Club 2000m

Club Collezionisti Cime dell'Appennino

facebook

Foto

Foto (75)

Il Club 2000m. invita a descrivere escursioni e itinerari vissuti sulle montagne dell'Appennino. I racconti  sono organizzati per gruppi montuosi:

  • Pollino
  • App. Lagonegrese
  • App. Tosco-Emiliano
  • Gran Sasso
  • Laga
  • Maiella
  • Matese
  • Parco naz. Abruzzo, Lazio, Molise
  • Reatini
  • Sibillini
  • Simbruini-Ernici
  • Velino-Sirente

Invia il racconto della tua escursione, non ancora presente tra quelle pubblicate o effettuata in una stagione diversa a: Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo. indicando nell'oggetto: Escursione. Accompagnala con qualche foto che ritieni interessante per illustrare il percorso o punti di attrazione. Il Club si riserva di scegliere tra le foto inviate quelle da pubblicare.

Ecco i Vs. racconti:

I 2000 dell’’Appennino

di Stefano Ardito

articolo uscito sul sito montagna.tv

001a

001 - Monte Velino

Le collezioni sono tornate di moda. Sabato 2 dicembre a Monterotondo, alle porte di Roma, quasi trecento soci del Club 2000m hanno partecipato con entusiasmo all’assemblea che ha celebrato i dieci anni di vita dell’associazione. Grandi applausi hanno accolto i 55 escursionisti (tra loro una decina di donne) che hanno salito tutte le 261 vette dell’Appennino oltre i 2000 metri, dall’Emilia e dall’Abruzzo fino all’Etna.

L’entusiasmo, tutto l’anno, va in scena anche sulle cime. Gruppi di escursionisti, accanto alla croce o all’ometto di pietre della vetta, estraggono dagli zaini una bottiglia di spumante e un cartello. Poi, anche se piove, tira vento o nevica, iniziano le foto e i brindisi. Sul cartello spicca un numero tondo, 50, 100, 150 o 200. o una parola fatidica. “Tutte!”.

Significa che uno o più di loro, quel giorno, hanno raggiunto una tappa nella collezione.

002a

002 - Serata Club 2000m, 2 Dicembre 2017 

Certo, le collezioni famose riguardano cime e catene più alte. Tutti conoscono quella di Reinhold Messner, che nel 1986 è stato il primo a completare l’elenco dei 14 8000 dell’Himalaya e del Karakorum. Meno nota è la successiva sconfitta di Messner, battuto dal canadese Pat Morrow nella corsa alle Seven Summits, le cime più alte dei sette continenti. 

La corsa ai 4000 delle Alpi ha una storia complessa. Il suo protagonista è Karl Blodig, un oculista di Bregenz, in Austria, che nel 1911 completa la collezione delle 66 vette allora incluse nell’elenco. Poi, man mano che la lista si allunga, sale le cime aggiunte. Quando tocca le ultime due, l’Aiguille du Jardin e la Grande Rocheuse, nel 1932, ha 73 anni. Oggi l’elenco dei 4000 delle Alpi, varato nel 1993 dai Club alpini di Italia, Francia e Svizzera comprende 82 vette. Il Club 4000 metri, fondato da Luciano Ratto e Franco Bianco, tiene gli elenchi dei salitori. A completare lo slam, fino a oggi, sono stati 51 dei 490 soci del Club.

003a

003 - Bandiera del Club 2000m al vento su una cima 

Ci sono collezioni poco note ma entrate nel Guinness dei Primati come quella del britannico Rob Baber, che tra il 1998 e il 2002 ha salito le vette più alte dei 47 paesi d’Europa. Ci sono collezioni di vette e pareti di alta difficoltà, come quelle salite nel 2000-01 da Patrick Bérhault, nella sua traversata delle Alpi dalla Slovenia e Mentone. 

E’ bene ricordare, però, che la prima collezione della storia riguardava delle vette facili e bassine. Il reverendo Robertson, infatti, salì per primo nel 1901 tutti i Munros, le 276 cime della Scozia e del Galles che superano i 3000 piedi, pari a 914 metri. 

Di collezionare le cime dell’Appennino parla per primo, per scherzo, un mio articolo del 2000 su Airone. Invece la cosa viene presa sul serio. Due anno dopo Alberto Osti Guerrazzi pubblica la guida I 2000 dell’Appennino. Nel 2006 Marcello Ferrazza e Italo Iachini completano l’elenco, che allora è di 245 vette. Un anno dopo Giuseppe Albrizio, terzo a completare lo slam, diventa il Presidente del neonato Club 2000m. 

Poi le cose si complicano un po’. Il Club cresce rapidamente, e rilascia attestati con nomi da Giovani Marmotte (“Medio appenninista”, “Grande appenninista”, “Grandissimo appenninista”) ma che vengono accolti con soddisfazione dai soci, che oggi sono diventati 1200. 

004a

004 - Celebrazione del Club 2000m su una vetta

Tra i segreti del successo del Club sono l’affidarsi totalmente al web (non ci sono tessere, né burocrazia), e l’entusiasmo di Francesco Mancini, che lo coordina con Giuseppe Albrizio, Claudio Carusi e Livio Rolle.

Uniche attività sociali una o due escursioni ogni anno, migliaia di post e di foto su Facebook, e l’assemblea-festa annuale. 

