visuali quasi dolomitiche del PNALM dal Monte Godi

23

023 - Un rapace ci osserva dall'alto 

24

024 - 2 cervi ci omaggiano con la loro presenza

25

025 - La lunghissima Cresta della Montagna di Godi

26

026 - Cresta su Cresta

27

027 - Il Gruppo verso la Cresta finale

28

028 - In fila indiana guidati da Alba Pacifici degli ZIS

29

029 - Non sembra ma la salita è ripida

30

030 - Il Crestone finale

31

031 - La fotografa e Regista NEGIN PERSIAN

32

032 - La Grande Trekker Katy D'Errico da Montesilvano

33

033 - Il Riposo del Guerriero Marco MAMPIERI

34

034 - Donne all'attacco finale

35

035 - Il Gruppo si raduna per la Cima

36

036 - Ultimi nevai con uomini alla conquista della Cima

37

037 - La Bandiera del Club 2000m sta arrivando

38

038 -  Il nostro vessillo...l'ideale da raggiungere piantato sui 2011m del Monte Godi

39

039 - Francesco MANCINI ringrazia i presenti, osservato in religioso silenzio, da Maria Felicia COPPOLA,

Vera VERO (che ha spinto Francesco a fare questo discorso), Marco MAMPIERI e da tutti gli astanti non visibili nella foto

40

040 - Colui che, con grande entusiasmo e volontà, contro tutto e tutti compreso il meteo è riuscito a realizzare  il Raduno 2015

41

041 - Tutto il Gruppo del Monte Godi festeggia

42

042 - Nel mentre i famosi " AMMUTINATI DEL GODI " (Caterina LIBERATI, Claudio LUCARINI,

Alessandro CIANFORLINI, Luciano GRASSI ed il loro fotografo Domenico GIOVAGNOLI innalzano

il loro vessillo sulla Cresta della Montagna del Chiarano

43

043 - Ed anche " GLI AMICI DEL MONTE RUAZZO " (Vincenzo MAGGIACOMO, Rita LA ROCCA, Franco SINAPI)

festeggiano sulle Creste della Montagna della Corte

44

044 - Bellezze del CLUB con la nostra bandiera Mimma DE FELICIS da Alba Adriatica

45

045 - Bellezze del CLUB direttamente dagli ZIS Michela BOTTICELLI

46

046 - Bellezze del CLUB Emanuela SANNA da Roma

47

047 - Bellezze del CLUB la famosissima Vera VERO da Cassino

48

048 - La laboriosità di Marco MAMPIERI, Francesco MANCINI e Augusto CATALANI per l'apposizione

della Targa ricordo dell'Evento

49

049 - La splendida Targa tutta al naturale fatta realizzare da Francesco MANCINI dall'artigiano scultore Manuel CAPONI

50

050 - La felicità si legge sul volto dell'organizzatore

51

051 - Dalle 12 in poi nubi minacciose già si avventano sulle montagne vicino...è ora di tornare a Valle

52

052 - La splendida Valle dei Campanili 

53

053 - La neofita Miriam MIRI si accinge alla ripida discesa grazie a bastoncini ceduti da Francesco MANCINI per aiutarla

54

054 - Il ricordo della visita di GIOVANNI PAOLO II immerso nei fiori

55

055 - Scenari commoventi che solo la montagna sa offrire

56

056 - La bellezza di questi fiori non ti fa sentire la pioggia che già bagna il nostro cammino

57

057 - In lontananza lo stazzo di zio mass

58

058 - Cartellonistica del luogo

59

059 - Quasi quasi andiamo a Scanno a piedi

60

060 - La bellezza del camino del Rifugio LO SCOIATTOLO di Passo Godi ci sentiamo a Casa

61

061 - W il CLUB 2000m

62

062 - La bellissima sala del Rifugio preparata a festa

63

063 - Ringraziamenti scritti da Francesco MANCINI trovati dai partecipanti  sulla tavola imbandita

64

064 - Cosa c'era scritto

65

065 - La rivista del CAI di Roma (che ringraziamo) omaggiata dall'organizzatore a tutti i presenti

66

066 - Tutti a tavola per rifocillarsi con Chitarra Abruzzese al pesto, salsicce e patate, dolce, acqua,

vino caffè e ammazzacaffè

67

067 - Il silenzioso Raimondo ROCCO e la sua compagna la propositiva Rossella MONTEMURRO da Roma

(realizzatrice del nuovo LOGO del CLUB 2000M )

68

068 - Il serioso Gianpiero TARQUINI (con le loro belle relazioni sul web escursioni di un gruppo di amici)

69

069 - Il simpatico Mario VINCI con la bella fidanzata MARCELLA DI PALMA venuti da SORA

70

070 - Il neo montanaro ma già forte Marco RICCI da Sacrofano

71

071 - Riccardo VAINER da Sora mi raccomando se vi trovate da quelle parti tutto l'occorrente per la

montagna nel suo negozio  7, Via Lungo Liri Della Repubblica - 03036 Isola Del Liri (FR)

72

072 - Direttamente da Rieti Alessandro PRINZIVALLI e Fabrizio MARTINI

73

073 - Il futuro del Club 2000m Claudio LUCARINI da Ostia e il saggio Fabio BERTOLDI (ESCURSIONI DI UN GRUPPO DI AMICI)

74

074 - I bellissimi del CLUB 2000M Augusto Catalani (Quelli di Aria Sottile) e Katy D'Errico

75

075 Gli inossidabili " AMIDI DEL MONTE RUAZZO " Franco SINAPI, Rita LA ROCCA e Vincenzo MAGGIACOMO (sempre presenti)

76

076 - Il misterioso Mario LUPI

77

077 - I neofiti Giuseppe Conte Mak e Miriam Miri (per essere la prima volta molto bravi)

78

078 - Il Pescarese Gianpiero BRASILE con la formidabile Mimma DE FELICIS

79

079 - La figlia di Gianpiero Brasile che segue le orme del padre accanto

80

080 - La Coppia Eterna Marco MAMPIERI e Alba PACIFICI (gli ZIS fatta persona)

81

081 - Oramai entrati nella leggenda Caterina LIBERATI e Alessandro CIANFORLINI

82

082 - Il grande Montanaro, Meteoman e divulgatore scientifico Luciano GRASSI con il suo amico Domenico GIOVAGNOLI

83

083 - Michela BOTTICELLI e Giuseppe LORETI degli ZIS

84

084 - La vulcanica Vera VERO con la Sua amica NEGIN PERSIAN da CASSINO

85

085 - I giovani Walter DEL GRECO e Giovanni MORELLI da CASSINO

86

086 - Francesco MANCINI ed il Suo amico da sempre  l'Alpinista Pietro NEGRI

87

087 - La grande ospitalità del Rifugio LO SCOIATTOLO 

88

088 - Particolari da gustare

89

089 - Isabella PANNUNZIO (a sinistra in foto) venuta da Agnone a trovare il Club 2000m 

90

090 - La consegna dello scudetto degli ZIS a Francesco MANCINI segno di un rapporto di amicizia

che va al di la delle montagne

91

091 - Un bella foto di un particolare momento

92

092 - Gianpiero TARQUINI con Fabio BERTOLDI salutano l'organizzatore

93

093 - Saluti finali da parte di tutti i partecipanti...al prossimo raduno

94

094 - Saluti Finali 

95

095 - Un GRAZIE a Candido NANNARONE PROPRIETARIO DEL RIFUGIO LO SCOIATTOLO

per la bellissima ospitalità da tutti oramai conosciuta

96

096 - Il lago di Scanno ci regala le ultime emozioni 

97

097 - Riflessi di un Raduno

98

098 - Tramonto finale sul Club 2000m

 

Martedì, 10 Febbraio 2015 11:23

News storiche

Scritto da

Notizie di montagna dal Club 2000m (a cura del Grande Appenninista Francesco Mancini)

 


NEWS N.3 del 12 Febbraio 2015


La News di oggi ha un carattere esplicativo e divulgativo.


