Club 2000m

Club Collezionisti Cime dell'Appennino

facebook

Martedì, 23 Maggio 2017 14:08

Intervista a Giuseppe Albrizio di Giorgio Carrozzini

Scritto da 
Vota questo articolo
(5 Voti)

Un montanaro si racconta…

di Giorgio Carrozzini Gruppo Escursionistico Aria Sottile
La presentazione presente nel tuo sito è molto spartana e questo è indice di grande umiltà, non sei mica come me che te la canti e te la suoni a gran voce come se avessi fatto chi sa che cosa... Io avrei da imparare in tal senso... Sei veramente così come appari nel sito? Parlaci di te...

Penso di essere come tutti i comuni mortali (forse fisicamente e tecnicamente inferiore a tanti), con la passione dell' escursionismo, spinto sempre dalla curiosità di vedere di persona cosa c'è al di la di un valico, o al di là di una cima di una montagna. Ho sempre avuto questa curiosità, da piccolo vivendo ai piedi del Vesuvio, dove sono nato, osservavo quella enorme montagna (nei primi anni di vita tutto quello che si osserva sembra enorme) e avevo il desiderio di salire sulla vetta e osservare da lì il panorama ma non sapevo come realizzare questo sogno, oltretutto essendo abbastanza introverso ogni desiderio, voglia e altro me lo tenevo dentro di me.
Poi mio padre è stato trasferito in Sardegna (con tutta la famiglia al seguito), in un paesino di poche centinaia di abitanti al centro dell' isola e anche lì c' erano montagne all' infinito dall' apparenza inaccessibili e il desiderio di esplorazione dentro di me era sempre più forte. Nel pomeriggio dopo la scuola e nelle giornate d' estate il miglior modo per passare il tempo era di unirmi ad alcuni miei compagni che andavano a pascolare le pecore e quelle sono state le mie prime esperienze di "escursionismo" si andava in posti inimmaginabili, bellissimi e accessibili a pochi. Dalla Sardegna ritornati nuovamente nel Continente siamo finiti nel bel paese di Cittaducale e a Rieti ho frequentato le scuole medie superiori.
La prima volta che sono arrivato al paese, meglio, ancora prima di mettere piede nel paese la prima cosa che ho notato dalla S.S. Salaria sono stati gli enormi "mammelloni" montagnosi del Gruppo del Nuria.
Dalla finestra di casa, guardando questa montagna trasformarsi con il cambio delle stagioni ne rimanevo sempre più affascinato e il desiderio di raggiungerla era sempre più forte, ma non sapevo come fare, non conoscevo i sentieri, non conoscevo nessuna organizzazione escursionistica a cui iscrivermi…..ero proprio " ignorante " e non ero autonomo negli spostamenti non avendo auto. L' idea, quindi, di curiosare al di là delle montagne, inconsciamente, l' avevo messa da parte. A 25 anni insieme a mia moglie abbiamo iniziato a sciare (ho imparato da solo e anche se ho battuto tutte le piste del Terminillo, compreso i fuori pista come la Valle dell' Inferno e quella degli Angeli, tecnicamente sono molto, molto scarso).
La svolta l' ho avuta verso la fine degli anni ottanta quando nel bar-edicola del mio paese il mio sguardo si è posato su una piccola guida di una casa editrice di un paese vicino Roma, da allora ho iniziato a "volare", certo ho iniziato tardi (all' età di 35 anni) ma non mi sono fermato più e spero, con l' aiuto del Signore, di continuare ancora per tantissimo tempo.
Vedo per altro che hai fatto più di mille escursioni, complimenti davvero, ci vuole tempo per realizzare tante uscite. Se io uscissi tutte le domeniche non potrei farne più di 56 all'anno... Immagino che vai spesso in montagna, vero? Come fai ...?
Di media faccio due allenamenti sulle montagne sopra Cittaducale e un' escursione a settimana. L' escursione quasi sempre, il 99%, la faccio il sabato, qualche volta, se le condizioni meteorologiche lo consentono, mi prendo un giorno di ferie e esco anche a metà settimana, (sacrificando un allenamento), altre volte, perché impegnato in altre faccende, non riesco ad allenarmi ma il sabato vado lo stesso, diventa tutto più faticoso ma il "richiamo" è sempre forte.
Il frutto di tutte quelle uscite sono le tue ben 176 vette raggiunte fino ad oggi... vette maggiori e minori di tutto l'Appennino. Forse anche vette poco considerate ma di una bellezza che... solo i veri amanti della montagna conoscono... Quanta fatica vero? Ma quanta e quanta soddisfazione ogni volta?
Si, il frutto sono proprio le 176 vette raggiunte ma non solo quelle.