Nel 2014 l’elenco, dopo una faticosa revisione, sale a 261 cime, e il primo a completarlo è Claudio Cecilia. Il titolo di “Grandissimo Appenninista”, però, viene rilasciato anche a chi si ferma a 243, lasciando fuori le vette alpinistiche (Centrale del Corno Grande, Punta dei Due, Dente del Lupo…) e quelle vietate dal Parco d’Abruzzo, Lazio e Molise. 

Molti soci però, per completare l’elenco, si affidano alle guide alpine dell’Abruzzo e delle regioni vicine. Si attende ancora, e non sarà un titolo banale, l’autore della prima collezione invernale. 

Collezionare cime, però, non significa solo spuntare nomi da un elenco. “Conoscevo le solite venti o trenta cime, il Club mi ha spinto a esplorare e a conoscere” hanno detto, quasi con le stesse parole, molti dei 55 premiati sul palco di Monterotondo.

005a

005 - Lo scudetto delle 2000 cime 

Grazie al Club 2000m e al suo elenco, accanto a vette celebri come il Terminillo, il Pollino e il Vettore vengono spesso raggiunte cime sconosciute e affascinanti come il Tempio, il Dente del Lupo e la Cima della Sala del Monaco. Dei nomi che sono un inno al mistero e alla wilderness dell’Appennino. 

Ma la piccola, grande lezione del Club 2000m non si ferma qui. Molti soci sono buoni alpinisti, ma l’impegno tecnico modesto di molte cime consente un tono scanzonato. Quasi tutti sono anche soci del CAI, ma non ci sono rivalità. Dopo anni di motivazioni complicate, e di ricerca delle difficoltà, collezionare cime è un ritorno ai primordi dell’andar per montagne. 

E’ un esempio che si può seguire anche altrove. I 4000 della Valle d’Aosta o del Vallese sono stati censiti e saliti, ma quanti sono i 3000 del Trentino? E i 2000 delle Orobie, o i 1000 della Sardegna? Qualcuno li ha saliti tutti? Forse, in futuro, ci attendono altre collezioni e altri club.

006a

006 - Monte Godi (PNALM)

007a

007 - Monte Morrone (Majella)

008a

008 - Monte Prena (Gran Sasso)

009a

009 - Monte Viglio (Simbruini)

010a

010 - Pizzo di Moscio (Monti della Laga)

011a

011 - Monte Amaro (Majella)

Nota: le foto n 001-002 e da 006 a 011 sono di Stefano Ardito

l'articolo è stato preso dal sito montagna.tv

 

 

Lunedì, 11 Dicembre 2017 14:49

Foto Nona Serata Sociale anno 2017

Scritto da

Work in progress....

 

02 Dicembre 2017

Monterotondo

 

001

Potete leggere qui il resoconto di questa splendida giornata scritto da Francesco Mancini 

002 

001

004

002

006

003

06a

003a

007

004

008

005

010

006 

011

007 

012

008 

013

009 

014

010 

015

011 

016

012 

017

013 

019

014 

020

015 

022

016 

024

017

001 - Socio Appenninista

018 

025

018a

026

019

027

020

028

021

029

022

030

023

031

024 

032

025 

002 - 50 Cime dellAppennino

025a

033

026 

034

027 

035

028 

036

029 

037

030 

038

031 

039

032 

040

033 

041

034 

042

035 

043

036 

044

037 

045

038 

003 - 100 Cime dellAppennino

038a

046

039 

047

040 

048

041 

049

042 

051

043 

052

044 

053

045 

054

046 

055

047 

056

048 

057

049 

058

050 

059

051 

060

052 

061

053 

 

053a

062

054 

063

055 

064

056 

065

057 

066

058

067

059 

004 - 200 Cime dellAppennino

059a

068

060 

069

061 

070

062 

071

063

072

064 

073

065 

074

066 

075

067 

076

068 

077

069 

078

070

079

071

099

072

080

073

005 - Tutte le Cime dellAppennino

073a

081

074

082

075

083

076 

084

076a 

085

077 

086

078 

087

079 

089

080

25 cime INVERNALI

080a 

090a

081 

091

082 

092

083 

50 cime INVERNALI

083a

093

084 

098a

085 

100 cime INVERNALI

085a

094

086 

095

087 

095a

087a

096a

088 

200 cime INVERNALI

088a

097

089  

160

090a

100

090b

162

090b

163

090c

164

090d

165

090e

091

090f

101

091 

103

092 

105

093 

106

094 

107

095 

108

096 

109

097 

110

098 

111

099 

112

100 

113

101 

114

102 

115

103 

116

104 

117

105 

118

106 

120

107 

122

108 

123

109 

124

110 

125

111 

126

112 

127

113 

129

114 

130

115 

131

116 

132

117 

133

118 

134

119 

135

120 

136

121 

138122 

139

123 

140

124 

141

125 

142

126 

143

127 

144

128 

145

129 

146

130 

147

131 

148

132 

149

133 

150

134 

151

135 

152

136 

153

137 

154

138 

155

139 

156

140 

157

141 

158

142 

159

143 

161

145 

160

146

LOGOnew-club2000m  

 

Grazie a tutti  voi  per aver aderito al progetto del  Club2000m e per aver partecipato alla Serata Sociale con il massimo dell'entusiasmo, rendendola "speciale";  un ringraziamento ed un applauso  particolare va a "Francesco Mancini "componente del direttivo , che ha organizzato alla grande tutto nei minimi particolari.