Abbiamo ricevuto tantissimi complimenti ma anche (fortunatamente ben poche)

defezioni da parte di utenti non contenti di ricevere queste notifiche.

La newsletter è uno strumento aggiuntivo per rimanere in contatto ed essere aggiornati sulle novità del Club 2000m.


Tuttavia ci rendiamo conto che in un mondo di così numerose comunicazioni e-mail potresti non essere interessato a ricevere periodicamente la newsletter.
Nessuno si offenderà, capiamo bene le tue ragioni, potrai cancellarti in qualsiasi momento.

Informiamo inoltre, anche per motivi di natura tecnica legati al nostro sistema

informatico di supporto,  che la cadenza della News sarà settimanale.



SEGUI QUESTE SEMPLICI ISTRUZIONI SE VUOI CANCELLARTI:
E' sufficiente entrare nel sito www.club2000m.it.
Effettuare il login inserendo username e password in questa pagina: 

http://www.club2000m.it/index.php?option=com_user&view=login&Itemid=34

Dopo aver premuto il tasto LOGIN, sarà sufficiente cliccare il primo tasto della barra superiore nominato CLUB 2000M (la nostra Home Page).
Sulla colonna destra comparirà un box già compilato con i tuoi dati. Sarà sufficiente cliccare su CANCELLAMI e il gioco sarà fatto.

 

torta

In questo modo ti sarai cancellato dalla ricezione delle e-mail delle news, ma non dal Club 2000m.

Ci fa piacere che tu ne faccia parte !

Un Caro Saluto a tutti da Francesco Mancini.

 

 

 

 

NEWS N.2 del 10 Febbraio 2015


La News di oggi è dedicata alla bellissima rubrica radiofonica di Avventura,Musica e Montagna

di Luigi NESPECA chiamata “ SENTIERI MUSICALI “.

Il mio amico Luigi Nespeca già da anni, senza neanche conoscerci di persona, citava il Club 2000m

nella sua trasmissione radio come realtà innovativa dell’Associazionismo di montagna.

Anche Luigi, da esploratore delle Montagne dei Simbruini, aveva capito il senso della nostra passione e proprio per questo si è avvicinato a Noi e di questo lo ringraziamo.


Non possiamo quindi mancare al suo appuntamento settimanale del Giovedi’ in diretta alle 18.

Prossima puntata questo Giovedi’ 12 Febbraio 2015 sulle frequenze di TRS 102.3 FM ROMA.

Anche in streaming sul Sito www.trsradio.net

Sono graditi sms e whatsapp di partecipazione alla trasmissione al 339.8416395


loc.12_feb_2015

Ospiti in studio Alberto Osti Guerrazzi e Livio Rolle (del Consiglio Direttivo del Club 2000m).

Il Club raccoglie gli appassionati di montagna che negli anni sta ascendendo le Cime di tutto

l’Appennino Centrale dal Tosco-Emiliano fino al Sirino-Pollino che vanno dai 2000 metri fino

ai quasi 3000 metri del Gran Sasso D’Italia.

Insieme agli ospiti parleremo dei criteri che hanno determinato geograficamente una Cima ed

approfondiremo le motivazioni che hanno portato nel corso degli anni a varie revisioni (non senza qualche critica costruttiva) della lista completa delle montagne che superano i 2000 metri.


Ringrazio quindi il nostro Luigi Nespeca per le attenzioni che ci dedica e Vi invitiamo a seguire

la trasmissione radio tutte le settimane.

Per la prima volta abbiamo una trasmissione radio tutta dedicata a Noi (indipendentemente dal

Club 2000m) amanti della montagna e delle emozioni che ci regala ogni volta.

Auguro a Luigi Nespeca platee ancora più ampie per ascoltarlo come la sua persona merita.

Cordiali Saluti ai nostri soci e simpatizzanti da Francesco Mancini.

 


 

NEWS N.1 del 9 Febbraio 2015

 

 

Notizie di Montagna del CLUB 2000M (a cura del Grande Appenninista Francesco MANCINI)

Mi presento a tutti coloro che avranno la bontà di leggermi su questa mia nuova iniziativa che il Direttivo ha subito accettato con entusiasmo e che ringrazio.

Come socio del Club 2000m e del CAI di Ortona ritengo che la realtà del Club 2000m sia diventata con il passare degli anni sempre più importante e che nulla abbia da invidiare rispetto ad altre che si ritengono le uniche depositarie del sapere di montagna.

Per questo motivo ci rivolgiamo ai soci e simpatizzanti che non hanno la voglia ed il tempo di seguire la nostra pagina di Facebook (che in tempo reale ci aggiorna su questo elemento a noi tanto caro) e cercheremo - per quanto è nelle nostre possibilità economiche, di volontariato oltre che di passione - di essere più vicini a tutti Voi che avete abbracciato il nostro modo di andar per montagne.

La condivisione di ciò che ruota intorno alle Cime è fondamentale e ci unirà ancor più.

Grazie e a presto da Francesco Mancini.


Roberto CIRI (Socio, Escursionista e forte Alpinista) ci segnala i libri che seguono nella loro nuova edizione.

Salite invernali sugli Appennini che, a dispetto delle quote più basse, possono paragonarsi senza problemi a quelle delle Alpi.

Un ringraziamento a Roberto.


Appennino di neve e di ghiaccio
Vol. 1 - Appennino Tosco-Emiliano - Settore Ovest
http://www.vienormali.it/montagna/prodotto_scheda.asp?cod=ISBN978-88-97299-49-3&tipo=libro&codazi=IM


Ghiaccio d'Appennino
Salite scelte di goulottes, cascate di ghiaccio, creste nell'Appennino Centrale
http://www.vienormali.it/montagna/prodotto_scheda.asp?cod=ISBN978-88-96634-59-2&tipo=libro&codazi=VS


Ghiaccio salato
Alpinismo invernale nelle Alpi Apuane
http://www.vienormali.it/montagna/prodotto_scheda.asp?cod=ISBN978-88-98609-27-7&tipo=libro&codazi=VS