I gruppi montuosi li ho percorsi in lungo e in largo, le montagne le ho salite da quasi tutti i versanti e non mi sono accontentato di salire solo quelle oltre i 2000m, ho battuto a tappeto anche i gruppi minori, montagne che non superano i 1300m di altezza come, per esempio, i monti Sabini. La fatica è sempre tanta, la settimana la passo a pianificare l' escursione, a pensare dove andare, il tempo come sarà, scegliere più itinerari in modo da non rimanere spiazzato il giorno della partenza, se le condizioni meteorologiche sono buone si fa l' escursione su montagne alte e che richiedono dalle due alle tre ore di avvicinamento in auto, se il tempo non è ideale allora si sceglie un itinerario su montagne più vicine e basse.
Lo zaino lo preparo il giorno prima, devo rimanere concentrato per non dimenticare nulla, la mattina seguente la partenza è quasi sempre non oltre le 6.00, il viaggio in auto non è stressante ( per me ), il pensiero rimane sempre alla montagna da scalare, raggiunta la base di partenza non sento nessuna fatica delle tre ore di auto già fatte, l' eccitazione di raggiungere la vetta nasconde tutto e così è fino a quando si è in cima.
La vera fatica si fa sentire quando ormai sono appagato, soddisfatto di quello che ho fatto, e arriva poco prima di ritornare all' auto ma, durante il ritorno a casa già penso a quale potrà essere la meta successiva. Ogni escursione che faccio è sempre più bella e appagante della precedente, la soddisfazione di essere arrivato sulla vetta è indescrivibile, anche se la vetta non supera i 1000 metri di altezza.
E l'idea del Club 2000, bello mi piace anche se sappiamo entrambe che non rende il giusto merito a tutte le numerose escursioni che facciamo sulle vette dell'Appennino... che dici?
L' idea del 
Club 2000m è originale e mi piace moltissimo, certo, qualcuno potrebbe dire che è stato "scopiazzato" da quello dei 4000m ma, stiamo parlando di un altro pianeta frequentato per la maggior parte da professionisti e non ha nulla a che fare con il nostro Club. Secondo me nessuna classifica (di qualsiasi sport o altro) non rende mai il giusto merito. L' intendo del Club è quello di unire più escursionisti possibili per potersi scambiare informazioni, impressioni, per non tenere solo per se stessi quello che si è fatto ma rendere partecipi anche gli altri. Che senso ha, fare una grande fatica, una salita, per esempio sul Corno Grande e poi tenersela solo per se, non raccontarla agli amici, parenti, conoscenti in modo da invogliarli a fare la stessa cosa che hai fatto tu? Io la massima " soddisfazione" la provo solo quando incontro persone che sono saliti sulle stesse montagne e ci scambiamo quattro chiacchiere esternando tutta la soddisfazione, la bellezza del percorso e, perché no, parlare anche della grande fatica messa in gioco. Sulla classifica devo ancora dire che la volevo in ordine alfabetico di cognome (allora sarei rimasto in testa solo perché il mio cognome inizia con la lettera A) ma i miei due amici a cui va il merito dell' idea del Club e cioè Claudio Carusi e Livio Rolle ci hanno voluto mettere un minimo di competitività, ben venga anche questa, vorrà dire che ci impegneremo a cambiare spesso le montagne da raggiungere e non fare, come qualcuno fa, eternamente le stesso gruppo di montagne….come un mulo.
Insomma la montagna non è un posto comodo, in alcuni momenti può riservare anche una certa durezza. Ma la domanda te la devo fare... come mai hai cominciato a frequentare la montagna? E se posso chiedertelo... che senso ha tutto questo?
Questa domanda trova la soluzione già nelle risposte precedenti, comunque la montagna penso di avercela nel DNA, mi sono trovato a vivere nell' Appennino e allora ho dedicato tutto il mio tempo libero a questo ma, sicuramente, se vivevo a ridosso delle Alpi avrei dedicato lo stesso tempo a quelle grandi montagne. Per me andare in montagna è un hobby come può essere per un cacciatore andare a caccia, un pescatore andare a pesca e, uno che ha l' orto andare a zappare la terra. La differenza sostanziale e che io esco sperando di rimanere soddisfatto della meta da raggiungere senza avere nessun ritorno economico, mentre il cacciatore, il pescatore, il cercatore di funghi, quello che ha l' orto, ecc..ecc…pratica quel passatempo solo sperando di rifarsi dei soldi che ha speso...
Vedo che tuo fratello ti ha incitato alla costruzione del sito, questo mi fa capire che sei stato sostenuto dalla famiglia in questa tua passione, vero?
La famiglia è sempre stata una "nota" positiva in questa mia passione. Da parte loro mi è sempre stato trasmesso entusiasmo e a volte mi hanno incitato a "uscire" anche quando non ne avevo voglia.
E gli amici? Cosa pensano della tua passione? Qualcuno ti ha seguito nelle tue avventure?