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

Il CLUB 2000M, i “ CORRIDORI del CIELO “ di L’AQUILA e la GIOVANE MONTAGNA di ROMA UNITI PER LA BENEDIZIONE DELLA MADONNINA SULLA TERZA VETTA DEL GRAN SASSO D’ITALIA

001a Intermesoli

Sabato 11 Novembre 2017 sulla innevata e non semplice quota di 2635m della Terza Vetta del Gruppo del Gran Sasso d’Italia si è svolta la commovente funzione religiosa della famosa Madonnina dell’Intermesoli.

La volontà, l’amicizia, la passione e la fede dei 2 organizzatori Paolo Boccabella, famoso alpinista Aquilano dell’Associazione “ I CORRIDORI del CIELO “, e Francesco Mancini, Grandissimo Appenninista e componente del Consiglio Direttivo del Club 2000m, hanno permesso la realizzazione di questo importante evento per la comunità Aquilana.

Fu proprio Paolo Boccabella legato da anni anche al Soccorso Alpino de L’Aquila e con ben 42 Cime da 4000 metri sulle spalle che nel 2005 ebbe l’idea di donare e posizionare sulla unica importante montagna “ nuda “ Aquilana questa Madonnina che per anni è stata il simbolo dell’Intermesoli.

Per più volte sia per cause legate ad eventi atmosferici che per cause legate a correnti ostracistiche di immagini sacre, atti vandalici hanno creato problemi a questo simbolo che unisce fede e montagna.

La Madonnina attuale è stato il frutto dello spirito religioso-montanaro della Ditta Pacini, simpatizzante dei Corridori del Cielo, che fece dono loro di questa Madonnina ritrovata sotto le macerie di Via Barete in L’Aquila.

Grazie a Paolo Boccabella a ai suoi “ Corridori del Cielo “ la Madonnina fu restaurata e riposizionata a 2635 metri con un congegno innovativo progettato dal Prof. Berardo Bella che si spera possa evitare futuri atti vandalici.

Mancava quindi solo la Benedizione opera di non semplice realizzazione vista l’ubicazione della Madonnina su una Cima d’Alta quota impossibile da raggiungere per un religioso “ non montanaro “.

L’amicizia del Boccabella con Francesco Mancini del Club 2000m ha chiuso il cerchio.

La conoscenza di Francesco Mancini all’interno dello Stato Città del Vaticano con il Sottosegretario del Pontificio Consiglio della Cultura Mons. Melchor Sanchez De Toca grande sportivo e Alpinista, salito anche sul Monte Bianco, hanno permesso la realizzazione della commovente funzione religiosa.

Dalle parole di PAPA FRANCESCO «La Chiesa si interessa di sport perché le sta a cuore l’uomo, tutto l’uomo  e riconosce che l’attività sportiva incide sulla formazione della persona, sulle relazioni, sulla spiritualità “.

Per questo motivo Monsignor Melchor è stato uno degli organizzatori del grande evento che si è svolto in Vaticano, dal 5 al 7 ottobre del 2016, come prima grande conferenza su sport e fede – titolo dell’iniziativa «Lo sport al servizio dell’umanità».

«Inclusion, involvement, inspiration saranno i tre grandi ‘in’ che indicano le aree tematiche del convegno – ha detto ancora Sánchez de Toca – Infatti, si cercherà di capire come sport e fede, insieme, possano contribuire a creare società più integrate (inclusion); a promuovere, nelle persone, coscienza civica e desiderio di impegnarsi per la comunità (involvement); a realizzare vite più sane, più integre e più complete (inspiration) per fare fronte alle grandi sfide dell’umanità».

Anche per questo motivo Monsignor Melchor si è messo a disposizione come religioso e alpinista insieme alla Giovane Montagna di Roma presieduta da Fabrizio Farroni, presente anche lui alla salita sull’Intermesoli, per tradurre in realtà l’impegno sportivo e religioso di tante persone.

Presente alla salita il Soccorso Alpino con Amedeo Ciuffetelli e al ritorno sul piazzale di Campo Imperatore nella Chiesetta di Giovanni Paolo II una delegazione del Comune de L’Aquila ad accogliere gli alpinisti.

Spedizione: Paolo Boccabella, Francesco Mancini, Monsignor Melchor Sanchez De Toca, Fabrizio Farroni, Amedeo Ciuffetelli, il Prof. Giuseppe D’Annunzio, Francesco Laurenzi, Luciano Porrelli e Italo Tobia.

per approfondire vedi Esplorandox

LOCANDINA

Francesco Mancini componente del Consiglio Direttivo del Club 2000m a nome personale come organizzatore dell’evento, del Presidente Giuseppe ALBRIZIO e del Direttivo tutto, comunica la realizzazione della importante 9^ Serata Sociale del Club 2000m che quest'anno si svolge in collaborazione con il CAI di Monterotondo (Roma) nella giornata di SABATO 2 DICEMBRE 2017 dalle 16 in poi con la consueta CENA SOCIALE finale.

La passione per la montagna ed in particolare per l’Appennino è alla base della costituzione, il 2 luglio 2007, del Club 2000m da parte di tre amici e grandi trekker, Giuseppe Albrizio (Presidente visitare il suo Sito personale Le mie Passeggiate), Claudio Carusi (Segretario) e Livio Rolle (Administrator del Sito).