Mercoledì, 12 Novembre 2014 11:07

ELENCO UNIFICATO 261 CIME

Scritto da
  ELENCO COMPLETO 261 CIME APPENNINICHE  
  243 CIME APPENNINICHE DA COLLEZIONE  
  obbligatorie per raggiungere  
  il grado di Grandissimo Appenninista  
  scudetto verde di Tutte le Cime  
GS Monte Corno Grande, vetta occidentale 2912
GS Monte Corno Grande, vetta orientale 2903
GS Corno Grande, vetta or. anticima nord 2700
GS Monte Corno Piccolo 2655
GS Pizzo d’Intermesoli 2635
GS Monte Corvo 2623
GS Monte Camicia 2564
GS Monte Prena 2561
GS Monte Corvo, vetta occidentale 2533
GS Pizzo Cefalone 2533
GS Monte Aquila 2494
GS Pizzo d’Intermesoli, vetta settentrionale 2483
GS Monte Infornace 2469
GS Cima delle Malecoste 2444
GS Cima Giovanni Paolo II 2425
GS Monte Portella, anticima nord-est 2422
GS Monte Brancastello 2385
GS Monte Portella 2385
GS Pizzo Cefalone, Anticima est 2379
GS Cima Il Carabiniere o Venacquaro 2377
GS Torri di Casanova 2362
GS Monte Tremoggia 2350
GS Pizzo di Camarda 2332
GS Cima del Vado di Piaverano 2327
GS Cima Falasca 2300
GS Cima del Mozzone 2290
GS Cima di Iaccio del Vaduccio 2282
GS Picco Pio XI  2282
GS La Cimetta 2266
GS Monte della Scindarella 2233
GS Pizzo S. Gabriele 2214
GS Monte Ienca 2208
GS Monte della Scindarella, anticima nord-ovest 2199
GS Monte San Franco 2132
GS Monte S.Gregorio di Paganica 2076
GS Il Morrone 2067
GS Cima delle Veticole 2044
GS Monte Siella 2027
La Monte Gorzano 2458
La Cima Lepri 2445
La Pizzo di Sevo 2419
La Pizzo di Moscio 2411
La Cima della Laghetta, anticima nord 2372
La Cima della Laghetta 2369
La Monte Spaccato 2283
La Cima della Laghetta, anticima sud 2270
La Monte Pelone meridionale 2259
La Monte Pizzitello 2221
La Monte di Mezzo di Campotosto 2155
La Monte di Mezzo del Sevo 2138
La La Cipollara 2125
La Macera della Morte 2073
La Monte Pelone settentrionale 2057
La Monte Le Vene 2020
La La Montagnola 2014
La Colle del Vento 2010
Ma Monte Amaro 2793
Ma Monte Acquaviva 2737
Ma Monte Acquaviva, anticima ovest 2727
Ma Monte Focalone 2676
Ma Cima dei 3 portoni 2673
Ma Monte S.Angelo 2669
Ma Monte Rotondo 2658
Ma Monte Pescofalcone 2657
Ma Cima Pomilio 2656
Ma Monte Macellaro 2646
Ma Cima delle Murelle 2596
Ma Cima di Fondo di Majella 2593
Ma Cima dell’Altare 2542
Ma Cima di Fondo di Femmina Morta 2487
Ma Cima di Femmina Morta 2423
Ma Altare dello Stincone 2413
Ma Tavola Rotonda 2404
Ma Il Martellese 2259
Ma Cima Forcone 2240
Ma Cima di Colle d’Acquaviva 2220
Ma Cima Sala del Monaco o Cima delle Mandrelle 2214
Ma Monte Pizzone 2214
Ma Monte Cavallo 2171
Ma Blockhaus 2142
Ma Monte Porrara 2137
Ma Monte Rotella 2129
Ma Cima Ogniquota 2100
Ma Monte d’Ugni 2093
Ma Monte Morrone 2061
Ma Monte Rapina 2027
Ma Cima Macirenelle 2017
Ma Cima di Mucchia di Pacentro 2001
Mt Monte Miletto 2050
PNA Monte Greco 2283
PNA Serra Rocca Chiarano 2262
PNA Monte Marsicano, cima est 2253
PNA Monte Marsicano 2245
PNA Monte Forcone 2220
PNA Cima di Colle Angelo 2217
PNA Cima dello Scalone 2212
PNA La Terratta 2208
PNA Monte Chiarano 2178
PNA Rocca Chiarano 2175
PNA Monte Genzana 2170
PNA Monte Calanga 2168
PNA Serra della Terratta 2163
PNA Monte a Mare 2160
PNA Monte Argatone 2149
PNA Toppe del Tesoro 2140
PNA Serra della Terratta, Cima sud 2122
PNA Serra del Carapale meridionale 2106
PNA La Metuccia 2105
PNA Serra le Gravare 2104
PNA Argatone, anticima nord 2103
PNA Monte Rognone 2089
PNA Cima delle Gravare di sotto 2087
PNA Serra del Carapale settentrionale 2086
PNA Serra Leardi 2086
PNA Coste dell’Altare 2075
PNA Monte Bellaveduta 2061
PNA Monte Pratello 2058
PNA Serra Cappella, cima Sud 2056
PNA Monte Cavallo 2039
PNA Serra Cappella, cima Nord 2038
PNA Monte Forcellone 2030
PNA Serra del Campitello 2026
PNA Monte Mare 2020
PNA Rocca Altiera 2018
PNA Cima a Mare o Cima Campaglione 2014
PNA Monte del Campitello 2014
PNA Cappello del Prete 2013
PNA Monte Palombo 2013
PNA La Navetta 2011
PNA Monte Godi 2011
PNA Cima di Serra Matarazzo 2007
PNA La Vedetta (Cima dei Biscurri) 2007
PNA Monte Ferruccia 2005
PNA Monte Cornacchia 2003
PNA Serra di Monte Canzoni 2000
Po Serra Dolcedorme 2266
Po Monte Pollino 2248
Po Serra del Prete 2180
Po Timpa Valle Piana 2163
Po Serra delle Ciavole 2130
Po Serra delle Ciavole – Cima Sud 2127
Po Timpa Pino di Michele 2069
Po Serra di Crispo 2053
Po Serra del Pollinello 2047
Po Serretta della Porticella 2000
Re Monte Terminillo 2216
Re Vetta Sassetelli 2139
Re Monte Terminilletto 2108
Re Cima Vall'Organo 2090
Re Monte di Cambio 2081
Re Monte Elefante 2015
Re Monte Valloni 2004
SE Monte Viglio 2156
SE Gendarme del Viglio 2113
SE I Cantari 2103
SE Monte del Passeggio 2064
SE Pizzo Deta 2041
SE Monte Cotento 2015
SE Monte Pratillo 2007
SE Monte Fragara 2005
SE Monte Ginepro 2004
Si Monte Vettore 2476
Si Cima del Redentore 2448
Si Cima del Lago 2422
Si Pizzo del Diavolo 2410
Si Punta di Prato Pulito 2373
Si Cima dell’Osservatorio 2350
Si Monte Priora 2332
Si Cima di Pretare o Il Pizzo 2281
Si Pizzo Berro 2259
Si Quarto S.Lorenzo o Cima di Castelluccio 2247
Si Monte Porche 2233
Si Cima di Forca Viola 2230
Si Cima di Vallelunga 2221
Si Monte Argentella 2200
Si Monte Sibilla 2173
Si Monte Bove sud 2169
Si Palazzo Borghese 2145
Si Sasso di Palazzo Borghese 2119
Si Monte Torrone 2117
Si Cima di Vallinfante 2113
Si Monte Bove nord 2112
Si Monte Rotondo 2102
Si Sasso d’Andrè 2100
Si Pizzo Tre Vescovi 2092
Si Cima di Passo Cattivo 2065
Si Monte Bicco 2052
Si Monte Vettoretto 2052
Si Monte Acuto 2035
Sr Monte del Papa (Sirino) 2005
TE Monte Cimone 2165
TE Monte Cusna 2121
TE Monte Cimoncino 2118
TE Sasso del Morto 2077
TE Monte La Piella 2071
TE Monte Prado 2054
TE Alpe di Succiso 2017
VS Monte Velino 2486
VS Monte Cafornia 2424
VS Monte di Sevice 2355
VS Monte Sirente 2348
VS Costognillo 2339
VS Cimata Fossa dei Cavalli 2301
VS La Castellina 2277
VS Il Costone  2271
VS Punta Macerola 2258
VS Punta Trento 2243
VS Il Costone, vetta occidentale  2239
VS Punta Trieste 2230
VS Monti della Magnola 2220
VS Monte Ocre 2209
VS Murolungo 2184
VS Costa della Tavola 2182
VS La Sentinella 2178
VS Capo di Pezza 2177
VS Monte Puzzillo 2174
VS Monte il Bicchero 2161
VS Cimata della Cerasa 2159
VS Monte Cagno 2153
VS Monte di Canale 2151
VS Monte Cefalone 2142
VS Monte Morrone 2141
VS Cimata di Puzzillo 2140
VS Cimata di Pezza 2132
VS Cima Campitello 2131
VS Cima ZIS 2130
VS Sperone Tiburtini 2128
VS Monte Cornacchia 2128
VS Cimata di Fossa Palomba 2120
VS Costone della Cerasa 2119
VS Cima del Morretano 2098
VS Cimata di Macchia Triste 2090
VS Cima di Iaccio dei Montoni 2083
VS Cimata di Pezza, Anticima est 2074
VS Cima dei Monti di Bagno 2073
VS La Torricella 2071
VS Costa Stellata 2067
VS Monte Rozza 2064
VS Monte Rotondo 2062
VS Monte Orsello 2043
VS Monte S.Nicola 2012
VS Punta dell'Uccettù 2006
VS Monte Cava 2000
  5 CIME ALPINISTICHE FACOLTATIVE  
  non obbligatorie per la collezione  
  facoltative per terminare la collezione a 248 cime  
  nuovo scudetto rosso di Tutte le Cime  
GSS Monte Corno Grande, vetta centrale 2893
GSS Torrione Cambi 2875
GSS Punta dei Due 2608
GSS Dente del Lupo 2297
VS Il Tempio 2099
  13 CIME DI RISERVA INTEGRALE PNALM  
  non obbligatorie per terminare la collezione  
  non facoltative per terminare la collezione  
  spuntabili on line solo sotto la propria responsabilità  
PNALM Monte Petroso 2249
PNALM La Meta 2242
PNALM Monte Ninna 2220
PNALM Monte Petroso, Anticima Sud 2193
PNALM Monte Tartaro 2191
PNALM Gendarme de La Meta 2185
PNALM Monte della Corte 2182
PNALM Monte Altare 2174
PNALM Monte Capraro 2100
PNALM Monte Iamiccio 2074
PNALM Balzo della Chiesa 2073
PNALM Cima Est del Passo Cavuto 2002
PNALM Petrosello 2171
Nota finale:    
  gli step di 100 cime e 200 cime restano stabilmente operativi  
Venerdì, 31 Ottobre 2014 10:05