Gli amici sono contenti e entusiasti della mia passione, quando li incontro ascoltano sempre volentieri e con attenzione i racconti delle mie escursioni, qualcuno non concepisce l'andare in montagna senza uno scopo che può essere la ricerca di funghi, asparagi, e altro e rimane, da un lato sconcertato e dall' altro meravigliato che io possa andare in montagna solo per il gusto di salire su una cima. Mi hanno seguito in tanti ma, ahimè, chi per un motivo chi per un altro li ho persi tutti. C'è da dire che non tutti sono disponibili a seguirmi per un' intera giornata, alzarsi presto la mattina e per giunta di un giorno non festivo (come ho risposto in una domanda precedente raramente esco di domenica). Altri amici li ho abbandonati volontariamente perché nelle gite, lunghe e dure, la loro presenza era solo di sconforto, non facevano altro che lamentarsi sia delle lunghe " tradotte con l' auto " che delle escursioni vere e proprie. Altri ancora non li ho più portati perché, nonostante aver pianificato la gita e avergli detto di presentarsi la mattina con le borracce piene di acqua arrivavano sempre senza costringendomi poi a cercare una fonte nel paese più vicino alla base di partenza perdendo così tantissimo tempo, oppure non facevano colazione a casa e dovevano fermarsi a un bar, altri se, lungo l' escursione, incontravano funghi ne facevano l' obiettivo primario e altri ancora, durante la gita se il tempo cambiava e si metteva a piovere diventavano "ingovernabili" … "impazzivano" (tutti a me sono capitati) e rinunciavano alla meta tornando sui loro passi correndo a più non posso (cosa che detesto) con il rischio, e qualche volta è successo, di perdere il sentiero. A un certo punto sono arrivato alla conclusione che è meglio andare soli che male accompagnati e di solito, anche se a malincuore, così faccio.
Poi, nel tuo sito vedo che hai fatto un bello studio sui Cippi di Confine. Credo di non aver mai visto una altro lavoro di questo genere. Se fossi stato io ad incontrare i cippi di confine sarei rimasto con le domande senza risposta, invece tu hai osato posare lo sguardo (e la mente) la dove pigrizia ed ignoranza di molti non osa andare. Come è nata questa cosa?
Le mie prime escursioni le ho fatte sui monti Reatini; percorrendo questi sentieri, mi sono imbattuto per la prima volta in una grossa pietra circolare con il basamento quadrato e sono rimasto meravigliato da quella visione. Camminando in altri sentieri, sempre sui monti Reatini, ne ho incontrati diversi ed osservandoli attentamente, mi sono accorto che ciascuno portava un numero differente; da quel momento è nata questa passione perché ho capito che seguendo una certa linea avrei avuto la possibilità di trovarne altri con numero crescente o decrescente a seconda del senso.
In fine vedo ... quante foto... quante quante. Quante. Lo sappiamo io e te che di foto ne facciamo molte. Davvero cosa speriamo di portarci a casa? Ci riusciamo davvero oppure quello che viviamo in montagna ci rimane solo dentro?
Di foto stampate ne ho veramente tantissime, tutte catalogate e divise per gruppi montuosi. Ognuna porta la data e la descrizione dettagliata dell'immagine (veramente un lavorone). Quando sono passato al digitale le immagini sono aumentate, anche qui, ognuna ha la descrizione particolareggiata. Ogni piccolo attimo vissuto in montagna mi rimane dentro; guardando le foto mi accorgo del tempo che, purtroppo, passa inesorabile e riesco ad avere, per un istante, le stesse sensazioni avute durante quelle passeggiate.

Il sito di Giuseppe Albrizio è: Le mie Passeggiate di Giuseppe Albrizio

Letto 360 volte Ultima modifica il Martedì, 14 Novembre 2017 20:06

Newsletter

Se non ti vuoi iscrivere al Club ma vuoi comunque rimanere informato delle novità. Iscriviti alla Newsletter.
Saremo discreti e rispettermo la tua privacy.

Menu Utente

NOTA! Questo sito utilizza i cookie e tecnologie simili.

Se non si modificano le impostazioni del browser, l'utente accetta. Per saperne di piu'

Approvo