Il Club 2000m ha l’obiettivo di salire su tutte le montagne (censite in un elenco ufficiale riconosciuto dai CAI del centro Italia) situate fra i 2000m ed i quasi 3000m del Gran Sasso d’Italia di tutto l’Appennino, dalle Marche al Molise passando per Lazio ed Abruzzo, senza dimenticare l’Appennino Tosco-Emiliano ed il Sirino-Pollino, per stimolare gli escursionisti che frequentano le montagne dell’Appennino a conoscerle sempre meglio, ad esplorare e raggiungere cime meno note, ad individuare nuovi percorsi, e a condividere con altri amici appassionati Appenninisti la bellezza dei luoghi, le vie di salita e gli itinerari individuati.

Quindi proprio quest’anno il Club 2000m ha compiuto 10 anni dalla nascita e si è pensato di far sì che i veri protagonisti della giornata dovevano essere tutti coloro che hanno creduto fin dall’inizio nella bellezza ed importanza del “ Progetto del Club 2000m “ completandolo nel corso di questo lungo periodo con l’impegno fisico, psicologico, e soprattutto anche economico visto i lunghi spostamenti.

Lo stimolo alla scoperta di nuove cime e di nuovi percorsi è dato dalla curiosità per quelle ancora non raggiunte, presenti nell’elenco ufficiale dei 2000 metri dell’Appennino, dove si offre la possibilità di spuntare su una scheda personale le montagne raggiunte, in una sorta di grande diario comune e di confrontarsi con gli altri in un albo, che ha il solo scopo di incitare ad uscire dai percorsi più battuti, senza alcun spirito agonistico ma solo esplorativo.

Il nostro invito è rivolto affinché i presenti all'evento possano conoscere dal vivo e soprattutto sentire dalla loro emozionata voce i sentimenti provati dai Grandissimi Appenninisti cioè coloro che hanno raggiunto TUTTE  le Cime dell'appennino e le motivazioni che li hanno spinti a completare l'Elenco.

Una serata come questa doveva avere come protagonista anche il vero “ RE degli APPENNINI “ cioè il GRAN SASSO D’ITALIA e quale occasione migliore se non la presentazione dell'importante volume, che lo rappresenta da un punto di vista culturale e scientifico (edito dalla Casa Editrice Ricerche&Redazioni di Giacinto DAMIANI), “ GRAN SASSO e SCIENZA “ scritto dal famoso Stefano ARDITO.

La presenza del giornalista, scrittore e iscritto al Club 2000m Stefano ARDITO renderà prestigiosa la serata con la presentazione di questo speciale Libro raccontandoci qualcosa “ sui 2 Osservatori Astronomici, sul GSSI e sui Laboratori sotterranei e magari su Orazio Delfico, l’emulo Abruzzese di Horace-Benédict de Saussure “.

Non mancheranno le premiazioni dei nostri iscritti con gli Scudetti delle 50-100-200 e TUTTE le Cime, insieme agli SCUDETTI INVERNALI di tutti coloro che hanno raggiunto le Cime anche nel difficile ambiente innevato ma soprattutto si cercherà di coinvolgere maggiormente i nostri futuri Appenninisti cioé i bambini con la consegna del SCUDETTO SOCIO APPENNINISTA.

Il Club 2000m con la semplicità e la purezza che i bambini esprimono nel raggiungimento di un Cima cerca di trasmettere i valori che solo la montagna può offrire loro.

Sia la manifestazione che la cena si svolgeranno al Centro di Monterotondo nella SALA TEATRALE POLIFUNZIONALE della Parrocchia di GESU' OPERAIO di Via Piave, 12 in Monterotondo (Roma).

Per la manifestazione teatrale si ricorda che l’ingresso è libero.

FOTO 1

001 - orgogliosi di mostrare l'appartenenza al Club 2000m e al Club Alpino Italiano 

FOTO 2

002 - il Presidente del Club 2000m e a destra il grande organizzatore

della serata, Francesco Mancini

FOTO 3

003 - il logo del Club 2000m

FOTO 4

004 - la copertina del libro presentata da Stefano Ardito

per approfondire vedi Esplorandox

 

Lunedì, 20 Novembre 2017 10:27

Antonio Rossi di Pizzone (Isernia)

Scritto da

Il Grandissimo Appenninista Antonio Rossi di Pizzone (Isernia)

ha realizzato un grande progetto

scalando tutte le vette dell'Appennino in meno di due anni.

IL primo Molisano della storia a compiere tale impresa

Rossi Antonio001

001 - Rossi Antonio di Pizzone

001 AEO CAI

FRANCESCO MANCINI

Voglio fare i miei complimenti personali ma anche a nome di tutti gli Appenninisti d'Italia al Presidente del Club 2000m Giuseppe Albrizio che il 3 ottobre 2017 direttamente dal CAI Nazionale ha ricevuto il titolo di Accompagnatore Escursionistico Onorario.
Tale assegnazione del tutto eccezionale viene riservata solo ai Soci che in uno specifico settore abbiano svolto attività significative e si siano particolarmente distinti.
Credo che sia il giusto riconoscimento per colui che è stato il punto di riferimento di tutto l'Appennino per la sua competenza, costanza e passione.
W il Presidente !!!