elenco 243 cime da collezione

Scritto da

 

 

club_scudetti-page-001

Attenzione:

Guardando la "testa" della Classifica Soci si nota che, nonostante qualcuno abbia superato le 243 cime, non è passato a "TUTTE" e al titolo di "GRANDISSIMO APPENNINISTA" (rimane con il numero di vette che ha scalato e a GRANDE APPENNINISTA).

Questo accade poichè non ha ancora scalato TUTTE le 243 cime da "collezione" sotto riportate.

Ad esempio: se un escursionista (X), alpinista, rocciatore, biker, sciatore, ecc...ecc, si è limitato a salire solo le cime appenniniche da collezione, nella classifica verrà visualizzato "TUTTE" anzichè "243".

Se invece (Y) ha scalato, fino ad oggi, un numero di cime maggiore di 243 (avendo raggiunto quelle alpinistiche e quelle vietate), nella classifica non verrà visualizzato "TUTTE" qualora anche una sola vetta di quelle da collezione non sia stata raggiunta (comunque Y risulterà primo nella classifica rispetto a X).

Quindi l'ordine della classifica tiene in considerazione solo ed esclusivamente il numero di vette raggiunte

 

ELENCO 243 CIME APPENNINICHE DA COLLEZIONE

(vedi nota sotto)

 