 

 

                               ilmamilio.it

                                        L'Informazione dei Castelli romani

Luciano Grassi1

Luciano Grassi2

Mercoledì, 12 Luglio 2017 19:00

Quarto Raduno in Montagna del Club 2000 m

Scritto da

 

 Club 2000m - gran festa per i suoi 10 anni di vita

Monte di Cambio (2081 m)

da Albaneto (Leonessa-Rieti)

 

per la descrizione dell'escursione e traccia GPX vedere qui: Monte di Cambio

per il racconto della giornata vedere l'articolo di Francesco Mancini: La Carica dei 100 + 4

  

001a

 

001 - la prima locandina che è circolata su facebook realizzata da Daniele Mancini con il padre Francesco

per propagandare la manifestazione del Club 2000m

002 

002 - la seconda locandina

003 

003 - i partecipanti alla manifestazione (più di 110 escursionisti provenienti da tutte le zone dell'Appennino e dal mare)

nella foto mancano i ritardatari e coloro che sono partiti dal versante opposto (Rifugio Angelo Sebastiani e da Mosè, Vallonina)

004 

004 - il Presidente di Zaininspalla Marco Mampieri....pronto per la partenza

005 

005

006 

006

007 

007

008 

008

009 

009

010 

010

011 

011

012 

012

13 

013

014 

014

014a

014a

015 

015

016 

016

017 

017

018 

018

019 

019

020 

020

021 

021

022 

022

023 

023

024 

024

025 

025

026 

026

027 

027

028 

028

029 

029

030 

030

031 

031

032 

032

033 

033

034 

034

035 

035

036 

036

037 

037

038 

038

039 

039

039a 

039a

040

040

041 

041

042 

042

043 

043

044 

044

045 

045

046 

046

047 

047

048 

048

049 

049

050 

050

051 

051

052 

052

053 

053

054 

054

055 

055

056 

056

057 

057

058 

058

059 

059

060 

060

061 

061

062 

062

063 

063

064 

064

065 

065

066 

066

067 

067

068 

068

069 

069

070 

070

071 

071

072 

072

073 

073

074 

074

075 

075

076 

076

077 

077

078 

078

079 

079

080 

080

081 

081

MountLive.com

Mancini: “Il Club2000m ormai abbraccia iscritti da tutto l’Appennino”

MANDRELLE

Francesco MANCINI raggiunge le 250 Cime sui 2214m di Cima delle Mandrelle della Majella

Ormai il 2016 è quasi alle spalle, possiamo fare un bilancio dell’attività del Club2000m in quest’anno?

Innanzitutto a nome del Consiglio Direttivo del Club 2000m ringrazio Il Direttore per lo spazio che offre alla nostra Associazione dimostrando una attenzione per tutte le realtà di montagna, anche quelle non istituzionalizzate, cosa che non può che far bene a tutto il movimento.
E’ stato un anno incredibile per quanto concerne il Club 2000m perché siamo arrivati a raggiungere la quota di 1000 Iscritti.
Ma la cosa che mi fa più piacere è che gli Iscritti non sono più soltanto legati al Centro Italia ma cominciano a partecipare al Progetto del Club anche montanari provenienti dal Nord e dal Sud.
Nel mio ruolo, che non è solo di Consigliere del Direttivo, ma anche di organizzatore di Eventi del Club mi interfaccio quotidianamente con tanti iscritti che mi chiedono informazioni e consigli su qualsiasi aspetto legato non solo al Club ma anche alla montagna in generale e sull’Appennino in particolare anche di Regioni lontane dalla nostra realtà classica.
Mi chiedono di fare da tramite ad aiutarli nel trovare altri compagni di montagna della loro stessa regione, essendo loro lontani, per partire insieme.
Questo arricchisce ulteriormente tutti noi indistintamente.

TILIA

Francesco MANCINI in MTB in solitaria su Cima di Monte Tilia (1775m) sopra Leonessa questa estate

A breve vi sarà la classica serata sociale che quest’anno si terrà a Roma. Cosa c’è in scaletta?

La Riunione Annuale che organizzo anche quest’anno ( e che spero approfondiremo in un altra occasione perché sarebbe un discorso molto lungo da affrontare adesso) si caratterizza da una aspetto di fondamentale importanza. 
Per la prima volta rispetto alle ultime edizioni, siamo slegati dal CAI, cosa che da una parte ci permette di affrontare liberamente tutte le nostre esigenze dall’altra mi ha caricato di molto lavoro in più rispetto al passato.
Questo non significa che in futuro non ci affiancheremo di nuovo al CAI che, per quanto concerne alcune Sezioni, si è dimostrato partecipe al Club 2000m.

In estate avete organizzato una salita al Velino insieme ad altre associazioni ed enti per il riposizionamento della Madonnina in vetta. Fatto che attesta che il Club è molto vicino a ciò che succede sul territorio…

Con il passare degli anni e soprattutto con la maggiore visibilità e quindi importanza del Club stiamo cercando di curare maggiormente alcuni aspetti di natura più specifica rispetto al passato.
Ci sentiamo maggiormente responsabilizzati anche se non è facile perché nasciamo come singoli montanari con un senso di individualità che spesso è prevalente, ma ci stiamo lavorando sopra.

Una chicca di quest’anno è anche il 1° Contest Foto che quest’anno ha per tema la «Montagna Visionaria». Un tema originale che invoglia i propri membri del sodalizio a vivere la montagna in modo lento, visionario e prestando attenzione a tutto ciò che li circonda…

Come dicono molte persone che mi vogliono bene e che apprezzano il mio entusiasmo ci pensavo da molto tempo a realizzare questa nuova iniziativa ma la spinta decisiva è stata proprio del vostro Quotidiano On Line che mi ha aiutato a concretizzarla.
Tuttavia i meriti per il lavoro che si sta facendo vanno a Claudio CARUSI (Segretario del Club 2000m) che come Presidente del Concorso Fotografico sta coordinando la Giuria per il risultato finale che vedrà come Premio una bellissima Targa sponsorizzata dalla Casa Editrice Edizioni IL LUPO che ho ideato e fatto realizzare a ricordo di un bel momento di partecipazione dei nostri Iscritti.

POLLINO

Francesco MANCINI il 10 Agosto 2016 sul Pollino festeggia l’incontro casuale con tanti Appenninisti segno di grande partecipazione numerica degli Iscritti al Club 2000m anche su montagne molto lontane

Sommariamente, quest’anno premierete anche coloro che hanno raggiunto i vari step di 50, 100, 200 e tutte le cime dell’Appennino. Quanti e chi sono?

Sono tanti e sono tutti forti montanari, forti perché non si pongono limiti kilometrici nel raggiungere le montagne più lontane di tutto l’Appennino.
Tuttavia ritengo che l’aspetto più importante della premiazione di quest’anno sia la nuova premiazione delle Cime Invernali.
Da tempo da una idea del famoso Alpinista, nostro iscritto, Cristiano IURISCI si era realizzato l’elenco di Cime salite anche in condizioni invernali da poter inserire nel proprio elenco personale.
Solitamente i nostri Appenninisti sono grandi escursionisti ma i più forti diventano anche Alpinisti salendo alcune montagne d’inverno quindi abbiamo realizzato lo Scudetto delle Cime Invernali.
Con l’occasione ringrazio il nostro nuovo iscritto Cleverson FERRARA e il Presidente Giuseppe ALBRIZIO che si sono adoperati per realizzare il nuovo bellissimo Scudetto.

L’Appennino centrale sta vivendo un periodo drammatico della propria storia a causa del terremoto che ha colpito varie regioni. Il Club si è mosso in qualche modo per testimoniare la propria vicinanza alle popolazioni?

Molti non sanno che alcuni nostri Appenninisti, che hanno per lavoro capacità specifiche, si sono adoperati privatamente recandosi sul posto per aiutare fattivamente le popolazioni colpite.

IL-TEMPIO

Francesco MANCINI raggiunge insieme al Presidente degli ZIS Marco MAMPIERI la Cima Alpinistica IL TEMPIO del SIRENTE

Dove vuole andare il Club2000m? Puoi illustrarci progetti ed intenti futuri?

Abbiamo in cantiere tante idee ma la più importante e difficile da realizzare sarà quella di darci una veste legale più completa che possa permetterci in futuro di operare con maggiore tranquillità per iniziative che necessitano di questo aspetto. Abbiamo bisogno del sostegno di tutti perché l’entusiasmo non basta quando si vuole crescere.
Intanto personalmente ed il Club 2000m aspetta tutti i montanari alla Riunione Annuale di Roma Sabato 3 Dicembre 2016 ore 16.30 al Teatro Regina Pacis in Via Maurizio Quadrio 23 con INGRESSO LIBERO.
Per partecipare alla CENA scrivere quanto prima alla seguente casella di posta elettronica Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo.

Un montanaro si racconta…

di Giorgio Carrozzini Gruppo Escursionistico Aria Sottile
La presentazione presente nel tuo sito è molto spartana e questo è indice di grande umiltà, non sei mica come me che te la canti e te la suoni a gran voce come se avessi fatto chi sa che cosa... Io avrei da imparare in tal senso... Sei veramente così come appari nel sito? Parlaci di te...