  1. GS

Monte Corno Grande, vetta occidentale

2912

  1. GS

Monte Corno Grande, vetta orientale

2903

  1. GS

Corno Grande, vetta orientale, anticima nord

2700

  1. GS

Monte Corno Piccolo

2655

  1. GS

Pizzo d’Intermesoli, vetta meridionale

2635

  1. GS

Monte Corvo, vetta orientale

2623

  1. GS

Monte Camicia

2564

  1. GS

Monte Prena

2561

  1. GS

Monte Corvo, vetta occidentale

2533

  1. GS

Pizzo Cefalone

2533

  1. GS

Monte Aquila

2494

  1. GS

Pizzo d’Intermesoli, vetta settentrionale

2483

  1. GS

Monte Infornace

2469

  1. GS

Cima delle Malecoste

2444

  1. GS

Cima Giovanni Paolo II

2425

  1. GS

Monte Portella, anticima nord-est 

2422

  1. GS

Monte Brancastello

2385

  1. GS

Monte Portella

2385

  1. GS

Pizzo Cefalone, anticima est

2379

  1. GS

Cima Il Carabiniere o Venacquaro

2377

  1. GS

Torri di Casanova

2362

  1. GS

Monte Tremoggia

2350

  1. GS

Pizzo di Camarda

2332

  1. GS

Cima del Vado del Piaverano

2327

  1. GS

Cima Falasca

2300

  1. GS

Cima del Mozzone

2290

  1. GS

Cima di Iaccio del Vaduccio

2282

  1. GS

Picco Pio XI 

2282

  1. GS

La Cimetta

2266

  1. GS

Monte della Scindarella

2233

  1. GS

Pizzo San Gabriele

2214

  1. GS

Monte Ienca

2208

  1. GS

Monte della Scindarella, anticima nord-ovest

2199

  1. GS

Monte San Franco

2132

  1. GS

Monte San Gregorio di Paganica

2076

  1. GS

Il Morrone

2067

  1. GS

Cima delle Veticole

2044

  1. GS

Monte Siella

2027

  1. La

Monte Gorzano

2458

  1. La

Cima Lepri

2445

  1. La

Pizzo di Sevo

2419

  1. La

Pizzo di Moscio

2411

  1. La

Cima della Laghetta, anticima nord

2372

  1. La

Cima della Laghetta

2369

  1. La

Monte Spaccato

2283

  1. La

Cima della Laghetta, anticima sud

2270

  1. La

Monte Pelone meridionale

2259

  1. La

Monte Pizzitello

2221

  1. La

Monte di Mezzo di Campotosto

2155

  1. La

Monte di Mezzo del Sevo

2138

  1. La

La Cipollara

2125

  1. La

Macera della Morte

2073

  1. La

Monte Pelone settentrionale

2057

  1. La

Monte Le Vene

2020

  1. La

La Montagnola

2014

  1. La

Colle del Vento

2010

  1. Ma

Monte Amaro

2793

  1. Ma

Monte Acquaviva

2737

  1. Ma

Monte Acquaviva, anticima ovest

2727

  1. Ma

Monte Focalone

2676

  1. Ma

Cima dei Tre Portoni

2673

  1. Ma

Monte Sant'Angelo

2669

  1. Ma

Monte Rotondo

2658

  1. Ma

Monte Pescofalcone

2657

  1. Ma

Cima Pomilio

2656

  1. Ma

Monte Macellaro

2646

  1. Ma

Cima delle Murelle

2596

  1. Ma

Cima di Fondo di Majella

2593

  1. Ma

Cima dell’Altare

2542

  1. Ma

Cima di Fondo di Femmina Morta

2487

  1. Ma

Cima di Femmina Morta

2423

  1. Ma

Altare dello Stincone

2413

  1. Ma

Tavola Rotonda

2403

  1. Ma

Il Martellese

2259

  1. Ma

Cima Forcone

2240

  1. Ma

Cima di Colle d’Acquaviva

2200

  1. Ma

Cima Sala del Monaco o Cima delle Mandrelle

2214

  1. Ma

Monte Pizzone

2214

  1. Ma

Monte Cavallo

2171

  1. Ma

Blockhaus

2142

  1. Ma

Monte Porrara

2137

  1. Ma

Monte Rotella

2129

  1. Ma

Cima Ogniquota

2100

  1. Ma

Monte d’Ugni

2093

  1. Ma

Monte Morrone

2061

  1. Ma

Monte Rapina

2027

  1. Ma

Cima Macirenelle

2017

  1. Ma

Cima di Mucchia di Pacentro

2001

  1. Mt

Monte Miletto

2050

  1. PNA

Monte Greco

2283

  1. PNA

Serra Rocca Chiarano

2262

  1. PNA

Monte Marsicano, cima est

2253

  1. PNA

Monte Marsicano, cima ovest

2245

  1. PNA

Monte Forcone

2220

  1. PNA

Cima di Colle Angelo

2217

  1. PNA

Cima dello Scalone

2212

  1. PNA

La Terratta

2208

  1. PNA

Monte Chiarano

2178

  1. PNA

Rocca Chiarano

2175

  1. PNA

Monte Genzana

2170

  1. PNA

Monte Calanga

2168

  1. PNA

Serra della Terratta, cima nord

2163

  1. PNA

Monte a Mare

2160

  1. PNA

Monte Argatone

2149

  1. PNA

Toppe del Tesoro

2140

  1. PNA

Serra della Terratta, Cima sud

2122

  1. PNA

Serra del Carapale meridionale

2106

  1. PNA

La Metuccia

2105

  1. PNA

Serra Le Gravare

2104

  1. PNA

Argatone, anticima nord

2103

  1. PNA

Monte Rognone

2089

  1. PNA

Cima delle Gravare di sotto

2087

  1. PNA

Serra del Carapale settentrionale

2086

  1. PNA

Serra Leardi

2083

  1. PNA

Coste dell’Altare

2075

  1. PNA

Monte Bellaveduta

2061

  1. PNA

Monte Pratello

2058

  1. PNA

Serra Cappella, cima Sud

2056

  1. PNA

Monte Cavallo

2039

  1. PNA

Serra Cappella, cima Nord

2038

  1. PNA

Monte Forcellone

2030

  1. PNA

Serra del Campitello

2026

  1. PNA

Monte Mare

2020

  1. PNA

Rocca Altiera

2018

  1. PNA

Cima a Mare o Cima Campaglione

2014

  1. PNA

Monte del Campitello

2014

  1. PNA

Cappello del Prete

2013

  1. PNA

Monte Palombo

2013

  1. PNA

La Navetta

2011

  1. PNA

Monte Godi

2011

  1. PNA

Cima di Serra Matarazzo

2007

  1. PNA

La Vedetta o Cima dei Biscurri

2007

  1. PNA

Monte Ferruccia

2005

  1. PNA

Monte Cornacchia

2003

  1. PNA

Serra di Monte Canzoni

2000

  1. Po

Serra Dolcedorme

2266

  1. Po

Monte Pollino

2248

  1. Po

Serra del Prete

2180

  1. Po

Timpa Valle Piana

2163

  1. Po

Serra delle Ciavole, cima nord

2130

  1. Po

Serra delle Ciavole, Cima Sud

2127

  1. Po

Timpa del Pino di Michele

2069

  1. Po

Serra di Crispo

2053

  1. Po

Serra del Pollinello

2047

  1. Po

Serretta della Porticella

2000

  1. Re

Monte Terminillo

2216

  1. Re

Vetta Sassetelli

2139

  1. Re

Monte Terminilletto

2108

  1. Re

Cima di Vall'Organo

2090

  1. Re

Monte di Cambio

2081

  1. Re

Monte Elefante

2015

  1. Re

Monte Valloni

2004

  1. SE

Monte Viglio

2156

  1. SE

Gendarme del Viglio

2113

  1. SE

I Cantari

2103

  1. SE

Monte del Passeggio

2064

  1. SE

Pizzo Deta

2041

  1. SE

Monte Cotento

2015

  1. SE

Monte Pratillo

2007

  1. SE

Monte Fragara

2005

  1. SE

Monte Ginepro

2004

  1. Si

Monte Vettore

2476

  1. Si

Cima del Redentore

2448

  1. Si

Cima del Lago

2422

  1. Si

Pizzo del Diavolo

2410

  1. Si

Punta di Prato Pulito

2373

  1. Si

Cima dell’Osservatorio

2350

  1. Si

Monte Priora

2332

  1. Si

Cima di Pretare o Il Pizzo

2281

  1. Si

Pizzo Berro

2259

  1. Si

Quarto San Lorenzo o Cima di Castelluccio

2247

  1. Si

Monte Porche

2233

  1. Si

Cima di Forca Viola

2230

  1. Si

Cima di Vallelunga

2221

  1. Si

Monte Argentella

2200

  1. Si

Monte Sibilla

2173

  1. Si

Monte Bove Sud

2169