Penso di essere come tutti i comuni mortali (forse fisicamente e tecnicamente inferiore a tanti), con la passione dell' escursionismo, spinto sempre dalla curiosità di vedere di persona cosa c'è al di la di un valico, o al di là di una cima di una montagna. Ho sempre avuto questa curiosità, da piccolo vivendo ai piedi del Vesuvio, dove sono nato, osservavo quella enorme montagna (nei primi anni di vita tutto quello che si osserva sembra enorme) e avevo il desiderio di salire sulla vetta e osservare da lì il panorama ma non sapevo come realizzare questo sogno, oltretutto essendo abbastanza introverso ogni desiderio, voglia e altro me lo tenevo dentro di me.
Poi mio padre è stato trasferito in Sardegna (con tutta la famiglia al seguito), in un paesino di poche centinaia di abitanti al centro dell' isola e anche lì c' erano montagne all' infinito dall' apparenza inaccessibili e il desiderio di esplorazione dentro di me era sempre più forte. Nel pomeriggio dopo la scuola e nelle giornate d' estate il miglior modo per passare il tempo era di unirmi ad alcuni miei compagni che andavano a pascolare le pecore e quelle sono state le mie prime esperienze di "escursionismo" si andava in posti inimmaginabili, bellissimi e accessibili a pochi. Dalla Sardegna ritornati nuovamente nel Continente siamo finiti nel bel paese di Cittaducale e a Rieti ho frequentato le scuole medie superiori.
La prima volta che sono arrivato al paese, meglio, ancora prima di mettere piede nel paese la prima cosa che ho notato dalla S.S. Salaria sono stati gli enormi "mammelloni" montagnosi del Gruppo del Nuria.
Dalla finestra di casa, guardando questa montagna trasformarsi con il cambio delle stagioni ne rimanevo sempre più affascinato e il desiderio di raggiungerla era sempre più forte, ma non sapevo come fare, non conoscevo i sentieri, non conoscevo nessuna organizzazione escursionistica a cui iscrivermi…..ero proprio " ignorante " e non ero autonomo negli spostamenti non avendo auto. L' idea, quindi, di curiosare al di là delle montagne, inconsciamente, l' avevo messa da parte. A 25 anni insieme a mia moglie abbiamo iniziato a sciare (ho imparato da solo e anche se ho battuto tutte le piste del Terminillo, compreso i fuori pista come la Valle dell' Inferno e quella degli Angeli, tecnicamente sono molto, molto scarso).
La svolta l' ho avuta verso la fine degli anni ottanta quando nel bar-edicola del mio paese il mio sguardo si è posato su una piccola guida di una casa editrice di un paese vicino Roma, da allora ho iniziato a "volare", certo ho iniziato tardi (all' età di 35 anni) ma non mi sono fermato più e spero, con l' aiuto del Signore, di continuare ancora per tantissimo tempo.
Vedo per altro che hai fatto più di mille escursioni, complimenti davvero, ci vuole tempo per realizzare tante uscite. Se io uscissi tutte le domeniche non potrei farne più di 56 all'anno... Immagino che vai spesso in montagna, vero? Come fai ...?
Di media faccio due allenamenti sulle montagne sopra Cittaducale e un' escursione a settimana. L' escursione quasi sempre, il 99%, la faccio il sabato, qualche volta, se le condizioni meteorologiche lo consentono, mi prendo un giorno di ferie e esco anche a metà settimana, (sacrificando un allenamento), altre volte, perché impegnato in altre faccende, non riesco ad allenarmi ma il sabato vado lo stesso, diventa tutto più faticoso ma il "richiamo" è sempre forte.
Il frutto di tutte quelle uscite sono le tue ben 176 vette raggiunte fino ad oggi... vette maggiori e minori di tutto l'Appennino. Forse anche vette poco considerate ma di una bellezza che... solo i veri amanti della montagna conoscono... Quanta fatica vero? Ma quanta e quanta soddisfazione ogni volta?
Si, il frutto sono proprio le 176 vette raggiunte ma non solo quelle.
I gruppi montuosi li ho percorsi in lungo e in largo, le montagne le ho salite da quasi tutti i versanti e non mi sono accontentato di salire solo quelle oltre i 2000m, ho battuto a tappeto anche i gruppi minori, montagne che non superano i 1300m di altezza come, per esempio, i monti Sabini. La fatica è sempre tanta, la settimana la passo a pianificare l' escursione, a pensare dove andare, il tempo come sarà, scegliere più itinerari in modo da non rimanere spiazzato il giorno della partenza, se le condizioni meteorologiche sono buone si fa l' escursione su montagne alte e che richiedono dalle due alle tre ore di avvicinamento in auto, se il tempo non è ideale allora si sceglie un itinerario su montagne più vicine e basse.
Lo zaino lo preparo il giorno prima, devo rimanere concentrato per non dimenticare nulla, la mattina seguente la partenza è quasi sempre non oltre le 6.00, il viaggio in auto non è stressante ( per me ), il pensiero rimane sempre alla montagna da scalare, raggiunta la base di partenza non sento nessuna fatica delle tre ore di auto già fatte, l' eccitazione di raggiungere la vetta nasconde tutto e così è fino a quando si è in cima.
La vera fatica si fa sentire quando ormai sono appagato, soddisfatto di quello che ho fatto, e arriva poco prima di ritornare all' auto ma, durante il ritorno a casa già penso a quale potrà essere la meta successiva. Ogni escursione che faccio è sempre più bella e appagante della precedente, la soddisfazione di essere arrivato sulla vetta è indescrivibile, anche se la vetta non supera i 1000 metri di altezza.
E l'idea del Club 2000, bello mi piace anche se sappiamo entrambe che non rende il giusto merito a tutte le numerose escursioni che facciamo sulle vette dell'Appennino... che dici?
L' idea del 
Club 2000m è originale e mi piace moltissimo, certo, qualcuno potrebbe dire che è stato "scopiazzato" da quello dei 4000m ma, stiamo parlando di un altro pianeta frequentato per la maggior parte da professionisti e non ha nulla a che fare con il nostro Club. Secondo me nessuna classifica (di qualsiasi sport o altro) non rende mai il giusto merito. L' intendo del Club è quello di unire più escursionisti possibili per potersi scambiare informazioni, impressioni, per non tenere solo per se stessi quello che si è fatto ma rendere partecipi anche gli altri. Che senso ha, fare una grande fatica, una salita, per esempio sul Corno Grande e poi tenersela solo per se, non raccontarla agli amici, parenti, conoscenti in modo da invogliarli a fare la stessa cosa che hai fatto tu? Io la massima " soddisfazione" la provo solo quando incontro persone che sono saliti sulle stesse montagne e ci scambiamo quattro chiacchiere esternando tutta la soddisfazione, la bellezza del percorso e, perché no, parlare anche della grande fatica messa in gioco. Sulla classifica devo ancora dire che la volevo in ordine alfabetico di cognome (allora sarei rimasto in testa solo perché il mio cognome inizia con la lettera A) ma i miei due amici a cui va il merito dell' idea del Club e cioè Claudio Carusi e Livio Rolle ci hanno voluto mettere un minimo di competitività, ben venga anche questa, vorrà dire che ci impegneremo a cambiare spesso le montagne da raggiungere e non fare, come qualcuno fa, eternamente le stesso gruppo di montagne….come un mulo.
Insomma la montagna non è un posto comodo, in alcuni momenti può riservare anche una certa durezza. Ma la domanda te la devo fare... come mai hai cominciato a frequentare la montagna? E se posso chiedertelo... che senso ha tutto questo?
Questa domanda trova la soluzione già nelle risposte precedenti, comunque la montagna penso di avercela nel DNA, mi sono trovato a vivere nell' Appennino e allora ho dedicato tutto il mio tempo libero a questo ma, sicuramente, se vivevo a ridosso delle Alpi avrei dedicato lo stesso tempo a quelle grandi montagne. Per me andare in montagna è un hobby come può essere per un cacciatore andare a caccia, un pescatore andare a pesca e, uno che ha l' orto andare a zappare la terra. La differenza sostanziale e che io esco sperando di rimanere soddisfatto della meta da raggiungere senza avere nessun ritorno economico, mentre il cacciatore, il pescatore, il cercatore di funghi, quello che ha l' orto, ecc..ecc…pratica quel passatempo solo sperando di rifarsi dei soldi che ha speso...
Vedo che tuo fratello ti ha incitato alla costruzione del sito, questo mi fa capire che sei stato sostenuto dalla famiglia in questa tua passione, vero?
La famiglia è sempre stata una "nota" positiva in questa mia passione. Da parte loro mi è sempre stato trasmesso entusiasmo e a volte mi hanno incitato a "uscire" anche quando non ne avevo voglia.
E gli amici? Cosa pensano della tua passione? Qualcuno ti ha seguito nelle tue avventure?