  1. Si

Palazzo Borghese

2145

  1. Si

Sasso di Palazzo Borghese

2119

  1. Si

Monte Torrone

2117

  1. Si

Cima di Vallinfante

2113

  1. Si

Monte Bove Nord

2112

  1. Si

Monte Rotondo

2102

  1. Si

Sasso d’Andrè

2100

  1. Si

Pizzo Tre Vescovi

2092

  1. Si

Cima di Passo Cattivo

2065

  1. Si

Monte Bicco

2052

  1. Si

Monte Vettoretto

2052

  1. Si

Monte Acuto

2035

  1. Sr

Monte del Papa

2005

  1. TE

Monte Cimone

2165

  1. TE

Monte Cusna

2121

  1. TE

Monte Cimoncino

2118

  1. TE

Sasso del Morto

2077

  1. TE

Monte La Piella

2071

  1. TE

Monte Prado

2054

  1. TE

Alpe di Succiso

2017

  1. VS

Monte Velino

2486

  1. VS

Monte Cafornia

2424

  1. VS

Monte di Sevice

2355

  1. VS

Monte Sirente

2348

  1. VS

Costognillo

2339

  1. VS

Cimata Fossa dei Cavalli

2301

  1. VS

La Castellina

2277

  1. VS

Il Costone, vetta orientale 

2271

  1. VS

Punta Macerola

2258

  1. VS

Punta Trento

2243

  1. VS

Il Costone, vetta occidentale 

2239

  1. VS

Punta Trieste

2230

  1. VS

Monti della Magnola

2220

  1. VS

Monte Ocre

2209

  1. VS

Murolungo

2184

  1. VS

Costa della Tavola

2182

  1. VS

Capo di Pezza

2177

  1. VS

Monte Puzzillo

2174

  1. VS

Monte il Bicchero

2161

  1. VS

Cimata della Cerasa

2159

  1. VS

Monte Cagno

2153

  1. VS

Monte di Canale

2151

  1. VS

Monte Cefalone

2142

  1. VS

Monte Morrone

2141

  1. VS

Cimata di Puzzillo

2140

  1. VS

Cimata di Pezza

2132

  1. VS

Cima Campitello

2131

  1. VS

Cima Zis

2130

  1. VS

Sperone Tiburtini

2128

  1. VS

Monte Cornacchia

2128

  1. VS

Cimata di Fossa Palomba

2120

  1. VS

Costone della Cerasa

2119

  1. VS

Cima del Morretano

2098

  1. VS

Cimata di Macchia Triste

2090

  1. VS

Cima di Iaccio dei Montoni

2083

  1. VS

Cimata di Pezza, anticima est

2074

  1. VS

Cima dei Monti di Bagno

2073

  1. VS

La Torricella

2071

  1. VS

Costa Stellata

2067

  1. VS

Monte Rozza

2064

  1. VS

Monte Rotondo

2062

  1. VS

Monte Orsello

2043

  1. VS

La Sentinella

2178

  1. VS

Monte San Nicola

2012

  1. VS

Punta dell'Uccettù

2006

  1. VS

Monte Cava

2000

 

 

NOTA: Per facilitare la visione totale delle cime da collezione si pubblica il soprastante elenco. Questo elenco e' il risultato della seguente operazione derivante dal verbale del direttivo del Club 2000m. del 15 ottobre 2014, che si riporta sotto:

236 cime dell'elenco in vigore dal 1-1-2015

-5 cime alpinistiche fuori collezione

-13 cime di riserva integrale PNALM fuori collezione

+25 cime escluse dall'elenco in vigore ma che rientrano nella collezione perché' storiche

totale: 243 cime da collezionare per diventare GRANDISSIMO APPENNINISTA

fermo restanto i due precedenti step di 100 e 200 cime raggiunte.

 

ESTRATTO DEL VERBALE DEL 15/10/14

........omissis....Riguardo il punto 1) si prendono unanimemente queste decisioni:

a) approvazione dell'elenco della commissione

b) l'elenco dovrà' essere redatto nel seguente modo:

b1) loghi

b2) titolo

b3) elenco

b4) firme

b5) indicare le cime alpinistiche che non entrano nella collezione debitamente spuntate nell'elenco

b6) indicare le cime di riserva integrale che non entrano nella collezione debitamente spuntate nell'elenco

b7) evidenziare l'elenco delle 25 cime escluse dall'elenco precedente ma che rientrano nella collezione per valore storico, di cui Punta di Colle Acquaviva va sostituita con Cima di Colle Acquaviva 2220m.

 

Nota: alcune tabelle escursionistiche nell'Appennino Tosco-Emiliano riportano il Monte La Piella con la quota di 2077 m (non 2071 m) e il Monte Sasso del Morto con la quota 2075 m (non 2077 m). Informazione dell'Appenninista Antonio Rossi (Maggio 2017).

 

Martedì, 23 Febbraio 2010 22:59

Legenda gruppi montuosi Rev2014

Scritto da

 

 

Legenda acronimi gruppi montuosi presenti nella scheda personale delle Vette Elenco 2014 conquistate

GS = Gran Sasso
La = Laga
Ma = Maiella
Mt = Matese
PNA = Parco Nazionale Abruzzo, Lazio e Molise
 
Po = Pollino
 
Re = Reatini
SE = Simbruini Ernici
 
Si = Sibillini
 
Sr = Lagonegrese - gruppo del Sirino
 
TE = Tosco-Emiliano
 
VS = Velino-Sirente

 


GRUPPO MONTUOSO

N. CIME

ALTEZZA MEDIA

Gran Sasso

39

2415

Maiella

28

2395

Laga

17

2228

Sibillini

27

2211

Velino-Sirente

43

2169

P. Naz. Abruzzo Lazio Molise

53

2116

Pollino-Sirino

11

2115

Reatini

6

2093

Appennino Tosco-Emiliano

7

2089

Ernici-Cantari

9

2056

Matese

1

2050

Martedì, 12 Gennaio 2010 08:03

Perché l'elenco è stato cambiato

Scritto da

Perché abbiamo cambiato l'elenco delle cime dell'Appennino oltre i 2000 m

La pubblicazione dell’elenco delle cime superiori ai 2000m dell’Appennino, sia sul volume di Alberto Osti I 2000 dell’Appennino, ed. Il Lupo 2010, sia sul sito del Club 2000m (www.club2000m.it), ha suscitato grande interesse ed una gran voglia di contribuire a raffinare l’elenco. I soci registrati del Club 2000m hanno abbondantemente superato i 600 e continuano stabilmente a crescere, confermando la validità dell’obiettivo originariamente prefissato di sviluppare la conoscenza e la frequentazione dell’Appennino.

Molti di costoro hanno fatto pervenire commenti, suggerimenti, o segnalato quelli che, secondo loro, erano errori materiali (di altitudine, di denominazione locale, o di opportunità di includere od escludere un oggetto geografico dall’elenco).

Le osservazioni, condivise, hanno generato un dibattito molto vivace. Da qui è emersa la necessità di una revisione dell’elenco proposto. Questo era comunque un work in progress, vista la novità dell’iniziativa e la difficoltà di un censimento basato inizialmente in parte solo su dati cartografici (IGM e non), non sempre disponibili con l’accuratezza metrica necessaria per le quote di elevazioni e selle, o viziate occasionalmente da piccoli errori. Le verifiche e le misurazioni effettuate nel frattempo dai proponenti indicavano la necessità della revisione di  

Per raggiungere un consenso condiviso sull’elenco si è deciso di costituire una commissione che coinvolgesse, oltre al direttivo del Club 2000m, promotore dell’iniziativa, anche esperti dei CAI locali (Avezzano, Frosinone, L’Aquila, Lanciano/Chieti, Rieti, Roma, Palestrina, Pietracamela, per citare solo i principali tra quelli coinvolti), considerati i migliori conoscitori delle montagne della propria zona.