Gli amici sono contenti e entusiasti della mia passione, quando li incontro ascoltano sempre volentieri e con attenzione i racconti delle mie escursioni, qualcuno non concepisce l'andare in montagna senza uno scopo che può essere la ricerca di funghi, asparagi, e altro e rimane, da un lato sconcertato e dall' altro meravigliato che io possa andare in montagna solo per il gusto di salire su una cima. Mi hanno seguito in tanti ma, ahimè, chi per un motivo chi per un altro li ho persi tutti. C'è da dire che non tutti sono disponibili a seguirmi per un' intera giornata, alzarsi presto la mattina e per giunta di un giorno non festivo (come ho risposto in una domanda precedente raramente esco di domenica). Altri amici li ho abbandonati volontariamente perché nelle gite, lunghe e dure, la loro presenza era solo di sconforto, non facevano altro che lamentarsi sia delle lunghe " tradotte con l' auto " che delle escursioni vere e proprie. Altri ancora non li ho più portati perché, nonostante aver pianificato la gita e avergli detto di presentarsi la mattina con le borracce piene di acqua arrivavano sempre senza costringendomi poi a cercare una fonte nel paese più vicino alla base di partenza perdendo così tantissimo tempo, oppure non facevano colazione a casa e dovevano fermarsi a un bar, altri se, lungo l' escursione, incontravano funghi ne facevano l' obiettivo primario e altri ancora, durante la gita se il tempo cambiava e si metteva a piovere diventavano "ingovernabili" … "impazzivano" (tutti a me sono capitati) e rinunciavano alla meta tornando sui loro passi correndo a più non posso (cosa che detesto) con il rischio, e qualche volta è successo, di perdere il sentiero. A un certo punto sono arrivato alla conclusione che è meglio andare soli che male accompagnati e di solito, anche se a malincuore, così faccio.
Poi, nel tuo sito vedo che hai fatto un bello studio sui Cippi di Confine. Credo di non aver mai visto una altro lavoro di questo genere. Se fossi stato io ad incontrare i cippi di confine sarei rimasto con le domande senza risposta, invece tu hai osato posare lo sguardo (e la mente) la dove pigrizia ed ignoranza di molti non osa andare. Come è nata questa cosa?
Le mie prime escursioni le ho fatte sui monti Reatini; percorrendo questi sentieri, mi sono imbattuto per la prima volta in una grossa pietra circolare con il basamento quadrato e sono rimasto meravigliato da quella visione. Camminando in altri sentieri, sempre sui monti Reatini, ne ho incontrati diversi ed osservandoli attentamente, mi sono accorto che ciascuno portava un numero differente; da quel momento è nata questa passione perché ho capito che seguendo una certa linea avrei avuto la possibilità di trovarne altri con numero crescente o decrescente a seconda del senso.
In fine vedo ... quante foto... quante quante. Quante. Lo sappiamo io e te che di foto ne facciamo molte. Davvero cosa speriamo di portarci a casa? Ci riusciamo davvero oppure quello che viviamo in montagna ci rimane solo dentro?
Di foto stampate ne ho veramente tantissime, tutte catalogate e divise per gruppi montuosi. Ognuna porta la data e la descrizione dettagliata dell'immagine (veramente un lavorone). Quando sono passato al digitale le immagini sono aumentate, anche qui, ognuna ha la descrizione particolareggiata. Ogni piccolo attimo vissuto in montagna mi rimane dentro; guardando le foto mi accorgo del tempo che, purtroppo, passa inesorabile e riesco ad avere, per un istante, le stesse sensazioni avute durante quelle passeggiate.

Il sito di Giuseppe Albrizio è: Le mie Passeggiate di Giuseppe Albrizio

InizioPrec123456SuccFine
Pagina 1 di 6

Newsletter

Se non ti vuoi iscrivere al Club ma vuoi comunque rimanere informato delle novità. Iscriviti alla Newsletter.
Saremo discreti e rispettermo la tua privacy.

Menu Utente

NOTA! Questo sito utilizza i cookie e tecnologie simili.

Se non si modificano le impostazioni del browser, l'utente accetta. Per saperne di piu'

Approvo