Nel corso dei lavori sono stati interpellati esperti  di aree specifiche e studiosi  della toponomastica centro italica, quali: Luigi Ferranti, (Dipartimento di Scienze della Terra, dell'Ambiente e delle Risorse - Università di Napoli) autore di  Appennino Meridionale - Campania, Basilicata, Calabria, TCI-CAI 2010, e Antonio Sciarretta (cattedra presso IFP energie nouvelles, Paris e lettore presso ETH Zurich), autore di Toponomastica d'Italia: Nomi di luoghi, storie di popoli antichi, Mursia 2010; “La toponomastica”, in Guida turistica della Comunità montana Campo Imperatore e Altopiano di Navelli, ed. Menabò 2000; “Toponomastica della riserva naturale Monte Genzana ed Alto Gizio”, 2000; “Toponomastica del versante aquilano del Gran Sasso: la montagna di San Franco, la montagna della Ienca ed il Pizzo di Camarda, la montagna di Assergi, la montagna di Filetto”, Bollettino del CAI dell'Aquila 1995-1999; Toponomastica della Maiella orientale, ed. Menabò 1997.

La Società Geografica Italiana ha dato un importante contributo metodologico, esigendo che i criteri utilizzati fossero il più possibile scientifici, oggettivi.

Le indicazioni ricevute sono che la prominenza è il criterio più oggettivo, ma anche una denominazione storicamente nota ha una sua valenza importante. Hanno sottolineato a lungo che per identificare una cima è importante una storia, che non è possibile utilizzare criteri ad hoc o basati su eventi molto recenti, che potrebbero apparire a terzi come strumentali. Considerano ragionevole accettare una denominazione diffusa localmente, purché non da un singolo individuo, ma di uso comune almeno in un paese alla base della montagna in questione.Considerano accettabile un criterio oggettivo come la distanza, ma insufficiente come tale, in assenza di un minimo di prominenza.

 

Nel corso dei lavori si sono consultate varie pubblicazioni storiche presenti nella ricca biblioteca del CAI di Roma.

Contemporaneamente si sono effettuate le misurazioni delle quote non esplicitamente indicate nelle cartine IGM e  misurate sul terreno le distanze tra punti geografici eventualmente caratterizzabili come cime distinte.

Il contributo degli esperti coinvolti ha portato ad affinare i criteri inizialmente utilizzati per l’individuazione delle cime, ed inoltre, grazie anche alle verifiche effettuate, a migliorare l’elenco, che si presenta ora contemporaneamente pulito di alcuni errori ed imprecisioni, ed arricchito con alcune nuove cime segnalate dagli appassionati e validate dagli esperti.

Spiegazione del cambiamento rispetto all’elenco pubblicato nell’edizione precedente del libro

La pubblicazione dell’elenco delle cime superiori ai 2000m dell’Appennino, sia sul volume di Alberto Osti I 2000 dell’Appennino, ed. Il Lupo 2010, sia sul sito del Club 2000m (www.club2000m.it), ha suscitato grande interesse ed una gran voglia di contribuire a raffinare l’elenco. I soci registrati del Club 2000m hanno abbondantemente superato i 600 e continuano stabilmente a crescere, confermando la validità dell’obiettivo originariamente prefissato di sviluppare la conoscenza e la frequentazione dell’Appennino.

Molti di costoro hanno fatto pervenire commenti, suggerimenti, o segnalato quelli che, secondo loro, erano errori materiali (di altitudine, di denominazione locale, o di opportunità di includere od escludere un oggetto geografico dall’elenco).

Le osservazioni, condivise, hanno generato un dibattito molto vivace. Da qui è emersa la necessità di una revisione dell’elenco proposto. Questo era comunque un work in progress, vista la novità dell’iniziativa e la difficoltà di un censimento basato inizialmente in parte solo su dati cartografici (IGM e non), non sempre disponibili con l’accuratezza metrica necessaria per le quote di elevazioni e selle, o viziate occasionalmente da piccoli errori. Le verifiche e le misurazioni effettuate nel frattempo dai proponenti indicavano la necessità della revisione di  

Per raggiungere un consenso condiviso sull’elenco si è deciso di costituire una commissione che coinvolgesse, oltre al direttivo del Club 2000m, promotore dell’iniziativa, anche esperti dei CAI locali (Avezzano, Frosinone, L’Aquila, Lanciano/Chieti, Rieti, Roma, Palestrina, Pietracamela, per citare solo i principali tra quelli coinvolti), considerati i migliori conoscitori delle montagne della propria zona.

Nel corso dei lavori sono stati interpellati esperti  di aree specifiche e studiosi  della toponomastica centro italica, quali: Luigi Ferranti, (Dipartimento di Scienze della Terra, dell'Ambiente e delle Risorse - Università di Napoli) autore di  Appennino Meridionale - Campania, Basilicata, Calabria, TCI-CAI 2010, e Antonio Sciarretta (cattedra presso IFP energie nouvelles, Paris e lettore presso ETH Zurich), autore di Toponomastica d'Italia: Nomi di luoghi, storie di popoli antichi, Mursia 2010; “La toponomastica”, in Guida turistica della Comunità montana Campo Imperatore e Altopiano di Navelli, ed. Menabò 2000; “Toponomastica della riserva naturale Monte Genzana ed Alto Gizio”, 2000; “Toponomastica del versante aquilano del Gran Sasso: la montagna di San Franco, la montagna della Ienca ed il Pizzo di Camarda, la montagna di Assergi, la montagna di Filetto”, Bollettino del CAI dell'Aquila 1995-1999; Toponomastica della Maiella orientale, ed. Menabò 1997.

Inoltre si sono consultate varie pubblicazioni storiche presenti nella ricca biblioteca del CAI di Roma.

Contemporaneamente si sono effettuate le misurazioni delle quote non esplicitamente indicate nelle cartine IGM e  misurate sul terreno le distanze tra punti geografici eventualmente caratterizzabili come cime distinte.

Il contributo degli esperti coinvolti ha portato ad affinare i criteri inizialmente utilizzati per l’individuazione delle cime, ed inoltre, grazie anche alle verifiche effettuate, a migliorare l’elenco, che si presenta ora contemporaneamente pulito di alcuni errori ed imprecisioni, ed arricchito con alcune nuove cime segnalate dagli appassionati e validate dagli esperti.

Martedì, 12 Gennaio 2010 08:03

Criteri per le cime Rev. 2014

Scritto da

Criteri per l’individuazione delle cime appenniniche di 2000 m e più

La definizione di cima è apparentemente semplice, ma diventa più complesso distinguere tra un semplice rilievo quotato, magari di una lunga cresta senza grandi dislivelli e una vetta che appaia e possa essere considerata come tale a tutti gli effetti.

Per le cime alpine si è giunti solo nel 1994 ad un elenco ufficiale definito dall’UIAA (Unione Internazionale delle Associazioni Alpinistiche). Il lavoro è stato condotto dai responsabili delle guide alpinistiche ufficiali dei tre club alpini dei Paesi che hanno cime di 4000 m sul proprio territorio: Italia, Francia, Svizzera (si veda UIAA-Bulletin Nr. 145 - Marzo 1994).

Per gli Appennini non si è finora pervenuti alla definizione di un elenco ufficiale. In analogia alle Alpi si è definita una quota, arbitraria ma suggestiva, (2000 mt.) come filtro per individuare quelle più significative. Come per le sorelle maggiori delle Alpi, per gli elenchi finora realizzati sono stati usati criteri diversi, di solito non spiegati in modo chiaro. Il criterio più comune è stato quello di utilizzare i toponimi quotati oltre i 2000 presenti sulle carte IGM. Questo tuttavia escludeva molte vette non storicamente denominate che avevano però sicuramente l’aspetto di una cima, e che in qualche caso erano anche più alte di quella denominata più vicina.

Un criterio alternativo non può sicuramente essere quello di includere tutte le quote su IGM in elevazione dai 2000 in su, poiché si corre il rischio inverso di includere gobbette di cresta di cui non ci accorge nemmeno quando la si percorre.

Si è quindi pensato di procedere in analogia a quanto fatto dall’UIAA attraverso la definizione di criteri il più possibile oggettivi cui attenersi nelle valutazioni.

Il lavoro svolto dalla Commissione per la redazione dell'elenco nell'edizione 2014 ha comportato anche la revisione, parziale, dei criteri precedentemente individuati, del loro peso e della loro applicazione, per tener conto delle esigenze emerse anche dalle segnalazioni dei soci del Club 2000m.

 

I  nuovi criteri adottati per la individuazione delle cime dell’Appennino di 2000 e più metri sono:

CRITERIO DELLA PROMINENZA: elevazione superiore o pari a 2000 m che presenta quattro versanti di almeno 50 m. di dislivello in salita incluso quello rispetto al riferimento relativo (sella più' alta verso il monte più alto più vicino, definito tecnicamente monte genitore).

CRITERIO TOPONOMASTICO: elevazione con toponimo storicamente riconosciuto (sulle carte IGM o in altre pubblicazioni) che dia evidenza di monte (cima, vetta).

CRITERIO DELLA DISTANZA: elevazione che presenta tre versanti di almeno 50 m. di dislivello in salita mentre sul quarto versante, avente almeno 25 m. di dislivello, il monte più'alto più vicino è almeno ad 1 km di distanza su cresta.

CRITERIO ALPINISTICO: elevazione le cui pareti sono percorse da itinerari alpinistici avente un dislivello sul quarto versante di almeno 25 m.

 

Il criterio della prominenza  è sufficiente per l’inclusione nell’elenco, gli altri sono stati applicati dalla Commissione valutando  caso per caso.  


Il primo criterio è stato considerato in analogia (anche formale) a quanto definito dall’UIAA per le cime alpine oltre i 4000 m, dove il dislivello sui vari versanti è individuato in almeno 30 metri, definiti calcolando l’elevazione media di tutte le vette dal terreno circostante, che è anche equivalente alla lunghezza di corda che per lungo tempo è stata considerata come usuale nelle salite alpine occidentali. In considerazione delle minori elevazioni dell’Appennino e dell’assenza quasi totale di difficoltà alpinistiche si è ritenuto di ampliare il dislivello minimo a 50 metri, che anche visivamente consente di apprezzare meglio l’elevazione come isolata e a sé. Il valore è arbitrario, ma significativo.

Il secondo criterio è stato individuato per tener conto del “sentire comune” di chi è abituato a chiamare un punto topografico oltre i 2000 metri col nome di monte. Nella gran parte dei casi coincide con uno dei due criteri precedenti e, nei rari casi in cui ciò non accade, la cima è stata considerata solo come secondaria di una montagna o di un gruppo montuoso la cui cima principale invece li rispetta.

Il terzo  criterio è stato definito per tener conto delle lunghe creste di salita che caratterizzano l’Appennino, in cui un rilievo, se visto dal basso, si presenta come una montagna a sé, nascondendo anche alla vista la cime più elevata seguente. Se visto dall’alto, però, appare come una semplice ondulazione della cresta. In qualche altro caso, pur non appartenendo ad una cresta, si presentano come punte molto evidenti durante la salita (per esempio lungo alcune valli della Maiella), con dislivelli a strapiombo anche consistenti, anche quando, da sopra, appaiono come lievi ondulazioni di pratoni. Il criterio di distanza riprende un analogo criterio considerato (senza però definirlo quantitativamente) anche dagli estensori della lista dei 4000 delle Alpi). La distanza di un chilometro è arbitraria, ma anch’essa deriva da un criterio visivo che consente, a distanza, di apprezzare due cime come evidentemente distinte.

Il quarto criterio tiene conto dell'interesse storico-alpinistico che caratterizza alcune punte dell'Appennino. É stato applicato in pochissimi casi, per includere punte di elevato rilievo alpinistico, anche se non rispettano il criterio di distanza. Ovviamente anche in questo caso  sono considerate solo come cime secondarie.

 

Sono stati confermati anche i criteri per considerare la cima principale e quelle secondarie di un gruppo montuoso.

Il criterio chiave è quello orografico: quando le cime appartengono allo stesso massiccio o alla stessa cresta, vengono considerate cime secondarie quelle collaterali all’elevazione più alta.

Con almeno un’eccezione, costituita dal Monte Marsicano, la cui cima denominata è qualche metro meno elevata del punto più alto, non denominato su IGM. In questo caso si è preferita la chiarezza e l’immediatezza di comunicazione ad una scelta forse tecnicamente più corretta, ma storicamente incomprensibile e che avrebbe richiesto lunghe spiegazioni e generato incomprensioni  nei fruitori dell’elenco.

Poiché in alcuni casi, su creste lunghe anche più di una decina di chilometri, caratterizzate da molteplici cime di altezza grosso modo equivalente (per esempio nel gruppo del Gran Sasso dal Monte Aquila a Vado di Sole) sarebbe sciocco identificare una sola cima principale, al criterio orografico ne è stato aggiunto uno visivo, oggettivato col considerare a sé stanti le cime più elevate di un gruppo caratterizzato da elevati dislivelli relativi e secondarie quelle vicine che ne presentano di minori.

Il criterio è stato quello di considerare un dislivello relativo di almeno 100 metri sui quattro versanti. Con questo criterio, nel caso sopra esemplificato, risultano cime principali i monti Aquila, Brancastello, Prena, Camicia, in analogia al comune sentire tra gli escursionisti, e coerentemente all’impatto visivo che la catena presenta.

 

Infine una nota sulle denominazioni considerate per le cime prive di un toponimo ufficiale registrato su IGM. Nella maggior parte dei casi si è identificato il toponimo vicino più significativo definendo la cima in questione come Cima di … dove di volta in volta ai puntini viene sostituito il toponimo identificato. Quando si tratta di una Serra, viene ad esempio identificata una Cima di Serra Matarazzo, quando si tratta di un pendio o una valle, troviamo quindi una Cima di Fondo di Maiella.

InizioPrec12SuccFine
Pagina 1 di 2

Newsletter

Se non ti vuoi iscrivere al Club ma vuoi comunque rimanere informato delle novità. Iscriviti alla Newsletter.
Saremo discreti e rispettermo la tua privacy.

Menu Utente

NOTA! Questo sito utilizza i cookie e tecnologie simili.

Se non si modificano le impostazioni del browser, l'utente accetta. Per saperne di piu'

Approvo